Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Niente da dichiarare?

Niente da dichiarare?

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

1 gennaio 1993: in Europa cadono le frontiere tra i vari paesi. Due doganieri, uno belga, l'altro francese, vedono scomparire all'improvviso il loro piccolo posto di frontiera al confine tra due piccole cittadine, Courquain in Francia e Koorkin in Belgio. Da sempre francofobo, il doganiere belga Ruben Vandervoorde è costretto ad inaugurare la prima brigada mista franco-belga con il suo nemico di sempre il suo collega francese Mathias Ducatel.

Regia: Dany Boon

Interpreti: Dany Boon, Benoît Poelvoorde, Chritel Pedrinelli, Joachim Ledeganck, Julie Bernard, Jean-Paul Dermont, François Damiens, Bouli Lanners, Eric Godon, Olivier Gourmet, Jean-Luc Couchard, Karin Viard

Sceneggiatura: Dany Boon

Fotografia: Pierre Aïm

Montaggio: Luc Barnier

Musiche: Philippe Rombi

Durata: un'ora e 48 minuti

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Dopo Giù al Nord, Dany Boon sforna una madeleine insipida e bruciacchiata: Benvenuti nella noia...

Non tutte le madeleine vengono col lievito. Proust ci perdoni, ma Dany Boon deve farsi perdonare più di qualcosa. Lo stratosferico campione d’incassi d’Oltralpe con Giù al Nord e padrino del nostro Benvenuti al Sud, confeziona un “sequel” insipido e bruciacchiato, che dell’originaria ricetta non conserva che sparute tracce di vis comica. Titolo interrogativo, Niente da dichiarare?, ma sullo schermo la risposta è affermativa. Non c’è nulla da dire, fatta eccezione per una previsione: scommettiamo che la traduzione dal francese all’italiano questa volta non si farà?

Per la cronaca, Boon - regista, sceneggiatore e co-protagonista - ci riporta al 1° gennaio 1993: forse non lo ricordiamo, ma fu quel primo dell’anno ad aprire le frontiere in Europa. Tra i tanti, ne prendono atto due agenti della dogana, il francese Mathias (Dany Boon) e il belga Ruben (Benoit Poelvoorde), rispettivamente piazzati a Corquain e Koorkin. Mathias frequenta la sorella di Ruben: segretamente, perché il collega, convinto francofobo, lo odia. Eppure, il destino li metterà fianco a fianco su una Renault 4L a pattugliare le strade di campagna alla frontiera...

Nel cast anche Karin Viard, Bouli Lanners e Olivier Gourmet, questa coproduzione franco-belga non conferma il vecchio adagio repetita iuvant: nonostante le intenzioni da copia conforme, la stampa drammaturgica è sbiadita, la definizione comica bassa, i caratteri – pure lo stesso Boon – tremolanti. Dulcis in fundo, il doppiaggio stigmatizza le debolezze, portando nei territori dell’inascoltabile una storia carente di ritmo, verve e mero interesse. Niente da dichiarare? Niente, davvero. (Federico Pontiggia)

Dany Boon

Supercondriaco - Ridere fa bene alla salute Giù al Nord Niente da dichiarare? - Manifesto Il mio migliore amico

I film della stagione 2011 / 2012


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail