Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Collateral - di Michael Mann - con Tom Cruise

Venerdì 15 ottobre Ore 21:00
Sabato 16 ottobre Ore 21:00
Domenica 17 ottobre Ore 16:00 e 21:00
Sabato 23 ottobre Ore 21:00
Domenica 24 ottobre Ore 16:00 e 21:00

Negli ultimi 12 anni, Max ha condotto la vita abitudinaria dell'autista di taxi: volti che vanno e vengono dallo specchietto retrovisore, persone e luoghi subito dimenticati. Vincent è un killer di professione. Un'organizzazione di narcotrafficanti che opera a livello internazionale viene a sapere che sta per essere incriminata dalla corte federale degli Stati Uniti; i capi organizzano così un'operazione che ha l'obiettivo di identificare e uccidere i testimoni chiave dell'inchiesta. L'ultima fase dell'operazione è fissata per stanotte. Stanotte Vincent arriverà a Los Angeles... e cinque persone verranno eliminate. A causa di circostanze impreviste, Vincent prende in ostaggio Max - la persona sbagliata al momento sbagliato - costringendo il malcapitato a condurlo da un luogo all'altro della città. Mentre polizia e FBI si danno da fare per intercettarli, Max e Vincent sono costretti a far affidamento l'uno sull'altro per salvare la pelle e uscire da una situazione fino a poco prima inimmaginabile per entrambi...

Regia Michael Mann
Sceneggiatura Stuart Beattie

Tom Cruise
Jada Pinkett Smith Mark Ruffalo
Peter Berg Bruce McGill
Javier Bardem Jamie Foxx

La critica

 "Naturalmente trattandosi di un film di Michael Mann, che a volte si prende anche troppo sul serio, il meglio è nelle scene d'azione, nelle accelerazioni e nelle brusche frenate del racconto, negli scatti e nei rallentamenti impressi al rapporto fra i due protagonisti, con doppi e tripli colpi di scena a complicare la crescente, paradossale intimità che si stabilisce fra i due (c'è perfino una visita alla madre malata in ospedale). Il peggio invece in una certa verbosità, nelle citazioni esibite (il culto del jazz che si fa metafora del film), nell'insistenza su quella che a tratti sembra una versione thriller della cicala e la formica, col killer senza passato e senza futuro che sgretola le piccole certezze del common man. Fra tante scene memorabili spicca l'interminabile sparatoria nella discoteca, con la gente che continua a ballare a lungo prima di accorgersi di quanto accade." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 4 settembre 2004)

"Tutti i festival rimettono in discussione, a forza di raffronti, l'arte pura (chiamiamola così) e l'arte industriale (la definizione è di Flaubert). A questa seconda categoria appartiene 'Collateral', un thriller che viaggia ai confini dell'opera d'ispirazione e del film di genere. A ogni impennata autoriale il regista Michael Mann alterna una prudente ritirata nella convenzione; e tuttavia il bilancio risulta positivo, tanto da suggerire un aggiornamento del famoso slogan pubblicitario dei libri Gialli Mondadori: 'Questo film non vi farà dormire'. (...) Il senso del film sta in un pirandelliano gioco delle parti che vede l'imbranato tassista costretto ad assumere l'identità del suo rapitore di fronte a un boss sudamericano (altro bel cameo di Javier Bardem) scoprendosi così una grinta che gli verrà utile nel prosieguo dell'avventura. Transfuga dai ruoli comici, Foxx si disimpegna pur non essendo Denzel Washington; mentre Cruise, nel conferire un'intensa spietatezza a questa incarnazione del male assoluto, si muove con la grazia di un ballerino." (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 4 settembre 2004)

"Tantissimi film hanno raccontato le megalopoli postmoderne, prefigurandole, idealizzandole, analizzandole, maledicendole, talvolta anche inventandole; ma pochissimi sono riusciti a farlo come 'Collateral', thriller visionario non ambientato, bensì incarnato nelle viscere pulsanti della Città degli Angeli. Fuori concorso, fuori dallo standard, fuori dallo stucchevole dibattito tra missione d'autore e sperpero consumista da blockbuster: un regista forte e concreto come Michael Mann (la serie 'Miami Vice', 'Manhunter', 'L'ultimo dei Mohicani', 'Heat-La sfida') ci regala un classico del genere, la storia dell'incontro di una notte che mescolerà il senso del naufragio collettivo con l'odore del sangue dell'incombente ritorno allo stato selvaggio originario. (...) Sequenze memorabili eppure non fini a se stesse, perché capaci, in un certo senso, di trasmetterci i file segreti della città sconnessa per eccellenza, di fermare il vortice pazzoide in un flash estatico come quello del coyote che attraversa lentamente il grande boulevard, di cogliere l'affascinante insensatezza di un cielo reso anch'esso metallico dalle scie dei jet, dai neon pubblicitari, dai profili taglienti dei grattacieli silenziosi. Forse non tutto quadra a partire dal sottofinale, quando s'accorciano tempi e soluzioni, Cruise paga pegno agli stereotipi d'azione e il pubblico è costretto a scommettere, come in 'Blade Runner', sui tradizionali sigilli di morte e redenzione." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 4 settembre 2004)

"Se l'azione traversa il film da un capo all'altro, culminando in scene da mozzare il fiato come la sparatoria nel club notturno, il regista è tutt'altro che indifferente all'evoluzione psicologica dei personaggi. Caratteri centrali del genere, il taxi-driver e il killer sono una strana coppia dove ciascuno viene gradualmente modificandosi a contatto con l'altro. Metamorfosi in cui hanno una gran parte i dialoghi, meticolosi e intelligenti, di un film che non si accontenta affatto del puro bang - bang." (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 15 ottobre 2004)

"Per i devoti di Mann, un'altra storia criminale notturna, come 'Strade violente' e 'Heat'. E' vero autore? Alcuni considerano questo regista importante. Ai tempi di 'Strade violente', ma anche di 'Insider', la risposta poteva anche essere positiva. Con 'Collateral' il dibattito si deve riaprire: se si considera un sicario come un professionista, si pretende che abbia una disciplina ignota a quello di 'Collateral'; se solitudini metropolitane in un contesto inverosimile bastano a suggestionare, quelle di 'Collateral' sono notevoli. Quanto a chi scrive, non si accontenta." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 15 ottobre 2004)

"Un bel ritorno per Mann, dopo due semi-passi falsi come 'Alì' e 'Insider'. Ma chi ricorda 'Heat' e 'L'ultimo dei Mohicani' ha la sensazione che 'Collateral' sia soprattutto un pedaggio pagato, e brillantemente, per tornare nel grande giro." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 15 ottobre 2004)

"Senza i titoli di testa e senza un attimo di tregua. Soltanto il cuore nero di Los Angeles che batte dalle nove e trenta di sera alle cinque e quaranta di mattina: le facce diverse della stessa America si confrontano in uno spazio immenso e semideserto che sgretola le certezze e fa correre all'impazzata il tassametro della vita... Tantissimi film hanno raccontato, reinventato, scomposto, esplorato le metropoli postmoderne; pochi sono riusciti a farlo come 'Collateral', thriller visionario non ambientato bensì incarnato nelle viscere pulsanti della Città degli Angeli. Come abbiamo scritto dal festival di Venezia, un regista forte e concreto come Michael Mann (la serie 'Miami Vice', 'Manhunter', 'L'ultimo dei Mohicani', 'Heat-La sfida') ridisegna i luoghi comuni del genere nell'incontro di una notte che mescola il senso di panico del naufragio collettivo con l'odore del sangue di un incombente ritorno allo stato selvaggio. (...) Sequenze virtuosistiche eppure non fini a se stesse, perché capaci, in qualche modo, di trasmetterci gli X-files della megalopoli sconnessa per antonomasia; di fermare il tempo in flash subliminali, come quello del coyote - bestia partorita dalla stessa giungla degli umani - che attraversa guardingo il boulevard; di cogliere l'affascinante insensatezza di un cielo reso metallico dalle scie dei jet, dai neon pubblicitari, dai profili dei grattacieli illuminati." (Valerio Caprara, 'Il Mattino', 16 ottobre 2004)

"Il senso del film sta in un pirandelliano gioco delle parti che vede l'imbranato tassinaro costretto ad assumere l'identità del suo sequestratore di fronte a un boss sudamericano (altro bel cammeo di Javier Bardem) scoprendosi così una grinta che gli verrà utile nel prosieguo dell'avventura. Transfuga dai ruoli comici, e pur non essendo Denzel Washington, Foxx si fa valere, ma indulgendo forse a qualche accentuazione cabarettistica; mentre Cruise, nel conferire una professionale spietatezza a questa incarnazione del male assoluto, si muove con la leggerezza di un ballerino. Sempre in bilico fra ispirazione e rispetto dei codici di un genere usurato, Mann firma uno di quei film che per l'originalità dello spunto e l'estro della fattura si ricordano dopo anni. Alla Mostra di Venezia, dove di cinema-cinema se ne vede poco, ha offerto l'occasione di tirare un respiro. Tornando al dubbio originario - gangster o taxista? - verrebbe voglia di vedere 'Collateral' a ruoli invertiti, con Cruise al volante e Foxx trasportato. Proprio come fanno certi attori a teatro, una sera dopo l'altra, quando incarnano a vicenda Otello o Jago." (Tullio Kezich, 'Corriere della Sera', 16 ottobre 2004)

"Capelli grigi, vestito grigio perla, pistola grigia acciaio, al suo primo personaggio negativo in 'Collateral' di Michael Mann Tom Cruise è magnifico: corre rapido come nessuno, ha nei gesti e nel modo di muoversi una energia sotto controllo, una violenza repressa che pare sempre sul punto di esplodere, ha toni secchi nella voce, una irriducibilità minacciosa nel voler portare a termine il proprio compito. Veramente ammirevole. E' bello anche il film: i direttori di fotografia Dion Beebe e Paul Cameron hanno fatto della Los Angeles notturna un mistero vellutato e ingioiellato dalle luci, un enigma allarmante e seducente." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 4 settembre 2004)

Tom Cruise

Mission impossible 3 Mission: Impossible - Protocollo fantasma Innocenti bugie L'ultimo samurai Operazione Valchiria Leoni per agnelli Collateral Vanilla sky Jack Reacher - La prova decisiva - Poster Oblivion - Tom Cruise - Poster Edge of Tomorrow - Poster Mission: Impossible - Rogue Nation - Poster

I film della stagione 2004-2005


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail