Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

To the wonder

To the wonder

Questo film non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Vai alla pagina con i film previsti nella nostra programmazione

Dopo aver visitato il Monte Saint Michel - noto come una delle meraviglie della Francia (da qui il Wonder del titolo) - Marina (Olga Kurylenko) e Neil (Ben Affleck) sono all'apice della loro storia d'amore. Arrivati in Oklahoma, per loro iniziano i problemi. Marina fa la conoscenza di un prete in crisi di vocazione, mentre Neil riallaccia il rapporto con una sua amica d'infanzia, Jane (Rachel McAdams). Il film esplora l'amore nella sue diverse forme.

In concorso al Festival di Venezia 2012 

Regia: Terrence Malick

Interpreti: Ben Affleck, Rachel McAdams, Olga Kurylenko, Rachel Weisz, Javier Bardem, Barry Pepper, Amanda Peet, Jessica Chastain, Charles Baker, Will Wallace, Romina Mondello

Sceneggiatura: Terrence Malick

Fotografia: Emmanuel Lubezki

Durata: 1 ora e 52 minuti

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Ascese vorticose e rovinose cadute: i "frammenti di un discorso amoroso" secondo Terrence Malick, in Concorso

La meraviglia (Mont Saint Michel, in Francia) e l'inganno (Bartlesville, Oklahoma): l'amore e l'inerzia, la terra e lo spirito. "L'uomo che sbaglia sarà perdonato. Mentre con l'uomo che non sceglie, che esita, Dio non saprà cosa fare": Terrence Malick ha "scelto". Ha scelto di tornare a fare cinema e, in qualche modo, ci chiede di perdonargli alcune cose. L'assenza, in primo luogo, a cui ci aveva abituati da sempre (To the Wonder arriva solamente un anno dopo The Tree of Life, unicum nel percorso artistico di un cineasta che, fino al 2011, aveva realizzato 5 film in 38 anni) e il diverso approccio al racconto per immagini, ancora una volta predominanti a discapito di una struttura meno controllata, e convincente, rispetto alle opere precedenti.

Un altro flusso di coscienza, dopo il film Palma d'Oro con Brad Pitt, stavolta non per contrapporre il macrocosmo (l'universo) al microcosmo (una famiglia), ma per esplorare le affinità e le differenze tra l'amore terreno e quello spirituale: lei (Olga Kurylenko) è una giovane mamma single, lui (Ben Affleck) un "aspirante scrittore" (si legge nelle note, ma nel film nessuno lo accenna). Si amano, decidono di andare a vivere insieme: la passione, l'esplorazione che li abitava in Francia, lasciano spazio ai problemi della quotidianità in Oklahoma. Lui lavora come ispettore ambientale, lei insiste per sposarsi. "L'amore ci rende uno", dice la voce over della Kurylenko, "l'amore sacro è come una sorgente che sgorga ininterrottamente, quello umano un ruscello che a volte si può interrompere", sentiamo invece dai pensieri del prete interpretato da Javier Bardem, figura centrale del film in termini di perseveranza (nei confronti dei bisognosi) e dubbio (nei confronti della fede).

To the Wonder regala ascese vorticose alternate a rovinose cadute (francamente incomprensibile, seppur relegato ad un'unica sequenza, il "personaggio" interpretato da Romina Mondello...), si apre con un montaggio di immagini sgranate, "amatoriali", vacanziere, spensierate, per giungere alla meraviglia e alla complessità di tramonti multistrato e nuvole dalle quali cogliere nuovi spiragli: l'amore è eterno, ci dice Malick, non il modo di viverlo, però. Non è un caso, allora, che il regista ci mostri Ben Affleck quando si misura con la terra, raccogliendone campioni, così come sembra vivere il rapporto con le due donne del film (Rachel McAdams è un'amica d'infanzia con cui vivrà una storia momentanea quando la Kurylenko torna in Francia allo scadere del visto): un uomo che riceve più di quanto sia capace di donare, in termini di affetto e impegno. Che ama, ma che forse non sa "vivere" l'amore, sospeso tanto quanto il film. Che è imperfetto e sorprendente, retorico e avvolgente, noioso e spettacolare: come i pensieri. E la vita. (Valerio Sammarco)

To the wonder

I film della stagione 2013 / 2014


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail