Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Billy Elliot di Stephen Daldry

Quando l'undicenne Billy incappa per caso in una lezione di danza che si tiene nella sala del circolo ricreativo dopo gli allenamenti di boxe da lui frequentati, qualcosa della magia contenuta nei movimenti cattura la sua immaginazione e lo spinge ad appendere i guantoni al chiodo per intrufolarsi di soppiatto nelle lezioni di danza della signora Wilkinson. Nel frattempo il padre di Billy e il fratello Tony, entrambi in sciopero, lottano per portare il pane a casa. Il loro senso di frustrazione esplode quando si accorgono che Billy ha scialacquato i soldi per la boxe in un'attività tutt'altro che maschile.

Gary Lewis  Jackie Elliot
Jamie Bell  Billy Elliot
Julie Walters Mrs. Wilkinson
Jamie Draven Tony Elliot
Jean Heywood  Nonna
Regia Stephen Daldry 
Musiche Stephen Warbeck
Costumi Stewart Meachem
Fotografia Brian Tufano
Scenografia Maria Djurkovic
Montaggio John Wilson
Sceneggiatura Lee Hall
Durata 1h e 50' 

 

Sabato 21 aprile Ore 20:30 e 22:30
Domenica 22 aprile Ore 21:00

 

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema - ACEC)

Giudizio: Raccomandabile/problematico/dibattiti * * *

Tematiche: Adolescenza; Educazione; Famiglia - genitori figli; Politica-Società

Un piccolo centro, la crisi del settore minerario, i licenziamenti, gli scioperi, il governo Tatcher: lo scenario dell'Inghilterra primi anni '8O è ben delineato, e non rappresenta una novità (basta pensare a "Full monthy", o a "Grazie signora Tatcher"). Una parte di cinema inglese trova in quel periodo gli elementi giusti per fare critica sociale, politica, ironia, sentimentalismo. I riferimenti risultano ancora una volta indovinati. Di impronta molto realistica negli ambienti e nelle atmosfere, il racconto acquista poi anche i toni morali di un conflitto sulle scelte e sulla passione: quest'ultima per l'adolescente, che avverte uno slancio difficile da reprimere ma vorrebbe anche rispettare il genitore, le altre che invece incombono nella mente del padre, che a poco a poco deve sostituire il primo impulso di rigetto con un atteggiamento di comprensione e di vicinanza. Se in alcuni passaggi il film indulge a qualche facile commozione ed è un po' lacrimoso, resta però intatta la ricchezza dei temi che tocca: l'adolescenza, la famiglia, il lavoro, il ruolo dell'insegnante, dell'amicizia. Tutto detto in maniera esplicita e soprattutto con autenticità di dialoghi e facce che filtrano la durezza e la fatica della vita quotidiana. Parlando di ieri, ma risultando valido anche per l'oggi. Dal punto di vista pastorale, il film, di gran valore espressivo e tematico, é da valutare come raccomandabile, problematico e da riservare a dibattiti.

Utilizzazione: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria. Da recuperare e proporre in molte situazioni, anche scolastiche e casalinghe, per avviare riflessioni sui temi sopra elencati.

I film della stagione 2000-2001


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail