Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Piccole bugie tra amici

Piccole bugie tra amici

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Cinereferendum 2012

La consueta estate nella grande casa sul mare, per un gruppo di amici parigini, ciascuno con il proprio stress, ciascuno con le proprie piccole bugie. E per tutti il dolore di una mancanza, l'amico rimasto solo a Parigi in ospedale dopo un gravissimo incidente. Ci pensano e non ci pensano, la vita (e le vacanze) vanno avanti. Ma stavolta l'estate è per tutti un grande freddo: Vincent (Benoit Magimel) non ama più sua moglie e prova qualcosa per l'amico Max (François Cluzet), che la rivelazione rende ancor più nervoso e insopportabile, Eric (Gilles Lellouch) non smette di provarci con tutte, mentre l'abbandonata Marie (Marion Cotillard) consuma storie di sesso senza gusto e futuro. Fra tutti questi disperati della vita branché, s'aggira un solo idealista, il tenero Antoine (Laurent Laffite) che vive appeso agli sms della ex di cui è ancora innamorato (Anne Marivin).

Regia: Guillaume Canet

Interpreti: François Cluzet, Marion Cotillard, Benoît Magimel, Gilles Lellouche, Jean Dujardin, Laurent Lafitte, Valérie Bonneton, Pascale Arbillot, Joel Dupuch, Anne Marivin, Hocine Mérabet, Louise Monot

Sceneggiatura: Guillaume Canet

Fotografia: Christophe Offenstein

Montaggio:

Musiche:

Durata: 2 ore e 15 minuti

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

Valutazione Pastorale (dal sito della CNVF della Conferenza Episcopale Italiana)

Giudizio: complesso, problematico

Tematiche: Amicizia; Famiglia; Matrimonio - coppia; Morte; Omosessualità

Si lascia la città per rilassarsi e invece il luogo unico, la convivenza forzata, il girare sempre intorno agli stessi argomenti provocano spaccatura nell'armonia, scintille e messa a nudo dell'amicizia. Così almeno capita a questi francesi in trasferta a Cap Ferrat, 40enni e anche 50enni, calati nel vuoto pneumatico della vacanza e pronti a riempire le giornate con un vacuo blaterare su amori, relazioni, gusti sessuali, speranze e attese deluse, pentimenti per gli errori fatti, accettazione del tutto e del suo contrario. Sono bravi questi parigini a mettere in scena le loro schermaglie, anche dure e ciniche, nel suadente scenario della località di villeggiatura, dove la cornice (paesaggio, cibo, vini, mare, barche...) serve ad addolcire gli effetti del rinfaccio di accuse. Così il copione, causa anche la durata (154'), si adagia nella teatralità e ne assume il meglio e il peggio: i dualismi ora affascinanti ora di maniera tra verità/finzione; recitare/vivere; personaggi(grandi attori)/persone. Il gioco mostra il fiato corto fino al finale un po' dilatato e didascalico. Purtroppo per lui, il regista Canet non ha la secchezza del Kasdan del 'Grande Freddo' ma nemmeno l'asciutto lirismo di Claude Sautet (per rimanere in Francia). Dal punto di vista pastorale il film è da valutare come complesso e problematico, almeno nelle intenzioni.

Utilizzazione: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria, con attenzione, vista la materia della vicenda, per la presenza di piccoli e minori. Stessa cura è naturalmente da tenere in vista di passaggi televisivi o di uso di dvd e di altri strumenti tecnici.

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Il grande freddo di Canet semina menzogne e raccoglie verità. Formidabile la prova d'attori

Meglio tante piccole bugie che una verità detta male. Così è per un gruppo di amici in gita al mare e in testa Parigi, dove uno di loro sta lottando tra la vita e la morte: una ninfomane che ha solo paura di amare, un businessman gretto e irascibile, un padre di famiglia caduto in tentazione, uno scapolo logorroico e vanesio, un avventuriero senza onore.

Personaggi in cerca di un copione da recitare e un modo di schivare l'insostenibile bassezza dell'essere, che nessuno sopravvivrebbe a guardarsi dentro davvero. E allora omissis e parole a vanvera, sguardi fissi e altrove, inutili mosse e sincerità a singhiozzo. Come gocce di autenticità.

In definitiva performance attoriali (che altro?) in un film - il terzo di Guillaume Canet - che sin dal titolo vuol proferire/preferire menzogne. Morale al contrario del teatro, del cinema e di uno straordinario parterre di interpreti - da Marion Cotillard a Jean Dujardin (in versione parlata, a colori, non è meno bravo), da Benoit Magimel a Francois Cluzet - che vive recitando e recita vivendo. Simulo, dunque sono: formula cartesiana della maschera.

E se la cornice narrativa ricorda Il grande freddo di Kasdan, il quadro è un tableaux vivant di rara freschezza rubato al cinémà-veritè degli anni '70, ai Truffaut e ai Cassavetes. Canet ci mette più cuore che arte prendendo tempo anche troppo (oltre due ore e mezza!), ma è il pedaggio pagato a un cinema provvisorio e sincero, rifinito sulla decisione del momento.

Non mancano scene madri, strizzatine d'occhio e ricatti sonori (per le musiche si pesca un po' ovunque, da Iggy Pop a The McCoys), eppure va bene così. Conta stare lì, in mezzo a loro, saggiarne virtù e segreti, miserie (tante) e nobiltà (poche). Conta osservare da vicino il profilo cubista della loro - nostra - vita. Vale la pena scoprire come persino una storia senza morale possa insegnarci qualcosa. E’ un film, questo, per chi alla verità preferisce perdonare l'errore. Come ha ammonito una volta qualcuno. Francese pure lui, indiscutibilmente. (Gianluca Arnone)

La critica

"L'attore francese Guillaume Canet, qui al suo terzo film da regista, ha messo in campo con 'Piccole bugie tra amici' l'evidente ambizione di realizzare qualcosa che avesse un respiro di bilancio generazionale: in relazione alla propria generazione, quella di chi è vicino ai quarant'anni. E dunque, poiché al di là di un pluri-frequentato stereotipo narrativo quello resta il più noto e fortunato punto di riferimento, ha messo in campo l'ambizione e l'intenzione di rifare 'Il grande freddo'. (...) Ma a parte la distanza di tempo e blocco generazionale, di nazionalità e di lingua e di interpreti, la differenza tocca il vivo di due universi di valori e simboli di riferimento. Questo più di tutto, appunto, fa la differenza tra l'originale e la copia. Allora e lì c'erano sullo sfondo il trauma del Vietnam e la droga passata da compagna ideologica delle illusioni giovanili ad arma letale di autolesionistica dipendenza; e naturalmente c'erano anche tutte le possibili variazioni sulle pene d'amore: delusioni, fallimenti e rimpianti, decisamente più che successi e felici approdi. Qui e ora che cosa rimane? L'amico-catalizzatore (di ciò che accade dopo ma, capiamo, lo era anche prima: era lui il nucleo intorno al quale il gruppo ruotava) apre il film uscendo all'alba da una festa i cui eccessi paiono più disperati che allegri (...)." (Paolo D'Agostini, 'La Repubblica', 6 aprile 2012)

"Un gruppo di amiconi riuniti per un periodo di tempo sospeso e concentrato, una disgrazia che pende sulle loro teste come la spada di Damocle. E un susseguirsi di piccoli (auto) inganni e mezze verità nelle quali ognuno suo malgrado si mette a nudo. Porgendo, discretamente, uno specchio agli spettatori. E' la vecchia formula del 'Grande freddo' di Kasdan, e come tutte le vecchie formule funziona ancora benone. Tanto che 'Piccole bugie tra amici' in Francia ha avuto 6 milioni di spettatori, malgrado il coro di stroncature e distinguo intonato da una critica troppo ansiosa di smarcarsi dal gruppo di divi d'oltralpe messi in scena dal divo Canet (qui alla terza regia), per non insospettire. E' vero, non è facile identificarsi con i poco magnifici 7 (più uno) di Canet, perché non rappresentano niente: ma proprio qui sta l'interesse del film. Raccontare una generazione (un mondo?) che non si definisce più in senso sociale o ideale, ma per lo stile di vita, come dire, da consumisti consapevoli." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 6 aprile 2012)

"Le piccole bugie sono quelle che si dicono a se stessi, e di conseguenza agli altri, magari per auto compatimento o sopravvivenza. Menzogne in apparenza inoffensive, che alla lunga incidono sulle scelte esistenziali e mistificano i rapporti affettivi. (...) Spaccato di una generazione di quarantenni immaturi e ispirato al regista da una depressione, il film ha un finale troppo convenzionale e assolutorio, e tuttavia cattura lo spettatore per la verità dei particolari, per la capacità di sintonizzarsi sul flusso naturale delle cose e per l'affettuosa caratterizzazione di personaggi che, grazie all'ottimo concertato degli interpreti, si fanno amare proprio in virtù delle loro umane debolezze." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 6 aprile 2012)

"Che peccato. Una commedia francese, con ottimi attori, che miscela piuttosto bene malinconia e umorismo, ma la tira troppo in lungo (due ore e mezzo!) e si squaglia nel finale melenso. (...) Chiacchiere, flirt e litigi si sopportano, la retorica cosparsa di lacrime no." (Massimo Bertarelli, 'Il Giornale', 6 aprile 2012)

"Figo essere Guillaume Canet: bello, bravo (dietro e davanti la macchina da presa) e con una dea (Marion Cotillard) per compagna. Già caso in patria, il suo terzo film da regista 'Piccole bugie tra amici', segnala l'attuale, siderale distanza tra il cinema francese e il nostro e, nello specifico, tra il suo ensemble generazionale e quelli di Gabriele Muccino: un amico in terapia intensiva a Parigi, gli altri al mare, a raccontarsi balle che sanno di verità, per un nuovo 'Grande freddo' sciolto al sole di Cape Ferret, ma senza liquidare l'eredità di Kasdan e le geometrie relazionali di Truffaut e Cassavetes. Una ninfomane senza amore, un uomo di successo ma piccino, un omosessuale egocentrico, un padre di famiglia tentato, un avventuriero senza onore: è un mucchio poco selvaggio, molto triste, straordinariamente assortito, che chiede alla Cotillard e al Dujardin di 'The Artist', a François Cluzet ('Quasi amici') e Benoît Magimel di giocare tra arte e vita, realtà e finzione. Ce la fanno, eccome, gettando la maschera e specchiando meschinità e sincerità, precarietà ed egotismo. Piccole bugie, dunque, e grandi verità: Canet non fa la morale, ma un vecchio cinema che sa di nuovo." (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 5 aprile 2012)

Cinereferendum 2012 - I film della stagione 2011 / 2012


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail