Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Sinapupunan (Thy Womb) - di Brillante Mendoza

Sinapupunan (Thy Womb) - di Brillante Mendoza

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Shaleha Sarail vive a Sitangkai, un villaggio sull’acqua nell’isola di Tawi-Tawi. Questa provincia, situata nella parte più meridionale delle Filippine verso gli arcipelaghi malese e indonesiano, è dedita alla produzione di alghe marine. Shaleha, una donna ormai matura e al terzo aborto spontaneo, si dispera per l’impossibilità di aver figli. Nonostante sia madre adottiva di un nipote, sente che il marito Bangas ha ancora il desiderio di diventare padre. Per appagare il sogno del marito ed essere benedetta da Allah, poiché un figlio è un segno tangibile della grazia divina, la donna decide di intraprendere un’altra strada: troverà una nuova moglie per Bangas. Giorno e notte i due coniugi si spostano in barca tra le isole, le comunità vicine e i villaggi sull’acqua alla ricerca di una donna fertile. Infine, su segnalazione di alcuni amici, trovano la fanciulla giusta. Ma alla vigilia delle seconde nozze del marito con Mersila, Shaleha è rosa dalla gelosia.

In Concorso al Festival di Venezia 2012

Regia: Brillante Mendoza

Interpreti: Nora Aunor, Bembol Roco, Lovi Poe, Mercedes Cabral

Sceneggiatura: Henry Burgos

Durata: 1 ora e 40 minuti

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

Sinapupunan (Thy Womb) - di Brillante Mendoza

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Fertilità in Concorso: l'amore senza confini di Brillante Mendoza è da Leone d'Oro

Sterilità e fertilità. L'uomo, la terra e il mare. Soprattutto, la Donna. Che dopo l'indimenticabile nonnina di Lola (sempre in concorso, a Venezia, nel 2009) torna elemento cardine per Brillante Mendoza anche in questo nuovo lavoro: Sinapupunan (Thy Womb) è l'utero, il grembo da cui tutto nasce e che, al tempo stesso, custodisce il segreto della vita. Shaleha (Nora Aunor, immensa) è una levatrice Bajau nella remota isola di Tawi Tawi, all'estremo sud dell'arcipelago filippino, luogo dove pescatori, cercatori di perle e tessitori di reti vivono in armonia con la natura: musulmani rispetto alla stragrande maggioranza del paese, i Bajau sono conosciuti come gli "zingari del mare", sospesi su acque che lambiscono anche la Malesia e l'Indonesia. Sospesi, come Shaleha e l'amato marito, felici ma segnati dal dramma dell'infertilità: mossa da un amore sconfinato, la moglie acconsente affinché l'uomo sposi una seconda donna e possa esaudire così il suo desiderio di paternità.

L'apparente semplicità con cui Mendoza ci racconta la storia di questa coppia, l'immediatezza con cui lo sguardo è invitato a fluttuare tra le palafitte di una comunità sconosciuta, la continua danza degli elementi, le fugaci incursioni (armate) del mondo esterno: è un film agli antipodi, Thy Womb, che non si nasconde dietro ai falsi pudori di una cultura (la nostra) anestetizzata dalla violenza delle immagini ma capace di scandalizzarsi di fronte alle riprese di un vero parto o all'uccisione di una mucca, sacrificata ad Allah in occasione delle nozze (poi rimesse in scena); agli antipodi del nostro universo, regolato da una concezione dell'amore che non potrebbe mai prevedere, comprendere, la scelta sofferta che prende Shaleha, addirittura disposta ad aiutare il marito a mettere insieme una dote con cui presentarsi al cospetto delle famiglie di ipotetiche, giovani spose.
Mendoza ci chiede di prendere parte, di abbandonare qualsiasi pregiudizio, ed è straordinario nel non cadere mai nel facile autocompiacimento, evitando qualsiasi eccesso atto a ricordarci le difficoltà incontrate, soprattutto a livello logistico, per realizzare un'opera simile, ambientata quasi totalmente in mare: una pagina di cinema indimenticabile, "data alla luce" in uno dei luoghi più incontaminati (non solo dal punto di vista ecologico) del pianeta. (Valerio Sammarco)

Sinapupunan (Thy Womb) - di Brillante Mendoza

I film della stagione 2012 / 2013


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail