Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

L'arte della felicità

L'arte della felicità

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Alfredo e Sergio. Due fratelli. Due vite. Due continenti. Una sola anima. Sergio, tassista e musicista per vocazione, ha chiuso con la musica da anni: quando suo fratello maggiore Alfredo l'ha abbandonato nel momento in cui la loro carriera artistica stava decollando. Da allora, Sergio si è rinchiuso nel suo taxi, dal quale filtra il mondo esterno. Sotto un cielo plumbeo di una Napoli all'apice del suo degrado, Sergio riceve una notizia che lo sconvolge. Niente sarà come prima. Presto verrà travolto da ricordi, emozioni, speranze, rimpianti e incontri che gli insegneranno l'arte della vita... l'arte della felicità!

Regia: Alessandro Rak

Durata: 1 ora e 22 minuti

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

L'arte della felicità

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Alessandro Rak inaugura la SIC con un'animazione in salsa napoletana: amara, ma con un tocco di speranza

L'arte di arrangiarsi è da sempre una delle prerogative del popolo napoletano. Cosa è però questa capacità, se non una tensione al superamento di uno stato di afflizione? Se ad essere in ballo è il raggiungimento di un equilibrio tanto vale dire che i napoletani, come tutti del resto, tendono alla felicità. Ciò che li rende unici rispetto agli altri è che strada facendo filosofeggiano, discettano, si perdono in mille pensieri. Non a caso Sergio, il protagonista del film di animazione L'arte della felicità - che apre la 28 Settimana della Critica - , della parola è un campione. E non meno lo sono gli amici, i parenti e la varia umanità che carica sul suo taxi. Un tempo pianista oggi tassista sui generis, il nostro eroe attraversa una città coperta di rifiuti, cupa, minacciata da un Vesuvio sempre sul punto di ricoprirla di lava incandescente. È mai possibile essere felici in una città come questa? Forse no, ma un lampo può arrivare da un incontro occasionale, da uno scambio profondo dalla condivisione delle emozioni, dall'amore che ognuno riesce a dare o ricevere. Persino, anzi soprattutto, in una città come Napoli.

Racconto di vita e filosofia, l'opera di esordio di Alessandro Rak rappresenta una bella sfida perché l'argomento e il segno grafico la collocano in quella fascia di animazione per adulti virtualmente rischiosa. Invece è proprio questo il merito maggiore dell'autore, l'aver concepito libero da condizionamenti un'opera lontana dagli schemi usuali. Rigorosa, amara, ma con un tocco di speranza che alla fine illumina i personaggi e lo sfondo che li avvolge. Rak ha un grande talento, peccato che i dialoghi spesso siano eccessivamente verbosi e non perfettamente in linea con l'asciuttezza del disegno. Resta tuttavia un esordio di cui tenere conto. E l'autore un animatore di cui si sentirà parlare.

L'arte della felicità

I film della stagione 2013 / 2014


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail