Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Il passato

Il passato

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Dopo quattro anni di separazione, Ahmad arriva a Parigi da Teheran su richiesta di Maria, la moglie francese, per espletare le formalità del loro divorzio. Durante il suo breve soggiorno, Ahmad scopre il rapporto conflittuale che Maria ha con sua figlia, Lucia. Gli sforzi Ahmad per cercare di migliorare questo rapporto sveleranno un segreto del passato.

In concorso al Festival di Cannes 2013.

Regia: Asghar Farhadi

Interpreti: Bérénice Bejo, Tahar Rahim, Ali Mosaffa, Sabrina Ouazani, Pauline Burlet, Elyes Aguis, Babak Karimi, Valeria Cavalli, Jeanne Jestin

Sceneggiatura: Asghar Farhadi

Fotografia: Mahmood Kalari

Montaggio: Juliette Welfling

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Dopo Una separazione il divorzio: è l'angosciante cinema del dubbio di Farhadi, con la Bejo premiata a Cannes

Due anni dopo Una separazione arriva inevitabile il divorzio. Asghar Farhadi ha realizzato una specie di sequel del film della consacrazione (Orso d'oro e Oscar), già nel gioco di rimandi narrativi: se nell'opera precedente alla base della rottura di coppia c'era la volontà della donna di lasciare l'Iran, qui la protagonista (Bérénice Bejo, migliore attrice all'ultimo festival di Cannes) si trova all'estero - il film è ambientato in una Parigi assai poco riconoscibile - mentre a tornare dall'Iran è lui, Ahmad (Ali Mosaffa), pronto a firmare le carte per il divorzio e a lasciarsi bene con la ex moglie Marie. Una formalità. Ma come accade sempre nel cinema di Farhadi le cose si complicano quasi immediatamente per via dei non detti, le piccole menzogne, gli equivoci, i sospetti: Marie convince Ahmad a dormire a casa anziché portarlo in albergo (come lui avrebbe voluto), ben sapendo che lì vivono, oltre alle due figlie avute da un matrimonio precedente, il nuovo compagno, Samir (Tahar Rahim), e suo figlio. Di entrambi Ahmad era ignaro, nonostante Marie insista nel dire il contrario. Comprensibile il disagio di Ahmed per la situazione. Ma può andare peggio. La figlia maggiore di Marie, Lucie, è in guerra con la madre perché non vede di buon occhio la relazione con Samir, e Ahmad - considerati i buono rapporti mantenuti con la figliastra - è chiamato, pregato da Marie, a intercedere. Scopre allora che la forte contrarietà di Lucie nasconde un motivo: l'attuale moglie di Samir, in coma da mesi in un letto d'ospedale, avrebbe tentato il suicidio una volta saputa della tresca tra il marito e Marie.

Fosse stato girato in Iran Le passé - quarto film in concorso a Cannes - avrebbe inevitabilmente giustificato letture politico-sociali su una società sospesa tra vecchie rotture che non si riescono a sanare e nuovi patti e unioni che si faticano a stringere. Ma siamo in Francia e alle prese con i più banali cortocircuiti relazionali, il che spiega perché Le passé possa sembrare un passo indietro rispetto a Una separazione. Non ha quel respiro, quell'elasticità simbolica. Non regala nemmeno la stessa tensione psicologica e quel climax emotivo che avevano fatto la fortuna invece del film precedente.

Tuttavia Le passè è tout court un film di Farhadi. Ne conferma la precisione nella scrittura, l'abilità nel costruire personaggi ad alto tasso d'empatia, la sagacia nell'addensare attorno a un nucleo primario - lo potremmo chiamare: l'evidenza di un fatto - nuove e ulteriori rivelazioni che, anziché chiarire, annebbiano il giudizio, sfumano i contorni delle cose, contraddicono verità prima accertate.

Questo onnipresente motivo pirandelliano si sposa a una messa in scena rigorosa, costruita sul conflitto tra primi piani, la continua reversibilità delle soggettive e l'attrazione per le superfici divisorie e riflettenti (porte a vetro scorrevoli, finestre, porte). La suspense non decolla come altre volte, ma il film resta pervaso da un presentimento angoscioso, il sentimento molle di un'imminente sciagura. E cresce alla distanza, regalandoci uno dei più bei finali visti fin qui. Un finale alla Farhadi. (Gianluca Arnone)

I film della stagione 2013 / 2014


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail