Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Jack Reacher - La prova decisiva

Jack_Reacher

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Jack Reacher, un ex investigatore militare, viene chiamato in causa da un cecchino accusato di aver fatto fuoco sulla folla in una cittadina del Midwest, sparando sei colpi e uccidendo cinque persone. Il cecchino però si proclama innocente e sa che solo Reacher può aiutarlo a trovare il vero responsabile della strage.

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

Regia: Christopher McQuarrie

Interpreti: Tom Cruise, Rosamund Pike, Robert Duvall, Richard Jenkins, Werner Herzog, Alexia Fast, David Oyelowo, Kristen Dalton, Jai Courtney

Sceneggiatura: Christopher McQuarrie, Josh Olson

Fotografia: Caleb Deschanel

Montaggio: Kevin Stitt

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Cruise "detective impossible" nei panni dell'eroe letterario di Lee Child: action-thriller gradevole ma calcolato

Cinque vittime casuali, passanti freddati da un cecchino che, dopo qualche ora, viene individuato in un ex militare, abile tiratore addestrato. Arrestato, l'uomo anziché confessare scrive su un foglietto: "Trovate Jack Reacher". Ex investigatore militare, datosi alla macchia da qualche anno, Reacher (Tom Cruise) arriva prima che si dia il via alle ricerche: conosce quell'uomo ed è pronto a sentenziarne la definitiva condanna. Finito in coma per un "misterioso" pestaggio avvenuto dopo l'arresto, il presunto cecchino è difeso da un avvocato (Rosamund Pike) deciso ad evitargli il braccio della morte: per farlo, capisce che la chiave di tutto potrebbe essere proprio Jack Reacher. E non senza qualche difficoltà, lo convince ad investigare sul caso: quella che a prima vista sembrava una verità lampante, poco a poco inizierà a sgretolarsi di fronte a dettagli apparentemente insignificanti.

Un po' Ethan Hunt, un po' Sherlock Holmes, la mission impossible di Tom Cruise stavolta è quella di portare sullo schermo - anche come produttore - l'eroe letterario di Lee Child, protagonista di ben 17 romanzi: il risultato è soddisfacente, non foss'altro per l'ormai indiscutibile capacità dell'attore di calarsi in ruoli di questo tipo. Più icona che divo, Cruise è davvero uno dei pochi, se non l'ultimo rimasto tra gli eroi di celluloide che, ancora oggi, riescono a tenere in vita quel mix marcato anni '80 di azione, carisma ed umorismo che il cinema di genere è andato via via perdendo. Scritto e diretto da Christopher McQuarrie, il film è un po' di tutto: thriller, action e giallo convivono, tra indizi e lungaggini, scazzottate e inseguimenti, con tanto di Werner Herzog chiamato ad incarnare il tenebroso villain Zec e il veterano Robert Duvall capace, seppure in poche pose, di regalare ottimi momenti al fianco del protagonista. Che, come detto, è sempre "sul pezzo", anche troppo se vogliamo: e il limite di Jack Reacher è proprio questo, un detective muscolare e talmente cool da non sbagliare un colpo, per un film che sa farsi guardare ma che si affida troppo al calcolo, appesantendosi. Con finale che lascia aperta più di una porta ad altri adattamenti cinematografici. (Valerio Sammarco)

La critica

"Tratto da 'One shot', un romanzo di Lee Child, celebrato giallista tv, pubblicato da Longanesi, 'Jack Reacher - La prova decisiva', inizia alla grande con qualcuno che dalle fessure di un garage uccide cinque passanti casual apparentemente senza colpa né legami. (...) La firma è di Christopher McQuarrie, che nel '95 vinse l'Oscar per la sceneggiatura dei 'Soliti sospetti' (fama in parte dilapidata poi con 'Operazione Valchiria' e 'The Tourist') che ora spera di lanciare un serial come Bourne, che per Cruise potrebbe sostituire l'usurato Ethan Hunt dalle costosissime mission impossible, giusto nel momento in cui 007 raggiunge il top rinunciando all'action in smoking per birra proletaria. E chiaro che Jack-Tom, nell'intrigo che ha bisogno di troppi sotterfugi, salverà film e patria, oltre a far innamorare la figlia del procuratore Richard Jenkins, col bell'aspetto di Rosamund Pike, che sulla carta dovrebbe deviare i soliti sospetti, ragazza fatale a doppia mandata. Ma i massimi e previsti momenti di divertimento sono coi personaggi di contorno stereotipato sopra le righe, con l'occhio chiuso per noia e per l'età: da una parte il vecchio Robert Duvall, gestore armaiolo del poligono di tiro (fascista alla 'Vogliamo i colonnelli' di Monicelli), dall'altra un Werner Herzog spirito del male, richiamo teutonico a un oscuro deus ex machina con occhio di vetro e dita in parte auto mozzate non per fame in Siberia: pure la strizzatina maliziosa all'impero dell'Impero del male in rosso Stalin." ('Il Corriere della Sera', Maurizio Porro, 3 gennaio 2013)

"L'eroe Jack Reacher aspira a una dimensione mitica: veterano pluridecorato senza fissa dimora, Jack non è altro che la reincarnazione del cavaliere medievale, del giustiziere del West, o di dove preferite. Uscito da una serie di bestseller di Lee Child e prese le sembianze della star Tom Cruise, I'eroe eponimo fa capolino sullo schermo con un guizzo d'ingegno: è evocato da un cecchino che, nella sequenza d'apertura, si presume abbia ammazzato senza motivo cinque innocenti a spasso in un parco di Pittsburgh. (...) Dopo l'agente Ethan Hunt della serie 'Mission Impossible', Tom Cruise aveva bisogno di un nuovo eroe cui prestare la faccia e il fisico. Così ha deciso di interpretare e produrre quello che sarà, probabilmente, il primo episodio di una nuova serie. Il personaggio di Jack Reacher - ipereroe disilluso e stanco - pare la scelta giusta e anche Christopher McQuarrie, sceneggiatore di fiducia della star, si rivela adeguato a impaginare le sequenze d'azione che lui stesso ha sceneggiato dal nono libro della saga." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 3 gennaio 2013)

"II giallista Lee Child, che di Jack Reacher è il creatore, lo ha definito «un vero duro, un ex militare addestrato ad agire con assoluta determinazione, ma anche dotato di un profondo senso dell'onore...»: una frase che basta a spiegare perché Tom Cruise, un attore che ama incarnare eroi solitari e pronti a tutto per una giusta causa, abbia deciso di mettersi nei panni di questo personaggio. (...) Nella cornice di una plumbea Pittsburg, abitata da sicari russi agli ordini di un misterioso supercattivo (un luciferino Werner Herzog), il giallo è solido e si segue volentieri, però Christopher McQuarrie, sceneggiatore assurto a fama per 'I soliti sospetti', non è regista di particolare interesse; e Cruise ogni tanto sembra come messo in posa per evidenziarne il maschio carisma, il che non è un bene né per il divo né per il film. McQuarrie sarebbe in predicato per il quinto 'Mission Impossibile', non ci pare l'idea giusta." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 3 gennaio 2013)

"Per introdurre il personaggio di Jack Reacher, invenzione letteraria di Lee Child e da oggi nuovo eroe per Tom Cruise, bisognerebbe disegnare un identikit con i particolari di decine di altri personaggi tratti dall'eterna saga americana dell'eroe solitario e senza nome, giustiziere implacabile, retto da un personalissimo codice morale che lo porta a sanare le storture della vita e le lacune della legge. Ma non è sufficiente rifarsi al magistero di un Clint Eastwood «senza nome» , né appellarsi alla durezza unidimensionale di un Charles Bronson «senza notte», come vano sarebbe inchiodarlo al reducismo di un Sylster Stallone senza parole, né all'inesorabile perfezionismo atletico di un Jason Bourne senza memoria. Jack Reacher è un po' di questi personaggi e molto di più, e qui sta la sua originalità, perché è il frutto di una mescolanza inconsueta di elementi che solo in parte si nutrono dell'immaginario americano. Non bisogna dimenticare che il creatore della serie, Lee Child, è un inglese che ben ha presente la lezione di Sir Arthur Conan Doyle e il suo Sherlock Holmes, molto meno quella di Jan Fleming e del suo 007 (...). Rimpicciolito, il Jack Reacher cinematografico deve competere con quello di 'Mission Impossible' cercando di far dimenticare ai fan del primo quelli del secondo. Missione impossibile, ma noi crediamo riuscita. (...) Jack Reacher è un film anomalo nel panorama attuale dell'action movie muscolare. E' tanto parlato quanto agito, tanto seduto quanto spericolato. Ironico e intelligente, si avvale di un cast sorprendente, compreso il guru tedesco del cinema d'autore come Werner Herzog in una parte impagabile, per non citare l'appoggio in extremis di Robert Duvall." (Dario Zonta, 'L'Unità', 3 gennaio 2013)

"Dal romanzo 'La prova decisiva' di Lee Child, l'ultima prova action-thriller dell'immarcescibile Tom Cruise, che nonostante le 50 primavere continua a voler salvare il mondo. Non c'è spazio per l'amore né per una pensione dorata, Jack si fa giustizia da solo, mentre alla regia Chris McQuarrie prova a scommettere su una nuova Mission: Impossible: niente da fare, Reacher non è Ethan Hunt e, soprattutto, nemici e intrighi hanno il fiato corto. Provinciale." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 3 gennaio 2013)

"Elementare, Watson! Ti aspetti che lo esclami, da un momento all'altro, il misterioso e taciturno Jack Reacher, ex ufficiale della polizia militare statunitense dotato di un intuito da far invidia al grande Holmes. Oddio, in alcuni momenti ne ha anche troppo per risultare realmente credibile e non cadere nel ridicolo. Per non parlare degli stereotipi del classico poliziesco hard boiled con aggiunta di una piccola dose di soprannaturale (il protagonista esce da una rissa uno contro cinque senza un minimo taglio e becca una trambata in testa che avrebbe ammazzato un bisonte ma a lui non causa neanche una piccola commozione cerebrale) e qualche vago richiamo a Jason Bourne, tutti elementi messi lì, un po' alla rinfusa, per tirare (troppo) per le lunghe la pellicola. Eppure, nonostante tutto questo (e c'è molto di più), grazie al 'physique du rôle' di un convincente Tom Cruise, la trasposizione de 'La prova decisiva' (nono romanzo sul solitario Jack Reacher pubblicato, con lo pseudonimo di LeeChild, dallo scrittore britannico James R. Grant) è, senza troppo pretendere, assolutamente godibile e consigliabile. Merito anche dei tre grandi vecchi che nobilitano il cast: Richard Jenkins, Robert Duvall ed il superbo «cattivo» Werner Herzog. Pittsburgh. Sei colpi di fucile ed un killer uccide cinque persone, un uomo e quattro donne, nella migliore delle scene del film. (...) Una nuova saga cinematografica ha, probabilmente, preso il via." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 3 gennaio 2013)

"Piacerà a tutti coloro che vogliono iniziare l'anno con un thriller d'azione di quelli tosti, ad alta professionalità americana. 'Jack Reacher' parte con buone credenziali (Tom Cruise supportato da Robert Duvall, regia e sceneggiatura di quel Christopher McQuarrie che quindici anni fa ideò 'I soliti sospetti'). Credenziali che per una volta non ingannano. Le corse affannose di Jack Reacher valgono (e magari superano) quelle di Jason Bourne." (Giorgio Carbone, 'Libero', 3 gennaio 2013)

Tom Cruise

Mission impossible 3 Mission: Impossible - Protocollo fantasma Innocenti bugie L'ultimo samurai Operazione Valchiria Leoni per agnelli Collateral Vanilla sky Jack Reacher - La prova decisiva - Poster Oblivion - Tom Cruise - Poster Edge of Tomorrow - Poster Mission: Impossible - Rogue Nation - Poster

I film della stagione 2012 / 2013


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail