Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Monsters University

Monsters University

Sabato 7 settembre - Ore 21:00
Domenica 8 settembre - Ore 16:00 e 21:00

Sabato 14 settembre - Ore 21:00
Domenica 15 settembre - Ore 16:00 e 21:00

Mike Wazowski, matricola della Monsters University, sogna di diventare uno spaventatore da quando era un piccolo mostro. Tuttavia, proprio durante il primo semestre alla MU, i suoi piani vengono sconvolti dall'incontro con lo spocchioso James P. Sullivan, detto "Sulley"; questi, infatti, è uno spaventatore dal talento naturale e Mike, irritato dalla sua natura indolente, entra in competizione con lui. Ben presto, però, l'accanito spirito competitivo metterà nei guai sia Mike che Sulley: il Rettore Tritamarmo in persona, infatti, caccerà entrambi dalla Facoltà di Spavento, l'esclusivo programma per spaventatori dell'Università. Come se ciò non bastasse, Mike e Sulley si renderanno conto che l'unico modo per rimettere le cose a posto sarà quello di lavorare insieme, facendo squadra con gli emarginati mostri della Ohimè Kappa...

Si segnala che la pellicola proiettata all'auditorium non è la versione 3D del film.

Regia: Dan Scanlon

Sceneggiatura: Pete Docter

Durata: 1 ora e 44 minuti

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** C'era una volta... ma c'è ancora? La Pixar non ha più tanta "fame", il prequel di Mike e Sulley conferma

Sì, c’era una volta... “Volevamo esplorare l’amicizia e la relazione tra Mike e Sulley, e ci siamo detti: perché non tornare indietro?”. Parola del regista Dan Scanlon, così è nato Monsters University, il prequel Disney-Pixar di Monsters & Co., storico successo animato che arrivò nelle nostre sale il 15 marzo 2002. Protagonisti, ancora loro: il piccolo ciclope verde Mike Wazowski e il gigante peloso James P. Sullivan, detto Sulley, che back in the days ritroviamo matricole alla Monsters University con l’obiettivo di diventare Mostri Spaventatori. Il primo è un secchione, sgobba tanto, ma la natura non gli è stata generosa: microbico, tenero, a chi mai farà paura? Il secondo è figlio d’arte, superdotato, non si applica, ma gli basta ruggire per incutere terrore. Eppure, per entrambi sarà dura, molto dura: ne fanno una di troppo all’orrido Rettore Tritamarmo, e vengono sbattuti fuori dal corso. L’unico modo per provarsi Spaventatori laureati è unirsi alla scalcagnata, perdente confraternita di Ohimè Kappa e dimostrarsi i migliori...

11 anni sono passati dall’originale, e il panorama dell’animazione mondiale è radicalmente cambiato: Pixar non ha più il monopolio (qualitativo), DreamWorks e compagnia cartoonata lavorano ai fianchi, e il gap s’è ridotto assai. Qui, appunto, l’ennesima riprova: il confronto con l’antesignano non regge, Sulley e Mike sono anagraficamente ringiovaniti, ma poeticamente vale il contrario. La tessitura umana e umanista del sequel è sfilacciata, il ritmo e le trovate non sempre all’altezza, i loro sparring partner abbastanza evanescenti: se creare ex novo è difficile, rimestare con carta, matita e CGI in una minestra riscaldata può risultare indigesto. Non è il caso, ma il sale (della storia, con gli occhi ai piccini) e il pepe (l’architettura citazionista e ironica, che fa l’occhiolino ai grandi) sono in difetto: talento (Sulley) e impegno (Mike) devono fare coppia per riuscire, ma qualcuno alla Pixar se l’è dimenticato. O, forse, non ha più fame. (Federico Pontiggia)

Monsters University - James P. Sullivan "Sully"

La critica

"Il punto di forza «Monsters University» di Dan Scanlon, è l'ambientazione, fantasiosa e accuratissima: i bambini, in sala (...), ridono fin dalle prime inquadrature, in cui vengono presentati i mostri, coloratissimi, irresistibilmente buffi, anche quelli, secondo la trama, più spaventosi. Granchi con chele giganti e un occhio solo, cheerleader con gli occhi fosforescenti, insoliti camaleonti, in una galleria di personaggi insolitamente ricca anche per un film Pixar non sorprende che dietro questo lavoro ci siano oltre centomila bozzetti. Un cartone animato molto raffinato che si gusta benissimo anche nella versione tradizionale in 2d. La storia va alle origini rispetto a 'Monsters & Co.' lì andava in scena l'incontro-scontro tra il mondo dei mostri e quello dei bambini, qui invece il centro della storia è la vita di un campus universitario, tra scherzi goliardici e sfide tra le confraternite. Qui Mike è un 'secchione' che conosce i libri di testo fino all'ultima riga, mentre James P. Sullivan detto Sully è un bullo che fa conto soprattutto sul proprio nome e sulle sue caratteristiche fisiche: grosso e peloso, ha tutte le carte in regola per spaventare. (...) Individualisti fino all'estremo, sembrano senza speranza finché non capiscono che davvero l'amicizia e il lavoro svolto insieme, legando al meglio le capacità di tutti, senza forzare la natura e i limiti di ognuno, può portarli davvero lontano. Anche il messaggio che il film implicitamente offre non è quindi affatto male, anche se ogni tanto trasuda un filo di retorica di troppo. Particolarmente ben riuscito il personaggio del mostro a due teste «Terry e Terri» doppiato da I soliti idioti. Bella la colonna sonora di Randy Newman, anche se 'Monsters University' non è un film musicale. Il finale è tutto in crescendo, e il divertimento è assicurato. L'ambientazione «universitaria» rende appetibile il film anche ai più grandicelli. Meno riuscito del solito il «corto» con gli ombrelli innamorati." (Sabrina Penteriani, 'L'Eco di Bergamo', 22 agosto 2013)

Monsters University - Mike Wazowski

"Sarà che li abbiamo già conosciuti nel 2001 ma 'Monsters University', pur conservando una classe visiva (...) sa sempre un po' di già visto. (...) I due mostri non solo faranno prevedibilmente amicizia ma guideranno una gara accademica contro i 'vincenti' del campus che trasuda politicamente corretto. Cosa è successo ai geni che non ne sbagliavano una? Possibile che negli ultimi quattro anni siano dovuti ricorrere a ben tre sequel di saghe ('Toy Story', 'Cars', 'Monsters & Co.'), realizzando solo due lungometraggi originali (l'eccelso 'Up' e il medio 'Ribelle - The Brave')?" (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 22 agosto 2013)

Tutti i film Disney Pixar

Gli incredibili - Poster Alla ricerca di Nemo - Poster Toy Story 2 - Manifesto Toy Story 3 - La grande fuga Monsters & co Monsters University - Poster Cars - Motori ruggenti Cars 2 - Locandina Ratatouille WALL-E Up - Manifesto Brave - Locandina La luna - Enrico Casarosa - Locandina Inside out - Poster Alla ricerca di Dory - Poster

I film della stagione 2013 / 2014 - I film più visti


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail