Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Era mio padre

Era mio padre - Road to perdition - con Tom Hanks e Paul Newman

Michael O'Sullivan, conosciuto ad amici e nemici come l'Angelo della Morte, se pur coinvolto profondamente nel suo lavoro è anche dedito alla sua vita privata come padre di due giovani. Quando, però, questi due mondi entrano in collisione, tanto che deve assistere alla morte della moglie e del figlio più piccolo, O'Sullivan ed il figlio superstite, Michael jr., abbandonano la loro pacifica vita familiare e si imbarcano in un viaggio di vendetta.

Tom Hanks Regia Sam Mendes
Paul Newman Musiche Thomas Newman
Jude Law Costumi Albert Wolsky
Jennifer Jason Leigh Fotografia Conrad L. Hall

Sabato 11 gennaio Ore 21:00
Domenica 12 gennaio Ore 15:00, 17:30 e 21:00

 

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema - ACEC)

Giudizio: Accettabile, riserve, problematico **

Tematiche: Famiglia - genitori figli; Mafia; Male; Potere

Molto atteso dopo il successo di "American beauty", il nuovo film di Sam Mendes ha il taglio e le cadenze di una tragedia greca. Fin dal più pertinente titolo originale, "Road to perdition", che è il nome della località verso cui si dirigono padre e figlio in fuga ma è anche il simbolo di un percorso di ribellione che deve però passare dal sacrificio estremo. Gettandosi su un mondo, quello dei gangster, carico di illustri precedenti filmici,Mendes costruisce una storia forse meno spettacolare e meno 'corretta' della precedente ma più adatta a calarsi nei sentieri oscuri dei legami di sangue risolti e irrisolti e per affrontare a viso aperto una questione delicata e spesso accantonata quale quella del rapporto padri-figli. Se "American beauty" era scandito da toni scuri e cromaticamente opacizzati, qui la vicenda è calata in atmosfere costantemente notturne, nel buio di una temperie che non è solo ambientale ma esistenziale. La strada che i due percorrono insieme diventa lentamente un itinerario che parte dal buio e vuole arrivare alla luce, dopo aver passato l'espiazione e posto la domanda del perdono. Con lucida visionarietà, il regista compone uno spartito sul quale delitto e condanna, colpa e fatalità si muovono e si scontrano, fino alla timida ma ferma frase del figlio: "Non so se è stato un uomo buono o no. Era mio padre". Dal punto di vista pastorale, il film merita attenzione per come riesce ad affrontare e a far prevalere temi importanti in un contesto certo deprecabile e di violenza come quello gangsteristico. Espresse riserve per qualche passaggio un po' insistito, é da valutare come accettabile, e senz'altro problematico.

Utilizzazione: molto ben realizzato a conferma delle doti del regista, e ben interpretato, il film é da utilizzare in programmazione ordinaria, rivolgendosi ad un pubblico adulto. Attenzione per i minori, anche in occasioni di eventuali passaggi televisivi.

Ton Hanks

Prova a prendermi The terminal Era mio padre Cast away Angeli e demoni Inferno Ladykillers - Locandina La guerra di Charlie Wilson Cloud Atlas - Manifesto L'amore all'improvviso - Larry Crowne Polar Express - Locandina Captain Phillips Saving Mr. Banks - Poster Il ponte delle spie

I film della stagione 2002-2003


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail