Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Cineforum
mercoledì 7 febbraio 2001 - Ore 20:45

Sonatine di Takeshi Kitano

di Takeshi Kitano

Sonatine di Takeshi Kitano

Takeshi Kitano

Aya Kokumai

Tetsu Watanabe

Anno: 1993 
Nazione: Giappone
Durata: 94 minuti

Murakawa, piccolo yakuza stanco della sua vita da gangster, viene mandato nell'isola di Okinawa a fare da pacere tra due bande rivali. In realtà la missione è una trappola per eliminarlo. 

Il film ha vinto il Festival di Taormina del 1993 e da molti è considerato il capolavoro di Takeshi Kitano qui in veste di regista, sceneggiatore, attore e montatore. 

L'estate di Murakawa è gentile, tenera e crudele. Ha la ferocia antica e immutabile delle leggi della yakuza. Ha l'incoscienza di un'innocenza negata e vissuta su un arenile di Okinawa, ultima spiaggia, capolinea di una vita ormai estranea al protagonista e agli uomini del suo clan. Ha la grazia ludica delle gare di tiro al frisbee, delle trappole nascoste nella sabbia, di una farsesca roulette russa, delle battaglie notturne con i petardi, della simulazione di incontri di sumo. Giocare come bambini invecchiati, pieni di paure, pronti a puntare una pistola e a fare fuoco perché nessuno può essere considerato un vero "tough guy" e soprattutto aspettare, accarezzare il vuoto, maestoso e dolce, nei quali i destini incerti dei personaggi possono essere risucchiati di colpo. Paesaggi, stanze, strade, città appaiono spogliati, quasi disabitati, attraversati, in campo lungo, da qualche rara automobile o da sagome di esseri umani impenetrabili. Le inquadrature hanno la compostezza seducente di un acquerello da contemplare e in cui, improvvisa e impetuosa, si accende la violenza, sbocciano fiori di sangue sui corpi, si cammina, senza un lamento o un gemito, verso la morte. Dentro un ascensore (una scena meravigliosa), seduti sul sedile posteriore di una macchina, in un night, tra due bicchieri di birra, legati e immersi nell'acqua fino ad affogare, durante un black out in un albergo, dopo uno stupro. 

"Sonatine", presentato nella sezione "Un certain regard" al Festival di Cannes nel 1993, è uno dei capolavori di Takeshi Kitano e anticipa la grammatica cerebrale del furore omicida di "Hana-Bi" e la grammatica emotiva del viaggio di Kikujro alla ricerca della madre di Masao nel suo ultimo film. Le convenzioni dello "yakuza eiga" scoprono il valore del silenzio, sono tonificate dall'ironia e da un umorismo nero e astratto, rallentano e frammentano l'azione o accelerano, di scatto, i tempi del racconto, osservano, con rispetto, la tragica e inespressiva maschera di un Pierrot e del suo clan insabbiati ad Okinawa.

In contemporanea alla proiezione saranno presentate le opere di Barbara Pozzi

Il prossimo film


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail