Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

The Look of Silence di Joshua Hoppenheimer

The Look of Silence

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

The Look of Silence, seguito del documentario drammatico The Act of Killing, analizza ancora il tema del genocidio in Indonesia, le purghe anticomuniste del 1965, affrontandolo da un'altra prospettiva. The Look of Silence offre una visione della tragedia da parte delle vittime, in particolare segue la storia di un uomo sopravvissuto, il cui fratello è stato torturato fino alla morte durante la rivoluzione da un gruppo di ribelli; storia già raccontata dal punto di vista degli assassini nel documentario del regista The Act of Killing. In The Look of Silence si osserva la famiglia dell'uomo ucciso, in particolare il fratello minore, che decide di incontrare gli uomini che hanno massacrato uno di loro.

Regia: Joshua Hoppenheimer

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Il genocidio indonesiano dalla parte delle vittime: in concorso il controcampo doveroso di The Act of Killing

Il primo capolavoro del concorso è The Look of Silence di Joshua Hoppenheimer che, con il precedente The Act of Killing, costituisce un dittico inscindibile e sconvolgente.

Il filmaker danese-americano torna a illuminare il genocidio indonesiano - alla metà degli anni '60 la dittatura militare sostenuta dal governo americano eliminò un milione di persone, tra presunti comunisti, cinesi e contadini - mettendosi stavolta dalla parte delle vittime. E se nel primo il motivo fondamentale era la colpa, o meglio la sua totale rimozione da parte dei carnefici tutt'ora rispettati e temuti, qui il tema è il perdono.

Hoppenheimer, che ha trascorso quasi dieci anni in una comunità di sopravvissuti fuori da Medan (a nord di Sumatra), stavolta segue Adi, fratello di una delle vittime della purga del '65, e la sua famiglia: il padre ultracentenario ormai sordo, muto e incapace di camminare; la madre ottuagenaria che prega Dio perché si vendichi degli aguzzini di suo figlio; la moglie e i loro due bambini.

Adi, che non era ancora nato all'epoca dei fatti, vuole incontrare i massacratori del fratello e i loro parenti per capire che cosa li abbia spinti a commettere crimini così atroci e se nel frattempo sia affiorato in loro un barlume di pentimento. Chi ha visto The Act of Killing sa che di quest'ultimo non vi è traccia negli assassini - molti di loro sono anzi fieri di quello che hanno fatto o rigettano ogni responsabilità trincerandosi dietro il dovere di Stato - ma Adi, a cui pure Hoppenheimer mostra il suo precedente documentario, non si dà per vinto consapevole che solo il perdono può "liberare" lui e la famiglia dalla tormentata memoria del passato.

Il suo problema, che è poi il dilemma etico del film, è che non ci può essere perdono senza qualcuno che lo richieda, in assenza cioè di pentimento da parte del perdonato. La maggior parte dei massacratori, parecchi dei quali già visti in The Act of Killing, non vuol riconoscere nelle loro gesta un crimine, e dunque una colpa.

Il passato sembrerebbe così un maleficio impossibile da sciogliere, una catena che non si spezza e che incatena per sempre vittime e carnefici, come metaforicamente suggerisce l'immagine dei bachi da seta che non riescono a diventare farfalle. Di più, al coraggio di Adi si oppone la protervia degli assassini, alcuni dei quali non solo non si scompongono ma minacciano e alludono a possibili nuove purghe in futuro.

Tuttavia Oppenheimer giostra il confronto tra vittime e carnefici con un'abile e quasi spregiudicata partitura di primi piani, dai quali riesce a trarre un spicchio d'anima, un sussulto muto di verità. Ed è questa agnizione sotterranea e quasi impercettibile a riscattare moralmente l'operazione e a indicare una possibilità oltre la rimozione e l'oblio.

Il film, emozionalmente fortissimo come il precedente però più umano, increspato appena da una lieve velatura allegorica (Adi fa l'ottico di mestiere), fissa lo "sguardo di silenzio" di vittime e carnefici ma non resta lì, indicando la parola che attende solo di essere pronunciata: perdono. (Gianluca Arnone)

I film della stagione 2014 / 2015


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail