Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Oliver Twist - di Roman Polanski

Sabato 19 novembre Ore 21:00
Domenica 20 novembre Ore 16:00 e 21:00

In una notte di tempesta, una giovane donna sconosciuta mette al mondo un bimbo in un ospizio e muore. Allevato con molti altri trovatelli, il piccolo, cui è stato imposto il nome di Oliver Twist, viene messo a lavorare presso un fabbricante di bare. Maltrattato e percosso, Oliver scappa, a piedi, a Londra. Qui incontra altri ragazzi: sono dei ladruncoli che fanno capo ad un vecchio ebreo. Benché innocente, Oliver viene arrestato, mentre i ladruncoli riescono a fuggire. Liberato in seguito ad una testimonianza favorevole, viene accolto in casa da un vecchio signore facoltoso.

Regia Roman Polanski
Sceneggiatura Ronald Harwood
dal romanzo di Charles Dickens

Ben Kingsley Barney Clark
Jamie Foreman Harry Eden
Leanne Rowe Lewis Chase

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema ACEC)

Giudizio: accettabile, semplice **

La storia di Oliver Twist fu pubblicata per la prima volta nel 1837 da Charles Dickens sotto forma di racconto ad episodi sulla rivista mensile "Bentley's Miscellany". Aveva un sottotitolo, "The Parish Boy's Progress" (La storia del ragazzo della circoscrizione), che chiariva le intenzioni dell'autore: descrivere cosa voleva dire essere un 'parish boy', ossia un ragazzino che viveva grazie all'aiuto della circoscrizione, in base alla legge sulla povertà emanata nel 1834. E'utile ricordare che Dickens era stato giornalista parlamentare e aveva seguito, per il Morning Chronicle, gli accesi dibattiti che precedettero l'approvazione della legge. Il romanzo insomma è fotografia di un'epoca, la nuova versione di Polanski si cala nella Londra dell'800 ma ha presenti le megalopoli di oggi. "Se pensiamo a città come Bombay o Bangkok, sappiamo ce lì ci sono ancora tantissimi bambini poveri che vivono per le strade..." L'ebreo parigino/polacco Polanski, appena di otto anni quando nel 1941 il padre fu deportato a Mathausen e la madre ad Auschwitz, é vicino ad Oliver e ne avverte il dolore. E' difficile crescere, é difficile invecchiare. Se Oliver sfonda le barriere del tempo, altrettanto vale per Fagin, povero 'matto' ignorante, che paga ma non capisce. Questa versione di Polanski é piana e scorrevole, di grande impegno per costumi, ambienti, atmosfere. Ma, curiosamente, vi si avverte più l'occhio rivolto all'attualità che non alla pienezza del XIX secolo. Comunque un prodotto di alto livello, pur senza graffi memorabili, e un film che, dal punto di vista pastorale, é da valutare come accettabile, e nell'insieme semplice.

Roman Polanski

 Carnage - Locandina Olicer Twist Il Pianista - Manifesto L'uomo nell'ombra - The Ghost writer - Poster Venere in pelliccia

I film della stagione 2005-2006


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail