Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Romanzo criminale - Erano amici veri - Erano la banda più spietata degli anni 70
Romanzo criminale - Erano amici veri - Erano la banda più spietata degli anni 70

Michele Placido torna dietro la macchina da presa con un nuovo film, “Romanzo criminale”, tratto dall’omonimo romanzo di Giancarlo Di Cataldo ispirato ai fatti della Magliana. Libano, Freddo e Dandi sono tre amici. Vengono dalla strada e sognano di conquistare Roma. Per realizzare questa impresa senza precedenti mettono su una banda spietata ed organizzata. Scialoja, un giovane commissario, è sulle loro tracce. I suoi primi indizi lo portano da Patrizia, una prostituta che gestisce il bordello più esclusivo della città. Tra passioni e scontri mortali, amori, sparatorie e sequestri si sviluppano le vicende della banda criminale, indissolubilmente legate con la storia oscura dell’Italia delle stragi, del terrorismo e della strategia della tensione

Domenica 12 febbraio - Ore 21:00

Regia Michele Placido
Sceneggiatura Sandro Petraglia
  Stefano Rulli
montaggio Esmeralda Calabria

Anna Mouglalis Claudio Santamaria
Stefano Accorsi Kim Rossi Stuart
Pierfrancesco Favino Riccardo Scamarcio
Jasmine Trinca

Vincitore di cinque nastri d'argento 2006

 Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema ACEC)

Giudizio: Discutibile/crudezze

La banda della Magliana é veramente esistita e le sue 'gesta' hanno occupato la cronaca nera romana per almeno 15 anni, dal 1977 al 1992. Giancarlo De Cataldo é un giudice che su quei fatti ha scritto un libro dal titolo "Romanzo criminale", che rappresenta il punto di partenza del copione utilizzato da Michele Placido. Realtà e finzione dunque si intrecciano in questa trasposizione che il regista ha affrontato con l'intento di mettere in scena "un aspetto rilevante di cronaca italiana di quegli anni con molti intrecci inquietanti tra Mafia, attentati terroristici, i molti segreti dei Servizi Segreti". Non c'é dubbio che nell'ottica del 'gangster movie' l'operazione é da considerare riuscita.

Utilizzazione: gruppo di attori fortemente espressivi, la regia organizza il materiale in ritmi stretti e serrati, nervosi al punto giusto, cementati da un buon montaggio. Se invece consideriamo la 'realtà' dei fatti e la loro riproposta non esente da occhieggiamenti all'oggi, la bilancia si sposta e pende dalla parte di qualche forzatura di troppo. Il dire e il non dire, l'inserimento di spezzoni da cinegionale, il generico rinvio ad altri episodi creano le premesse per una certa confusione storico-narrativa. Alla fine resta l'interrogativo sul tipo di sguardo che Placido ha voluto gettare sulla storia: di comprensione, di giustificazione, di estraneità, di accrescimento di dubbi e sospetti? Accompagnato da queste indecisioni il film, dal punto di vista pastorale, é da valutare come discutibile e caratterizzato da non poche crudezze.

Stefano Accorsi

L'arbitro - Manifesto La vita facile Viaggio sola - Margherita Buy - Locandina Ruggine - Poster Saturno contro - Poster Romanzo criminale - Poster La stanza del figlio - Poster L'ultimo bacio - Poster Veloce come il vento - Poster

I film della stagione 2005-2006


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail