Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Passione sinistra

Passione sinistra

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Cinereferendum 2013

Nina è cresciuta a pane e politica. Idealista, integralista e decisamente di sinistra, crede in quello che fa ed è convinta del fatto che si possa lottare per un mondo migliore. Vive con Bernardo, giovane intellettuale e scrittore di imminente - ma non ancora conclamato – successo: uno destinato a fare la giovane promessa per tutta la vita. Niente di più diverso da Giulio, erede di una famiglia di industriali, che più arrogante e qualunquista non si può. Uno che l'idea del mondo migliore non lo sfiora neppure. Non a caso è fidanzato con Simonetta, una simpatica biondezza che ogni tanto inciampa persino sui congiuntivi. Ma Nina e Giulio casualmente si incontrano. Ed è odio a prima vista. Esattamente il tipo di uomo che lei disprezza, che ha sempre disprezzato. Esattamente il tipo di donna che lui ignora, che ha sempre ignorato. Mondi diversi, pensieri diversi, ideali (o non ideali) diversi, se non fosse che il confine fra odio e amore è molto labile e basta poco a ridisegnare la geometria sentimentale di due coppie apparentemente solide. Perché quando la passione li travolge, sembra che ogni presunta certezza venga distrutta ed ogni differenza azzerata. Ma è proprio vero che in amore niente regole? Nina e Giulio non lo sanno, ma di certo non si fermeranno prima di scoprirlo.

Liberamente tratto dal romanzo di Chiara Gamberale Una Passione Sinistra.

Regia: Marco Ponti

Interpreti: Alessandro Preziosi, Valentina Lodovini, Vinicio Marchioni, Geppi Cucciari, Eva Riccobono, Iurij Ferrini, Glen Blackhall

Sceneggiatura: Marco Ponti

Fotografia: Vladan Radovic

Montaggio: Clelio Benevento

Musiche: Gigi Meroni

Durata: 1 ora e 30 minuti

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Il qualunquismo sentimental-politico abita qui. Il ritorno sottotono di Marco Ponti, nove anni dopo A/R Andata + Ritorno

Nina (Valentina Lodovini): idealista, ecologista, radical chic. Giulio (Alessandro Preziosi): ricco, arrogante, maschilista. La prima eredita dal padre una magnifica villa sul mare, il secondo la vuole acquistare. Lo "scontro" tra i due sarà violento, ma ancor di più dirompente sarà l'inevitabile incontro tra due mondi apparentemente così distanti.
Marco Ponti torna alla regia di un lungometraggio a quasi dieci anni di distanza da A/R Andata + Ritorno, opera seconda che non riuscì a bissare il successo ottenuto con Santa Maradona. Stavolta prende spunto da Una passione sinistra, romanzo di Chiara Gamberale (ed. Bompiani, 2009) che Bianca Film e Rai Cinema hanno deciso di portare sullo schermo, per raccontare la possibile metamorfosi di due personaggi intrappolati nelle proprie convinzioni: il film è di un qualunquismo disarmante, e lo si intuisce già dalla partenza, con la voce over della Lodovini che ci "descrive" chi è Nina. La solita carrellata di luoghi comuni, con la "nostra" impegnata sentimentalmente da un decennio con lo scrittore di futuro (?) successo Bernardo (Vinicio Marchioni), disposto a tutto per un'ospitata da Fazio e ovviamente sempre pronto a timbrare il cartellino con la "fan" di turno. Guarda caso la bionda, svampita e cerebrolesa fidanzata del destrorso Giulio, interpretata da Eva Riccobono: il quadro è delineato, la morale pure ("rossi e neri magari non esistono più ma continuano a essere comunque uguali"), il messaggio non tarda ad arrivare: "Siamo diversi ma ci possiamo amare". Manca il cinema, e la capacità di svincolarsi dal solito teatrino caratterizzato da personaggi che la realtà non riconosce più. E con i quali, ormai, si fa fatica anche a sorridere. Peccato. (Valerio Sammarco)

Passione sinistra

La critica

"La canzone di Gaber sui titoli di testa lascia ben sperare, ma la commedia resta prigioniera degli stereotipi (Preziosi, di destra, è bello e bravo a letto; Marchionil, sinistra, è l'intellettuale che smania per Fazio): girotondo di coppie. Il film di Marco Ponti coglie in Valentina Lodovini un' intonata protagonista, e nella Riccobono una svampita comprimaria." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 18 aprile 2013)

"Dal romanzo della Gamberale, Marco Ponti trae una commedia intesa a mettere alla berlina entrambe le parti, grazie ai rispettivi partner di Nina e Giulio, un tronfio romanziere (Marchioni) e un'appariscente finta-tonta (Riccobono); per non parlare dei salottieri ritrovi di una destra corrotta e della figura di un aspirante sindaco di Roma, fatuo progressista bravo a vendersi come il nuovo che avanza. Ma il film non vola più alto del teatrino stereotipo che inscena." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 18 aprile 2013)

Passione sinistra

"Ennesimo film della stagione in cui l'attualità politica si insinua tra le pieghe della commedia all'italiana, 'Passione sinistra' è forse il peggiore del mazzo, ma dopo il successo di 'Benvenuto presidente!' chissà se il pubblico lo premierà. Anche qui c'è un'interprete proveniente dalla saga di 'Benvenuti al Sud' e 'Benvenuti al Nord': là Claudio Bisio, qui Valentina Lodovini che è un'attrice bella e brava (...). Peccato che, in 'Passione sinistra', lei e gli altri attori (Alessandro Preziosi, Vinicio Marchioni, Eva Riccobono) debbano fare lo slalom tra i luoghi comuni e gli ammicchi alla satira politica, che è nemica mortale del bel cinema. La storia, nella Hollywood degli anni Trenta, avrebbe fatto la gioia di Spencer Tracy e Katharine Hepburn (...). Ognuno, come suol dirsi, ha i modelli che si merita. Purtroppo, nella scena più telefonata del film, Travaglio compare davvero (...). (...) anche dicendo quella semplicissima battuta il giornalista ci dà una notizia: no, proprio non è un attore." (Alberto Crespi, 'L'Unità', 18 aprile 2013)

"Per 'Passione sinistra' di Marco Ponti siamo dalle parti della commediola sentimentale. Qualcosa di più superficiale di 'Two Weeks Notice' (Sandra Bullock di sinistra, Hugh Grant di destra), 'Metalmeccanico e parrucchiera...' della Wertmüuller (Pivetti leghista, Solenghi postcomunista) o il più recente 'Matrimoni e altri disastri' (Buy sensibile, Volo cinico). (...) I coprotagonisti funzionano. I protagonisti no. Specialmente la Lodovini. In una Roma invisibile se non fosse per brutali flash da cartolina (città completamente slegata dai tormenti dei personaggi), Nina dovrà decidere se gli steccati ideologici hanno un senso, barcamenandosi come spin doctor di un aspirante sindaco (il trentaduenne Andrea Splendore, falso e ammiccante; bravo Glen Blackhall) più credibile nell'universo di 'Guerre stellari' che non in una commediola sì pop, ma in teoria anche popolare quindi un po' realistica. (...) E' invece è tutto frullatone escapista e rimasticamento di citazioni (si apre con orgasmo lanciato all'altoparlante stile 'Mash'), ammiccamenti finto-chic (Marco Travaglio in fiacco cammeo), aiutini televisivi (Geppi Cucciari mortificata; è più profonda negli spot del Bifidus), provocazioni da asilo (i titoli buffi dei film porno! Ancora? 'Clerks' è del 1994!) battute ripetute a macchinetta (la Lodovini è robotica) e autoindulgenza postmoderna. Cosa è successo a Marco Ponti, un tempo cantore del citazionismo di cuore, e dannatamente divertente, di 'Santa Maradona' e 'A/R: Andata Ritorno'? Forse non si poteva fare di più dal romanzo omonimo di Chiara Gamberale ma per chi ricorda il talento cristallino di Ponti (firmò la sceneggiatura dell' adorabile rom-com 'L'uomo perfetto') è una bella ferita cinefila questa passione né sinistra, né destra. Solo di plastica." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 18 aprile 2013)

Passione sinistra

"Fragile, simpatica e spiritosa commedia, con qualche figurina inutile, tipo la sprecata Geppi Cucciari. Ma certi sberleffi («'Se ho un dubbio mi chiedo: cosa direbbe Travaglio?'», '«Non riesco a lavorare finché non so quando mi inviterà Fazio»') sono irresistibili." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 18 aprile 2013)

"Piacerà a chi ama le commediole leggere a patto che tra un battibecco amoroso e l'altro riescono a infilare qualche osservazione non banale (al diavolo le barriere ideologiche specie quando si rivelano del tutto fasulle). Certo il cuore del regista è a sinistra, ma fortunatamente non quella che ha il vuoto dietro le sue presunte battaglie." (Giorgio Carbone, 'Libero', 18 aprile 2013)

I film della stagione 2012 / 2013


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail