Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Flight - Robert Zemeckis

Flight - Denzel Washington

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Durante un incidente di volo, l'esperto pilota di linea Whip Whitaker riesce con un atterraggio miracoloso a salvare quasi tutte le vite dei passeggeri. Dopo la scampata catastrofe, Whip viene acclamato eroe nazionale, ma ben presto iniziano a emergere inquietanti interrogativi sul reale svolgimento della vicenda...

Flight - Denzel Washington

Regia:  Robert Zemeckis

Interpreti: Denzel Washington, James Badge Dale, John Goodman, Don Cheadle, Bruce Greenwood, Kelly Reilly, Melissa Leo, Nadine Velazquez, Rhoda Griffis, Tamara Tunie, Brian Geraghty, Garcelle Beauvais, Adam Tomei

Sceneggiatura: John Gatins

Fotografia: Don Burgess

Montaggio: eremiah O'Driscoll

Musiche: Alan Silvestri

Durata: 2 ore e 18 minuti

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

Valutazione Pastorale (dal sito della CNVF della Conferenza Episcopale Italiana)

Giudizio: consigliabile, problematico

Tematiche: Alcolismo; Droga; Giustizia; Tematiche religiose;

Dice Zemeckis: " Quello che mi ha davvero catturato nel copione è stata la complessità dei personaggi, che hanno tutti delle sfumature. Non sono i tipici 'bravi ragazzi e/o cattivi ragazzi'. Ognuno è in qualche modo danneggiato e questo diventa il motore drammatico. La suspence viene dall'incertezza di cosa faranno i personaggi, di come reagiranno". Va detto che la densa sceneggiatura scritta da John Gatins ha trovato nel regista di "Forrest Gump" e "Chi ha incastrato Forrest Gump" un interprete sensibile e incisivo, capace di diluire nei toni della suspence e dell'azione quelli di un esame più approfondito dei singoli personaggi e della società in cui si muovono. In una drammaticità via via più incalzante, Whitaker percorre una strada che lo porta da un inizio sfrontato e tracotante alla accettazione di uno stato di espiazione e redenzione: una guarigione che non è (o non vuole essere) solo fisica ma soprattutto morale. Una ricerca etica dolorosa e sofferta che non a caso passa attraverso confronti aspri e forti (la ragazza drogata, il malato terminale, la scelta tra verità e menzogna) e apre confronti con orizzonti di spiritualità semplice e robusta (il copilota ferito in ospedale). Molti spunti risultano quindi interessanti e fanno crescere la storia al di là della indubbia tenuta spettacolare, e della esemplare interpretazione di Denzel Washington. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile e nell'insieme problematico.

Utilizzazione: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in seguito in molte occasioni come prodotto di ottima professionalità e di sicura tenuta narrativa.

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Zemeckis si libera dalla motion capture e sforna un legal thriller kieslowskiano. Denzel Washington super

A seguito di un guasto tecnico un aereo di linea con 102 passeggeri a bordo precipita nei dintorni di Atlanta. Sarebbero morti tutti se in cabina di pilotaggio non ci fosse stato l'esperto comandante Whip Whitaker (Denzel Washington), che grazie a una manovra spericolata riesce a limitare l'impatto salvando 96 vite. Nessun dubbio: Whitaker è un eroe, celebrato dalla stampa e acclamato dalla gente. Oppure no. L'NTSB (il National Transportation Safety Board) indaga sull'incidente e scopre che Whitaker è entrato in cabina di pilotaggio ubriaco. Scatta l'inchiesta.

Dal disaster-movie al legal thriller, dal drama alla commedia umana, e poi: il caso e la necessità, la dipendenza e la libertà, la verità e la menzogna, la volontà e Dio. Flight di Robert Zemeckis somiglia a un kolossal hollywoodiano girato da Kieslowski, non risparmia su carico e carburante, va in picchiata, tiene incollato lo spettatore alla poltrona ma non cade: plana lieve semmai come la piuma di Forrest Gump, secondo traiettorie imprevedibili ma non casuali.

Merito di una sceneggiatura di ferro, elastica abbastanza però da ammortizzare i continui cambi di passo e di umore del film. Rielaborando una vicenda personale, John Gatins consegna a Zemeckis uno script dove la carne al fuoco è tanta, non troppa; piena di trappole e potenziali vicoli ciechi, digressioni e personaggi, temi e provocazioni. E Zemeckis - finalmente rinsavito dopo le ossessioni in CG, Motion Capture e 3D che ne avevano segnato l'ultimo scorcio di carriera - ne fa buon uso, dosando da maestro modi, tempi e sottotesti.

Flight è il suo primo film degno di nota da un decennio a questa parte, e non è un caso che l'avvenimento coincida con il ritorno in squadra del sodale Don Burgess, il grande direttore della fotografia che aveva mollato il regista subito dopo Cast Away e prima dell'era digitalizzata zemeckesiana (iniziata nel 2004 con Polar Express). Maneggiando con disinvoltura le minuscole cineprese digitali di nuova generazione (le Red Epic), Burgess ci regala alcune delle sequenze aeree più belle della storia del cinema, e ampliando la gamma prospettica dentro l'angusto spazio del velivolo riesce a trovare una quadra tra libertà di movimento (dello sguardo almeno) e senso di claustrofobia. Per il resto, la confezione è elegante ma non griffata.

Eppure tutto questo sarebbe servito a poco se al servizio della storia e dell'eccellente team tecnico/artistico (per un budget di lavorazione comunque irrisorio: 31 milioni di dollari) non ci fossero stati interpreti in stato di grazia, capaci di conferire spessore e verità ai personaggi di carta.

Su tutti Denzel Washington (per la prima volta diretto da Zemeckis), alle prese con un antieroe carismatico e indisponente a cui l'attore di colore offre tutta la grandezza e la vulnerabilità di cui è capace: il suo Whip Whitaker si ficca nella testa e nel cuore di ogni spettatore con un ventaglio espressivo impressionante, fatto di tic facciali, tumulti ottici e sfumature verbali; dimenandosi con naturalezza tra l'arroganza di un corpo imponente e l'improvvisa goffaggine che sembra assalirlo; debole e forte insieme dentro una scissione più ampia, quella tra immagine pubblica e coscienza di sé.

Lungo il suo percorso di distruzione/redenzione, capita d'imbattersi nella delicata fragilità di Kelly Reilly, l'affidabilità di compagni di viaggio come Bruce Greenwood e Don Cheadle e la magistrale presenza scenica di John Goodman (che irrompe nella storia in camicia e shorts, occhiali da sole e Sympathy for the Devil degli Stones nelle orecchie: fantastico) e Melissa Leo, protagonisti di due ottimi camei. Molte le scene memorabili: dall'incipit shock in camera d'albergo alla lunga sequenza della caduta, dall'incontro tra Washington e la Reilly in ospedale (con il tramite di un malato terminale in vena speculativa) al decisivo confronto processuale.

Peccato solo per i dieci minuti finali, inutilmente consolatori e didascalici, appannaggio forse del grande pubblico di casa.

Che sembra non aver gradito comunque: pochi per un film del genere i 90 milioni incassati al botteghino americano. (Gianluca Arnone)

Robert Zemeckis

 Flight - Robert Zemeckis - Locandina Cast away Polar Express - Locandina La leggenda di Beowulf - Locandina Ritorno al futuro - Locandina italiana Le verità nascosta Tke Walk

I film della stagione 2012 / 2013


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail