Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Io sono leggenda - Will Smith

Io sono leggenda

Sabato 9 febbraio Ore 21:00
Domenica 10 febbraio Ore 16:00 e 21:00

In seguito ad un terribile virus che ha contagiato l'intero pianeta, il brillante scienziato Robert Neville è l'ultimo uomo rimasto sulla Terra. Ma non è solo. Il virus infatti non ha ucciso la popolazione del pianeta, ma la ha trasformata in terribili mutanti simili ai vampiri, che si muovono solo di notte. Da più di tre anni Robert cerca di mettersi in contatto con altri sopravvissuti e di trovare una cura al virus basandosi sul suo sangue, che ne appare immune. Ma non è cosa facile, dovendosi anche difendere dalle orde di mutanti che bramano il suo sangue...

Io sono leggenda è il terzo adattamento dell'omonimo romanzo di Richard Matheson.

Regia Francis Lawrence
Sceneggiatura Mark Protosevich
  Akiva Goldsman
Durata 1h 41'

Will Smith Salli Richardson
Alice Braga Paradox Pollack

Vieni al cinema alla domenica sera. Costa meno!

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema ACEC)

Giudizio: accettabile, problematico **

Tematiche: Fantascienza; Letteratura; Libertà

Dopo "L'ultimo uomo sulla Terra" (1963) e "1975: occhi bianchi sul Pianeta Terra" (1971), siamo alla terza versione filmica del romanzo 'Io sono leggenda' di Richard Matheson. La graduatoria di merito tra le tre è aperta. Qui il regista crea il giusto scenario inquietante, tiene viva l'attenzione, coinvolge muovendosi nei tortuosi meandri della difficile convivenza tra bene e male, normalità e pazzia, razionalità e sperimentalismo. Precisa é la critica alla presunta onnipotenza della ricerca scientifica, ben evidenziate le ferite che si aprono negli spazi della metafisica e procurano le ferite dell'anima. Apocalittico e insieme spettacolare, il film, dal punto di vista pastorale, é da valutare come accettabile e nell'insieme problematico.

Utilizzazione: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria, e da proporre in altre occasioni per sviscerare con più attenzione i temi che affronta. Qualche attenzione é da tenere per i più piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

La critica

"'Io sono leggenda' consacra la carica furba visionaria di Francis Lawrence che è inferiore alla sua tenuta narrativa e alla sua potenza introspettiva. Smith, con pochi costosi flashback di fuga di famiglia dove scrittura la sua piccola Willow, è mattatore a ciclo completo: sfoggia i pettorali, finisce appeso all'insù e con un chiodo alla coscia, lascia messaggi radio, imita Bob Marley e soggiorna a Washington Square come 'L'ereditiera' di Henry James: in fondo, un tasso di angoscia sopportabile nel 2012, che un tempo era data fantascientifica ma oggi è a portata di mano. Sfuma il tasso di preveggenza e di allarmismo ed aumenta la voglia di esprimere un divertimento primordiale di violenza, ma tradendo poi l'autore in modo ottimisticamente infedele." (Maurizio Porro, 'Corriere della Sera', 11 gennaio 2008)

"'Io sono leggenda' è un libro fondamentale e struggente. Infatti, questo film era atteso da molto. Purtroppo, il regista Francis Lawrence e lo sceneggiatore Akiwa Goldsman, oltre ai maldestri riferimenti a 9/11 (la città viene definita due volte ground zero), hanno deciso di 'attualizzare' ulteriormente il materiale per questi nostri tempi buonisti e poco ricettivi alle cattive notizie, aggiungendo alla storia due elementi che Matheson non aveva proprio contemplato: Dio (nell'apparizione di Alicia Braga, un'altra sopravvissuta) e la speranza. Un tradimento imperdonabile." (Giulia D'Agnolo Vallan, 'Il Manifesto', 11 gennaio 2008)

"Will Smith, fervido sostenitore di Barack Obama, qui diventa alfiere (involontario?) di Hickabee. In più ci piazza anche il lieto fine. Tradimento insopportabile al libro, rispetto al resto della pellicola: Matheson conclude il suo romanzo con cinismo feroce e cupo, segnando l'uguaglianza tra mostri e presunti normali. Ottanta minuti di buon cinema, però, sono funzionali per recuperare due gemme: usciti dalla sala morirete dalla voglia di comprare il libro e di leggerlo accompagnati dalla calzante e commovente colonna sonora della pellicola, per musica e parole. Quale? 'Legend', ovviamente, di Bob Marley ."(Boris Sollazzo, 'Liberazione', 11 gennaio 2008)

"Diretto dal regista di 'Constantine' con Keanu Reeves, 'Io sono leggenda' è la terza versione del celebre romanzo di Richard Matheson già portato sullo schermo nel 1963 ('L'ultimo uomo della Terra' di Sidney Salkow e Ubaldo Ragona, con Vincent Price) e nel 1971 ('1975: occhi bianchi sul pianeta Terra' di Boris Sagal, con Charlton Heston). Il film italo-americano, di gran lunga il migliore, era un piccolo e imitatissimo gioiello concettuale a basso budget, tutto girato all'Eur. Il remake del 1971 giocava senza troppa convinzione la carta del catastrofismo in stile kolossal. 'Io sono leggenda' invece si adegua al roboante cinema d'azione d'oggi, troppo schiavo dei videogame e degli effetti più o meno speciali per dare un'anima oltre che un corpo ai suoi incubi. (...) Non mancano sorprese e incidenti, ma il film non sfrutta fino in fondo le sue carte. E se è bella l'idea di costringere Will Smith, mai così atletico, nei panni contraddittori del medico e del killer che ora cattura i vampiri e cerca un vaccino, ora li stermina rabbiosamente, il dibattito parareligioso in sottofinale (può esistere un Dio in una situazione simile?) è abbastanza appiccicato. Come del resto l'ovvia morale sui rischi della scienza. Fatale anche creare un esercito di zombie tutti uguali. Bob Marley, qui testimonial involontario del Padreterno, meritava di meglio." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 11 gennaio 2008)

"Impossibile non restare ammirati davanti a Will Smith che sostiene solitario sulle proprie spalle un'ora intera di film. In mezzo alla devastazione di una New York dopo la catastrofe che, dal vero, è diventata l'impressionate scenografia del film di Francis Lawrence dal romanzo di Richard Matheson già più volte portato sullo schermo. Però la stessa ragione di ammirazione non impedisce al film di rischiare la monotonia." (Paolo D'Agostini, 'la Repubblica', 11 gennaio 2008)

"Può restare il dubbio sul finale consolatorio del film, una sorta di palingenesi che attenua la pessimistica visione di Matheson: ma è pur vero che di questi tempi abbiamo tutti bisogno di un po' di speranza." (Alessandra Levantesi, 'La Stampa', 11 gennaio 2008)

"Dei tre film tratti da 'I vampiri' di Richard Matheson (1954), 'Io sono leggenda' di Francis Lawrence è il maggior investimento e sarà il maggior incasso, ma non è la miglior riuscita estetica. Gli effetti speciali fanno saltare i cervi di Central Park - nella deserta New York dell'estate 2012 - come velociraptor nei Jurassic Park; i vampiri - mutanti affetti da una sorta di rabbia, aggressivi e fotofobici ma non impudichi (hanno sempre almeno le mutande) - sono scattanti come gli ultimi zombi. (...) Attore per caso, Smith regge bene nei film dove ha intorno chi gli porge la battuta. Ma in 'Io sono leggenda' quasi sempre recita solo e così mostra i suoi limiti; il confronto con i protagonisti degli archetipi - Vincent Price de 'L'ultimo uomo della Terra' di Sydney Salkow e Charlton Heston di '1975: Occhi bianchi sul pianeta Terra' di Boris Sagal - gli nuoce. Ma anche lo spettatore ignaro degli antedecenti di 'Io sono leggenda' noterà che qui responsabile del contagio, contagiati e militari ottusi sono bianchi; non lo è chi il contagio combatte, come Will Smith e la brasiliana Alice Braga, esule approdata a New York da San Paolo per discutere di fede!" (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 11 gennaio 2008)

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo L'Apocalisse malata di Lawrence nella Grande Mela infestata di simboli. Smith novello Robinson Crusoe

Un'ora di grande cinema. I copertoni della Ford Mustang "fumano" tra Madison Square Park e Wall Street. Un cimitero di automobili abbandonate, la vegetazione che prolifera in strada - vera giungla d'asfalto -, due leoni che braccano un cervo in fuga. La Grande Mela si offre così: marcescente, bucata, letteralmente divorata. A scrutarla gli occhi di un uomo, unico sopravvissuto nel genocidio pandemico che ha colpito la città, più quelli del suo cane. La vista desolata e desolante di Robert Neville - una specie di Robinson Crusoe urbano - a replicare la nostra: spettatori delle rovine d'Occidente. Il lavoro sulle scenografie (di Naomi Shohan) è una delle cose più interessanti di questo Io sono Leggenda diretto da Francis Lawrence, terza versione per il cinema del famoso romanzo di Matheson. Ma non l'unica. Prima di riconsegnarsi nel finale alla più scontata cornice di genere - un horror con zombie inferociti che bruciano al sole come vampiri, situazioni banali e incongruenze di sceneggiatura - il film aveva già ripagato abbondantemente il prezzo del biglietto. Non tanto per come riesce a costruire uno stato d'angoscia permanente giocando sulla duplice dialettica Luce/Buio, Silenzio/Rumore; non solo in virtù dell'ottima performance di Will Smith (e del cane), o per come riesce a intercettare gli umori dell'odierna pastorale americana di una conciliazione tra Fede e Ragione, Dio e Scienza. Ma soprattutto perché, operando un felice sincretismo di diverse produzioni recenti - da 28 giorni dopo a I figli degli uomini-, si pone come potente dispositivo simbolico, di ossessioni e paure contemporanee. Un tempo, il nostro, "che persegue consapevolmente la salute ma in effetti crede solo nella realtà della malattia" scrive Ugo Volli. E allora ecco l'epidemia, rappresentante metonimico dell'avvento apocalittico; ecco il virus, incubo dell'invisibile infiltrazione terroristica nel "corpo" sociale. Ed ecco infine l'infetto, metafora dell'individuo privo di una sua integrità psico-fisica, che più non dispone di sé, prigioniero in qualche misura della sua infermità. Dunque, niente di buono sul fronte Occidentale? Non proprio. Perché, ci vuol dire lo script, "finché c'è qualcuno disposto a morire c'è speranza". L'importante è non confondere le bombe a mano con le leggende, i kamikaze con i martiri. (Gianluca Arnone)

Will Smith

Io robot Sette anime Hancock - Will Smith Men in Black Men in black 3 - Locandina Io sono leggenda La Ricerca della felicità After Earth - Dopo la fine del mondo


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail