Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Il rosso e il blu

Il rosso e il blu

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Sullo sfondo di una scuola romana si intrecciano le storie di un professore di storia dell’arte che ha perso la passione per il suo lavoro ed è inseguito da una sua vecchia alunna, di un giovane supplente di lettere che ce la mette tutta e cerca di “salvare” una studentessa eccentrica e ribelle, e di una preside rigida e inappuntabile costretta a occuparsi di uno strano alunno dimenticato dalla madre...

Tratto da un libro di Marco Lodoli e diretto da Giuseppe Piccioni, Il rosso e il blu è una commedia sul mondo della scuola, un racconto corale che unisce sentimento e ironia, con un cast di giovani promesse guidato da un trio di attori d’eccezione: Margherita Buy, Riccardo Scamarcio e Roberto Herlitzka. “Nella scuola c’è un dentro e un fuori e noi ci dobbiamo occupare solo di ciò che è dentro”, secondo la preside interpretata da Margherita Buy: ma è proprio da fuori che sembrano arrivare per tutti le lezioni più importanti.

Regia:  Giuseppe Piccioni

Interpreti: Margherita Buy, Riccardo Scamarcio, Roberto Herlitzka

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

Il rosso e il blu

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Dai banchi di scuola alla commedia umana: Giuseppe Piccioni rilegge Leopardi ed elogia la normalità

Sin dall'esordio con Il grande Blek Giuseppe Piccioni persegue un cinema attento ai sentimenti e alle persone. I film per lui sono sempre stati un'occasione per riflettere sulla natura umana e Il rosso e il blu, tratto dal romanzo di Marco Lodoli, non fa eccezione. Sbaglierebbe infatti chi lo archiviasse velocemente alla voce "scuola". Il liceo che fa da sfondo alle varie vicende è quasi un accidente, scelto non per fare della sociologia ma per enfatizzare il vero oggetto d'indagine, cioè il sottile equilibrio tra illusione e disillusione in cui gli esseri umani, ragazzi o adulti che siano, si muovono. Non mancano ovviamente studenti insegnanti e genitori, sono però il simbolo delle possibilità che l'individuo ha di muoversi tra perdizione e salvezza, gioia e dolore, felicità e infelicità.

Sarà per questa particolare riflessione esistenziale che Leopardi con il suo Canto notturno di un pastore errante dell'Asia viene citato più volte all'interno del film, nume tutelare pronto a fornire le coordinate per decifrare le personalità che animano i vari racconti intrecciati. Così al professor Fiorito (Roberto Herlitzka) viene facile impersonare l'anziano ormai disilluso e tentato dall'idea del suicidio, almeno fino a quando l'incontro con un'ex allieva non gli offre una seconda chance. E la preside (Margherita Buy) è come deve essere, dura prima con se stessa che con gli altri per paura di cedimenti sentimentali sicuri portatori di sofferenza. Non esce dallo schema nemmeno il giovane supplente Prezioso (Riccardo Scamarcio), pieno di slanci eppure incapace di capire chi accanto a lui soffre davvero. Tipi comuni, insomma. Così come normali sono i ragazzi, già segnati dal dubbio che la felicità non sia di questo mondo.

Gli argomenti sono profondi, tuttavia affrontati con leggerezza di toni e dialoghi che strappano spesso il sorriso. Piccioni non calca mai la mano, ma lavora felicemente di sottrazione perché non gli interessano il racconto drammatico alla Attimo fuggente né il finto giovanilismo di Notte prima degli esami, e meno che mai la farsa sguaiata dei vari teen movie americani. Il rosso e il blu è invece una commedia, decisamente umana. (Angela Prudenzi)

Il rosso e il blu

Valutazione Pastorale (dal sito della CNVF della Conferenza Episcopale Italiana)

Giudizio: consigliabile, problematico, dibattiti

Tematiche: Famiglia; Famiglia - genitori figli; Giovani; Scuola

Il punto di partenza è il romanzo omonimo di Marco Lodoli. Dice Piccioni: "La scelta è caduta su una storia corale, frammentata e frammentaria, che si tenesse alla larga, in ogni suo passaggio, dalla mera riflessione sociologica. (...) Provo a raccontare un mondo sbriciolato che fatica a ritrovare un senso. E a farlo con leggerezza. Non storie raccolte dai giornali, ma l'ordinaria quotidianità di una scuola abbastanza 'normale'(...)". Queste precisazioni sono utili per inquadrare al meglio il taglio dell'operazione. Gettandosi in modo frontale in un universo scollato e disordinato come quello scolastico, luogo di tante opzioni possibili (da Luchetti a Cantet), il copione mantiene misura, chiarezza di narrazione, serenità di approccio. Con uno sguardo a tutto tondo che amalgama bene personaggi principali e secondari e li inserisce in problematiche grandi e piccole (da ricordare la 'lotta' per l'unica seggiola libera), il racconto procede sciolto e scorrevole, ben aderente al 'vero' e capace di azzeccate fantasie poetiche (lo slancio affettuoso dell'alunna di un tempo). Una sintesi giusta, un affresco corretto, forse anche più del necessario ma opportuno per ripartire da qualcosa di 'condiviso' e da salvare rispetto ad una realtà nella quale si gioca la scommessa del futuro della società italiana. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile, problematico e adatto per dibattiti.

Utilizzazione: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e in molte occasioni successive per avviare riflessioni sulla scuola e su tutte le sue implicazioni (professori, alunni, famiglia, italiani e immigrati...).

Il rosso e il blu 

Margherita Buy

Il rosso e il blu - Poster Giorni e Nuvole - Manifesto Lo spazio bianco Ma che colpa abbiamo noi Matrimoni e altri disastri - Dal 22 maggio Saturno contro - Poster Magnifica presenza - di Ferzan Ozpetek - Poster Habemus Papam Happy family Il grande sogno Viaggio sola - Margherita Buy - Locandina La gente che sta bene - Poster Mia madre

I film della stagione 2012 / 2013


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail