Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Ren shan ren hai (People Mountain People Sea)

Ren shan ren hai (People Mountain People Sea)

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Lao Tie sente in cuor suo di dover trovare chi gli ha ucciso il fratello minore, nonostante i problemi che lo assillano. Dopo anni di lavoro in città è tornato senza un soldo alla sua sperduta comunità di montagna. Sebbene la polizia abbia accertato che l'assassino è l'ex carcerato Xiao Qiang del villaggio vicino, non è riuscita a evitarne la fuga. Lao Tie decide allora di dargli la caccia, intraprendendo un viaggio che darà sfogo alla sua rabbia e sofferenza interiori, a lungo represse.

Film sorpresa al Festival di Venezia 2011.

Regia: Cai Shangjun

Interpreti: Chen Jianbin, Tao Hong, Wu Xiubo

Sceneggiatura: Gu Xiaobai, Cai Shangjun, Gu Zheng

Fotografia: Dong Jinsong

Montaggio: Yang Hongyu

Musiche: Dong Wei, Zhou Jiaojiao

Scenografia: Jia Lisha

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** L'uomo e la Cina secondo Cai Shangjun: il film a sorpresa del Concorso è il film da Leone d'Oro

Grazie a Mueller. E’ stato sfortunato, ma ci voleva: prima proiezione annullata, seconda interrotta per fumo in sala (cortocircuito di una lampada a infrarossi), ma il film a sorpresa è una sorpresa che vale il Leone.

People Mountain People Sea, opera seconda del cinese Cai Shangjun, è so far il meglio film di Venezia 68, perché riesce a stigmatizzare un Paese esaltando il cinema, elevare l’uomo mostrando le bassezze dell’umanità, piegare lo stile alla messa a fuoco della poetica, piegare la poetica alla salvaguardia della forma.

La struttura è circolare, iterata e insieme ieratica, parte dalla montagna e scende nelle miniere, tallonando on the road il protagonista Tie (Chen Jianbin) sulle tracce dell’assassino del fratello. C’è da subito un problema: queste peripezie in lungo e in largo nell’inferno chiamato Cina sembrano eterodirette dalla volontà di mettere alla gogna le disforie sociali, ambientali e industriali del gigante asiatico. Che, in effetti, ha i piedi d’argilla, purulenti e infetti: non si salva nulla, il tessuto sociale è slabbrato, violentato dalla corruzione (anche la polizia intasca), prostrato dalla violenza familiare, affossato da un lavoro che farebbe ancora oggi di cronaca Dickens.

Inizialmente, anzi, fino quasi ai tre quarti del film, ovvero fino alla miniera del nord illegale – non meglio precisata – a cui Tie arriva, People Mountain People Sea è solo un ottimo, ben girato – inquadrature di puro spaesamento antropico e grande fascino visuale – e ben scritto film a tesi sulla disumanizzazione e sul nonsense della Cina hic et nunc.

La storia di Tie, il suo errare a tratti rabbioso, eppure - quasi sempre, almeno all’apparenza - indifferente all’oggetto sembra solo il vettore di un’analisi geometrica, cartesiana e (fin troppo) lucida. Invece no, il vettore va a fondo nella miniera, e ne riaffiora la sua centralità, la sua ineludibile forza di personaggio e, indi, di uomo: il simbolico tiene, il paradigmatico non molla, ma Tie manda a quel paese la tesi, anzi, l’incorpora, la metabolizza, le dà nome e cognome con una potenza espressiva inaudita.

La potenza del film: la miniera è l’inferno, lui il carnefice e la vittima, ma c’è la salvezza. Una deflagrazione azzera i dubbi critici, e innalza il Cinema: piove nero, ma c’è qualcuno che prende quella pioggia di morte senza bagnarsi. Un giovane, con un braccio spezzato: qualcuno l’ha spezzato, qualcuno l’ha salvato. E mentre tutto crolla, Cai Shangjun spalanca le fauci del Leone. (Federico Pontiggia)

I film della stagione 2011 / 2012


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail