Auditorium di Casatenovo. 50 anni di cinema e teatro

Cineforum
mercoledì 7 febbraio 2001 - Ore 20:45

Sonatine di Takeshi Kitano

di Takeshi Kitano

Sonatine di Takeshi Kitano

Takeshi Kitano

Aya Kokumai

Tetsu Watanabe

Anno: 1993 
Nazione: Giappone
Durata: 94 minuti

Murakawa, piccolo yakuza stanco della sua vita da gangster, viene mandato nell'isola di Okinawa a fare da pacere tra due bande rivali. In realtà la missione è una trappola per eliminarlo. 

Il film ha vinto il Festival di Taormina del 1993 e da molti è considerato il capolavoro di Takeshi Kitano qui in veste di regista, sceneggiatore, attore e montatore. 

L'estate di Murakawa è gentile, tenera e crudele. Ha la ferocia antica e immutabile delle leggi della yakuza. Ha l'incoscienza di un'innocenza negata e vissuta su un arenile di Okinawa, ultima spiaggia, capolinea di una vita ormai estranea al protagonista e agli uomini del suo clan. Ha la grazia ludica delle gare di tiro al frisbee, delle trappole nascoste nella sabbia, di una farsesca roulette russa, delle battaglie notturne con i petardi, della simulazione di incontri di sumo. Giocare come bambini invecchiati, pieni di paure, pronti a puntare una pistola e a fare fuoco perché nessuno può essere considerato un vero "tough guy" e soprattutto aspettare, accarezzare il vuoto, maestoso e dolce, nei quali i destini incerti dei personaggi possono essere risucchiati di colpo. Paesaggi, stanze, strade, città appaiono spogliati, quasi disabitati, attraversati, in campo lungo, da qualche rara automobile o da sagome di esseri umani impenetrabili. Le inquadrature hanno la compostezza seducente di un acquerello da contemplare e in cui, improvvisa e impetuosa, si accende la violenza, sbocciano fiori di sangue sui corpi, si cammina, senza un lamento o un gemito, verso la morte. Dentro un ascensore (una scena meravigliosa), seduti sul sedile posteriore di una macchina, in un night, tra due bicchieri di birra, legati e immersi nell'acqua fino ad affogare, durante un black out in un albergo, dopo uno stupro. 

"Sonatine", presentato nella sezione "Un certain regard" al Festival di Cannes nel 1993, è uno dei capolavori di Takeshi Kitano e anticipa la grammatica cerebrale del furore omicida di "Hana-Bi" e la grammatica emotiva del viaggio di Kikujro alla ricerca della madre di Masao nel suo ultimo film. Le convenzioni dello "yakuza eiga" scoprono il valore del silenzio, sono tonificate dall'ironia e da un umorismo nero e astratto, rallentano e frammentano l'azione o accelerano, di scatto, i tempi del racconto, osservano, con rispetto, la tragica e inespressiva maschera di un Pierrot e del suo clan insabbiati ad Okinawa.

In contemporanea alla proiezione saranno presentate le opere di Barbara Pozzi

Il prossimo film


Facebook   Instagram   twitter

Viale Parini 1, 23880 Casatenovo LC

P. IVA: 01289690131

Fax: 039 9202855 - E-mail

area riservata - informazioni legali