Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

SpiderMan 2 - L'uomo ragno

Venerdì 17 settembre Ore 21:00
Sabato 18 settembre Ore 21:00
Domenica 19 settembre Ore 16:00 e 21:00
Sabato 25 settembre Ore 21:00
Domenica 26 settembre Ore 16:00 e 21:00
Sabato 2 ottobre Ore 21:00
Domenica 2 ottobre Ore 21:00

Sono passati due anni da quando il mite Peter Parker ha deciso di allontanarsi dalla ragazza che ama da sempre per assumersi la responsabilità di essere Spider-man. Peter è molto innamorato di Mary Jane al punto che è stato più volte tentato di abbandonare la sua vita segreta e dichiararle il suo amore. Nel frattempo lei ha cambiato vita ed ha un nuovo fidanzato. L'amicizia di Peter con Harry Osborn è naufragata per la sete di vendetta di Harry che ritiene l'Uomo Ragno responsabile della morte del padre. Come se non bastasse Peter dovrà scontrarsi con l'agguerrito Doctor Otto Octavius meglio noto come Doc Ock... 

Tobey Maguire Peter Parker - Spiderman
Kirsten Dunst Mary Jane Watson
Ted Raimi Hoffman
Willem Dafoe Norman Osborn
Cliff Robertson Zio Ben
Rosemary Harris Zia May
J.K. Simmons J. Jonah Jameson

Regia Sam Raimi
Montaggio Arthur Coburn
Bob Murawski
Scenografia Scott P. Murphy
Tony Fanning
Fotografia Don Burgess
Costumi James Acheson
Musiche Danny Elfman
Sceneggiatura David Koepp
Alvin Sargent
Scott Rosenberg

 

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema - ACEC)

Giudizio: raccomandabile, semplice *

Tematiche: avventura, film per ragazzi, fumetti

Si tratta di un numero 2 che riesce ad essere migliore rispetto al primo. La scorrevolezza e la quasi ingenuità della storia sono supportate da un uso espressivo di effetti speciali altamente spettacolari e dalla capacità di dare vita, tra realtà e finzione, ad alcuni elementi di non poca importanza: il senso di responsabilità, la consapevolezza di sacrificare un po' di se stessi per aiutare gli altri, l'invito a guardarsi dentro perchè in ognuno c'é un super eroe. Storia in certi passaggi molto 'americana' (gli Stati Uniti hanno bisogno di nuova vitalità dopo l'11 settembre) ma punteggiata da piccoli, discreti suggerimenti, specialmente per i più giovani: credere e valorizzare il meglio di se stessi è anche un atto di fiducia verso la vita. Qualche lungaggine nella parte finale non inficia un andamento che ha pagine anche poetiche sull'amore e sul suo lento disvelamento. Una favola, certo, e come tutte le favole, piena di vita. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come raccomandabile, pur conservando un andamento del tutto semplice.

Utilizzazione: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria e da proporre per adolescenti come spettacolo bello e coinvolgente.

La critica

"Giù il cappello davanti a 'Spider-Man 2'. Stavolta Sam Raimi ha potenziato ritmo, effetti speciali, psicologie, forza simbolica, e tutto ciò che sapeva di super-routine nel fortunatissimo primo episodio qui si fa sfumato, ironico, complesso e al contempo grandioso, a partire dai magnifici titoli di testa. Un film-fumetto che diventa grande cinema fantastico (con sottotesto mitologico: in fondo la tela di Spider-Man è il nuovo filo d'Arianna che ci aiuta a ritrovarci nel labirinto delle megalopoli contemporanee). E' molto ben delineato il conflitto che dilania il sempre bravissimo Tobey Maguire, perfetto imbranato che appena usa i superpoteri si dà la zappa sui piedi rendendo sempre più impossibile l'amore per la bella Kirsten Dunst (la sceneggiatura, che dà a ogni colpo di scena il suo corrispettivo psicologico, porta la firma del veterano Alvin Sargent, due Oscar per 'Gente comune' e per 'Giulia', mentre al soggetto ha lavorato anche Michael Chabon, il giovane scrittore premio Pulitzer di 'Wonder Boys'). (...) E' la vecchia e imbattibile massima di Hitchcock: più riuscito è il cattivo, migliore sarà il film. Ma qui, dulcis in fundo, sono perfetti anche gli effetti speciali di John Dykstra, che non lavora solo di computer graphics ma integra riprese dal vero, fondali, modellini, appendendo davvero le macchine da presa a cavi metallici per simulare i tuffi mozzafiato di Spider-Man fra i grattacieli. Si poteva trovare infantile e scontato il primo 'Spider-Man'. Ma il secondo episodio è una riuscita stupefacente." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 17 settembre 2004)

"Curiosamente, in questo riuscito sequel di 'Spider-Man' restano impresse soprattutto le debolezze fisiche, le fragilità psicologiche del protagonista. È utile, allora, ricordarsi delle congetture che Tarantino mette in bocca a Carradine nel sottofinale di 'Kill Bill volume 2', quando il morituro spiega alla Thurman le ragioni filosofiche del travestimento umano-troppo-umano dei supereroi. Il regista Sam Raimi e lo sceneggiatore Alvin Sargent ne seguono infatti la scia, recuperando il lato oscuro, esistenzialista del celebre fumetto e verificando il senso della natura imperfetta sia dell'uomo ragno che del suo alter ego: se Peter Parker appare sempre più goffo e sfortunato, non è che il giustiziere volante stia passando un periodo di fulgore. (...) Più tradizionale, ma indubbiamente efficace, lo show di sequenze adrenaliniche che contrappongono l'elasticità - morbida, scattante, palpabile - del ragno fanciullo alla rigidezza - aliena, metallica, intangibile - del nuovo Frankestein che ambisce al premio Nobel. Sam Raimi non è un semplice fabbricante di blockbuster e, nel contesto di spigliato divertimento, riesce a far emergere con un atto di forza tutta la smaniosa vitalità incatenata alle splendide vignette originali." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 17 settembre 2004)

"Il fascino di un film come 'Spider-Man 2' sta nel fatto che stavolta in un paio di occasioni l'Uomo Ragno perde le sue magiche facoltà, tenta di volare e non ce la fa, si arrampica su un muro e precipita. E' interessante (e recitata da un attore che sa il fatto suo) la reazione complessa di Tobey Maguire, il quale da una parte è stupito e spaventato; e dall'altra prova un senso di colpa misto a sollievo quando assiste a scene di violenza senza poter intervenire. Sull'originale sceneggiatura di Alvin Sargent, il regista Sam Raimi focalizza il tormento dell'Eletto che sente insieme l'orgoglio e il peso della sua condizione di difensore della comunità. Ed è toccante la scena in cui, svenuto dopo aver fermato la metropolitana a cielo aperto sull'orlo dell'abisso, Spider-Man viene circondato dai passeggeri che ha salvato, sollevato in alto come il cadavere di Amleto e passando di mano in mano deposto al centro del vagone. (...) Affascinante sul piano scenografico, 'Spider-Man 2' offre un'immagine fantasiosamente gotica di New York City della quale sfrutta le prospettive e le costruzioni fiabesche. Anche i voli del Ragno hanno la leggerezza e la pregnanza di una visione onirica. E il film non dimentica mai che il supereroe è il doppio di uno studentello imbranato, il tipo aduso a farsi soffiare sotto il naso l'ultimo pasticcino del vassoio. Nato dalle frustrazioni dell'uomo comune, il mito implica l'invito a liberare il potenziale Uomo Ragno che sta dentro ciascuno di noi. Non c'è da stupirsi che il pubblico americano abbia risposto assicurando finora al film 400 milioni di dollari." (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 18 settembre 2004)

Marvel

Thor Thor: The Dark World Iron Man Iron Man 2 Iron Man 3 - Poster I fantastici quattro Daredevil Elektra X-Men X-Men 2 X-Men le origini: Wolverine Hulk Captain America: il primo vendicatore Spider-man SpiderMan 2 - L'uomo ragno Spiderman 3 The-Amazing-Spider-Man The Amazing Spider-Man 2 - Il potere di electro - Poster The Avengers Avengers: Age of Ultron - Poster Captain America: Civil War - Poster

I film della stagione 2004-2005 - I film più visti


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail