Auditorium di Casatenovo. 50 anni di cinema e teatro

Classificazione delle opere cinematografiche

Il decreto legislativo 7 dicembre 2017, n. 203 ha riformato la materia della revisione cinematografica dettando nuove disposizioni in materia di classificazione delle opere cinematografiche con riguardo ai profili organizzativi, procedimentali e sanzionatori.

In base alla nuova disciplina le opere cinematografiche sono classificabili, in base al pubblico di destinazione, nel modo seguente:

 Opera per tutti

Opere per tutti

 Opera non adatte ai minori di anni 6

Opere non adatte ai minori di anni 6

Opera vietata ai minori di anni 14 (salvo che non sia accompagnato da un genitore o da chi esercita la responsabilità genitoriale e abbia compiuto almeno 12 anni)

Opere vietate ai minori di anni 14 (salvo che non sia accompagnato da un genitore o da chi esercita la responsabilità genitoriale e abbia compiuto almeno 12 anni)

Opera vietata ai minori di anni 18 (salvo che non sia accompagnato da un genitore o da chi esercita la responsabilità genitoriale e abbia compiuto almeno 16 anni)

Opere vietate ai minori di anni 18 (salvo che non sia accompagnato da un genitore o da chi esercita la responsabilità genitoriale e abbia compiuto almeno 16 anni)

Sono considerati contenuti sensibili le scene che, in base alle categorie ed ai criteri di seguito indicati, potrebbero essere potenzialmente dannose per il minore. Essi sono ricondotti alle seguenti 6 categorie, con le connesse caratteristiche:

Violenza

Violenza. Si fa riferimento a tutti i tipi di violenza, da quella fisica a quella psicologica, inclusi i casi di stupro e molestie sessuali

Sesso

Sesso. Le scene che presentano sequenze erotiche di vario tipo o riferimenti ad esse

Uso di armi

Uso di armi. L’uso da parte dei personaggi di armi da fuoco, esplosivi, coltelli, etc.

Linguaggio e turpiloquio

Linguaggio e turpiloquio. L’uso da parte dei personaggi di un linguaggio volgare o blasfemo

Uso di sostanze stupefacenti o alcol. L’uso ripetuto di alcol o il consumo di uno o più tipi di droghe

Discriminazione

Discriminazione e incitamento all’odio. L’uso di comportamenti scorretti adottati da alcuni personaggi nei confronti di altri, per ragioni di razza, genere, orientamento sessuale, condizione fisica, etc

Il decreto legislativo 203 del 2017 introduce il principio di responsabilizzazione degli operatori cinematografici, chiamati a individuare la corretta classificazione dell’opera in base alla fascia d’età del pubblico destinatario e a sottoporla alla verifica della Commissione per la classificazione delle opere cinematografiche.

Decreto e linee guida (PDF) - Database classificazione


Facebook Instagram Twitter Youtube

Viale Parini 1, 23880 Casatenovo LC

P. IVA: 01289690131

Segreteria telefonica e fax: 039 9202855 - E-mail

area riservata - informazioni legali