Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Woody Allen: A Documentary

Woody Allen: A Documentary

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Scrittore, regista, attore, commediografo e musicista l'icona Woody Allen ha lasciato che la sua vita e il suo processo creativo fossero documentati per la prima volta dalla macchina da presa. Il filmmaker Robert Weide ha seguito per oltre un anno e mezzo la vita di questa leggenda del cinema per realizzare la più completa biografia, Woody Allen: A Documentary. Cominciando dall'infanzia di Allen e dai suoi primi ingaggi professionali da adolescente - quando scriveva barzellette per comici e quotidiani - Woody racconta il percorso della carriera di Allen: dal suo lavoro negli anni 50-60 come autore televisivo per Sid Caesar, cabarettista, comico e ospite abituale di talk show televisivi, fino a quello di sceneggiatore/regista con una media di un film all’anno per più di 40 anni.

Regia: Robert B. Weide

Interpreti: Woody Allen, Letty Aronson, Marshall Brickman, Josh Brolin, Dick Cavett, Penélope Cruz, Larry David, John Cusack

Sceneggiatura: Robert B. Weide

Montaggio: Karoliina Tuovinen, Robert B. Weide

Durata: 1 ora e 53 minuti

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Tutto quello che avremmo voluto sapere su Allen e... abbiamo saputo. Grazie, Robert B. Weide!

“Ancor prima di iniziare a girare, sapevo che avrei voluto vederlo sul set. Gliene ho parlato e la sua reazione è stata tipicamente “alleniana”: “I miei set sono così noiosi, non succede nulla di eccitante, a malapena scambio due parole con gli attori”. Ma alla fine ha ceduto: “Non credo te ne verrà fuori qualcosa di utile, ma se proprio ci tieni, ok, ti darò libero accesso”.

Devoto ed empatico, il documentarista Robert B. Weide ce l’ha fatta: la sua camera sul set – blindatissimo da tradizione - di You Will Meet a Tall Dark Stranger, soprattutto, i suoi occhi (e i nostri) su Allen. Woody si svela e si rivela, come mai prima, e il risultato non è solo uno zuccherino sul palato dei fan, ma una lectio magistralis sulla storia del cinema. La sua. Senza esagerazioni, non è solo un film su Woody Allen, ma un film di Woody Allen. E – esageriamo? - uno dei migliori.

Dalla casa d’infanzia a Brooklyn all’eterna macchina per scrivere (presa a 16 anni per 40 dollari, e Woody fa copia & incolla da amanuense: uno spasso...), passando per i celebri tic creativi e le famose ritrosie artistiche. Non solo, il focus è sulla Sfida, sempre rinnovata, di Mr. W: portare a termine il film più ostico, ovvero, il film a lui più caro. In breve, Woody Allen: A Documentary – da noi con Bim semplicemente Woody – è davvero Tutto quello che avreste voluto sapere su Allen* (*ma non avete mai osato chiedere). Si parte dall’infanzia, gli inizi, le gag scritte per la stampa, l’esperienza da stand-up comedian, infine la regia dei record: 43 film – alcuni, confessa, non riusciti - in 43 anni.

Non c’è autocelebrazione, piuttosto la deontologia del regista – “Chi continuava a sottolineare quanto fosse genio Woody, lo tagliavo senza scrupoli, zac! E non perché potesse imbarazzare Woody, e in effetti l’avrebbe fatto, ma perché sarebbe risultato imbarazzante per me” e la timidezza del suo soggetto. Un genio inconfesso, così fragile e tormentato da chiedere – udite, udite! - alla United Artists di non distribuire Manhattan. Parla lui, aprendo cuore e cervello, casa e bottega, e parlano i suoi, dalle muse Diane Keaton e Mariel Hemingway (Mia Farrow non c’è, e non sorprende, dopo l’affaire Soon-Yi) fino a Scarlett Johansson, Sean Penn, Martin Scorsese e Owen Wilson. Woody Allen come non l’abbiamo mai visto: come non andarlo a vedere? (Federico Pontiggia)

Woody Allen e Robert B. Weide

La critica

 "Piacevole ricapitolazione di un percorso artistico (e personale) davvero fuori dal comune."(Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 17 maggio 2012)

"C'è Brooklyn, il cinema di fronte a casa, la scoperta della comicità come fonte di guadagno, quando in 'Woody Allen: A Documentary' si racconta che le battute, scritte a 15 anni dopo la scuola, si vendevano ai comici per 25 dollari la settimana. (...) Con Allen si ride molto, delle sue battute, degli esordi in tv, delle dichiarazione di amici e colleghi intervistati, delle sue prime esibizioni nei teatrini off. Ma, sia pure nella generosità delle sue risposte sul cinema, sugli attori, sugli incontri, a Ruben B. Weide, autore del documentario, Allen non è riuscito a superare la ritrosia sui sentimenti e sulla vita privata. A parlare d'amore e solo Diane Keaton, che, dopo lunghe esitazioni, ha accettato di ricordare il legame sentimentale e professionale con lui." (Maria Pia Fusco, 'La Repubblica', 17 maggio 2012)

"L'attore, gagman, cinefilo, sceneggiatore, regista e produttore newyorkese, l'unico grande comico ad essersi ispirato più a Bergman e Fellini che a Chaplin e Keaton (...) viene raccontato, in stile Bbc, attraverso interviste, sequenze di film, rare apparizioni in programmi tv, foto, ritagli di giornali e altro ricco materiale di repertorio che coinvolge e sconvolge critici (come Leonard Maltin), agenti, familiari (l'inseparabile sorella), produttori, colleghi cineasti (...) e tanti tanti attori." (Roberto Silvestri, 'Il Manifesto', 17 maggio 2012)

"Woody Allen come non lo ricordavamo più. Versatile, pirotecnico, provocatorio. Lontano mille miglia dall'immagine attuale, un signore in età, colto e veneratissimo, che si diverte a girare film nelle capitali del mondo provocando ingorghi mediatici a base di gossip e paparazzi. In 'Woody Alllen: A Documentary', (...) nella sezione Cannes Classics , Robert Weide descrive il talento degli inizi, ancora non concentrato solo sul cinema, pronto a tutto pur di far ridere. (...) La capacità di far convivere diverse idee e ispirazioni si è solo affinata con gli anni, perché, all'inizio, prima di diventare quello che è oggi, Woody Allen è stato mille cose. (...) L'indagine non si ferma alla sfera cinematografica, c'e spazio anche per le attività saltuarie come la scrittura di testi teatrali e di articoli per il 'New Yorker', e per le passioni personali, prima fra tutte il clarinetto suonato con la band in puro stile New Orleans. (...) Insomma, una radiografia perfetta, arricchita dalle confessioni e dalle annotazioni dei suoi collaboratori." (Fulvia Caprara, 'La Stampa', 16 maggio 2012)

"Inutile dire che a celebrare il geniale battutista sono accorsi in tanti e tutti dicono la loro sul grande schermo: dalla musa Diane Keaton a Martin Scorsese e poi Sean Penn, Penelope Cruz, Antonio Banderas, Scarlett Johansson e Naomi Watts. Insomma la sua famiglia allargata verso la quale Woody lancia con affetto molte delle sue folgoranti battute."(Dina D'Isa, 'Il Tempo', 17 maggio 2012)

Woody Allen

Midnight in Paris Scoop Sogni e delitti Match Point Enything Else To Rome with Love - Locandina Woody Allen: A Documentary - Manifesto Gigolò per caso Café Society

I film della stagione 2012 / 2013


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail