Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

LA MUMMIA - IL RITORNO

La mummia - il ritorno (The Mummy Returns)

Sabato 2 giugno ore 21:00
Domenica 3 giugno Ore 16:00 e 21:00

1935: dieci anni dopo il terrificante incontro con la mummia del sacerdote egizio Imothep, Rick O'Connell ed Evelyn sono sposati ed hanno un bambino di otto anni, Alex. Ma sotto le sabbie del Sahara sta per venire alla luce un nuovo incubo: seimila anni fa, un fiero guerriero chiamato Re Scorpione, dopo aver fatto un patto col potente dio Anubis lo aveva tradito ed era stato maledetto per l'eternità.

Adesso il Re Scorpione sta per essere risvegliato al comando dell'esercito mostruoso di Anubis per annientare il genere umano. Ma gli adepti del sacerdote mummificato Imothep lo resuscitano dalla morte per dare vita ad una lotta per il potere che i nostri eroi dovranno fermare a qualsiasi costo. 

 Brendan Fraser  Rick O'Connell  Regia e soggetto  Stephen Sommers 
 Arnold Vosloo  Im-Ho-Tep  Montaggio  Bob Ducsay
 Oded Fehr  Ardeth Bay  Scenografia  Allan Cameron
 Rachel Weisz  Evelyn Carnahan O'Connell  Fotografia  Adrian Biddle
 John Hannah  Jonathan Carnahan  Sceneggiatura  Stephen Sommers
 Patricia Velasquez     Costumi  John Bloomfield
     Musiche  Alan Silvestri
 Durata  2h e 4'   Effetti speciali  Chris Barton

La mummia - Il ritorno

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema ACEC)

Giudizio: accettabile, riserve, crudezze

Tematiche: nuove tecnologie, storia

'Il ritorno' é l'inevitabile sequel del grande successo internazionale de "La mummia" (1999, cfr.). Gli appassionati ritrovano i personaggi del primo episodio, con la novità di Alex, il bambino che con le proprie disavventure permette un migliore coinvolgimento del pubblico dei giovanissimi. Per il resto c'é poco da aggiungere, perché il taglio prevalente del film è quello avventuroso: gli anni Trenta, l'Egitto, il clima esotico, una piccola dose di mistero. Tutti ingredienti che hanno fatto la (giusta) fortuna del filone avventuroso 'classico', tra paure, spaventi e rilassatezza finale. Di nuovo, e di più, c'è ora l'uso degli effetti speciali. Le atmosfere sono allora un po' meno genuine e più costruite, la prevalenza é per gli scontri, i mostri, le insistenze su qualche particolare raccapricciante. Certo tutto è detto con dosi anche di umorismo, niente è veramente cattivo, e il lieto fine è conservato. Resta in qualche passaggio la sensazione che una maggiore misura e meno rumore avrebbero giovato alla 'simpatia' della storia. Che però, dal punto di vista pastorale, resta sostanzialmente positiva: accettabile, quindi, anche se sembra corretto segnalare riserve per le crudezze sparse qua e là, tra scene di massa spettacolari e duelli con armi improprie a ritmo sostenuto.

Utilizzazione: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria. Da recuperare come occasione di passatempo, tenendo presenti le crudezze sopra accennate (anche in occasione di passaggi televisivi).

La mummia - Il ritorno

La critica

"Il termometro della cattiveria e della brutalità ad effetti speciali (un florilegio che affossa il buono e il meraviglioso) spetta a una new entry, Re Scorpione, metà bestia, metà uomo alle testa di un esercito di resuscitati. Le incursioni della computer graphic manderanno in visibilio i ragazzini e forse anche i nonni. Curiosità: il giovane attore che interpreta il figlio di Fraser, di nove anni, ha visto il primo 'La mummia' 58 volte". (Silvio Danese, 'Il giorno', 11 maggio 2001)

"Benché abbia la stessa ingenuità e lo stesso umorismo lepido, il film è un poco migliore della prima puntata; ma la sceneggiatura è distratta, la direzione degli attori pigra, l'apparizione delle mummie non sempre spaventosa". (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 11 maggio 2001)

"Il sollecito sequel de 'La Mummia', dopo il fragoroso successo del prototipo, sopperisce alla mancanza d'ispirazione mummificando gli attori in uno scenario di straripante grandeur: suono a tutto volume, due ore abbondanti di durata, effetti speciali martellanti, ritmi furibondi. A confronto, Indiana Jones sembra un film di Antonioni. La regia citazionista di Stephen Sommers insiste sul connubio fantasy più (auto)ironia, sull'Harrison Ford dei poveri Brendan Fraser, sul gran sacerdote Imhotep e su qualche trovata nuova (...) Dopo dieci minuti si è già sazi anche se affascinano alcune digital-sequenze che ricostruiscono un antico Egitto da cd-rom". (Fabio Bo, 'Il Messaggero', 11 maggio 2001)

"Malgrado i trucchi, 'La mummia - Il ritorno' è un film démodé per il fatto che si ispira a fumetti anni Trenta e per l'ostinazione ad affidarsi completamente alle tecniche digitali per suscitare meraviglia. Mentre il cinema sta finalmente cominciando a rendersi conto (vedi 'La tigre e il dragone' o 'Il gladiatore') che, se vuoi davvero coinvolgere lo spettatore, ti occorre anche una storia". (Roberto Nepoti, 'la Repubblica', 26 maggio 2001)

"Ritorna Brendan Fraser nei panni dell'archeologo O'Connell e bissa il successo dell'originale (...). I cliché esotici vengono ipersfruttati, ma stemperati nell'ironia. Vietato ai maggiori di sei anni". (Paolo Mereghetti, 'Io donna', 2 giugno 2001)

La mummia - Il ritorno

I film della stagione 2000-2001


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail