Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Mission: Impossible - Protocollo fantasma

Mission: Impossible - Protocollo fantasma

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Dopo che un attentato terroristico ha distrutto il Cremlino, il governo degli Stati Uniti attiva il "Protocollo fantasma" e l'intera Impossible Mission Force viene accusata dell'attacco. Ethan Hunt e la sua squadra fuggono, in modo da poter operare al di fuori la loro agenzia, per provare la loro innocenza e allo stesso tempo sventare un attacco nucleare.

Mission: Impossible - Protocollo fantasma Mission: Impossible - Protocollo fantasma

Regia: Brad Bird

Interpreti: Tom Cruise, Jeremy Renner, Léa Seydoux, Josh Holloway, Michael Nyqvist, Simon Pegg, Ving Rhames, Paula Patton, Anil Kapoor, Vladimir Mashkov

Sceneggiatura: Josh Appelbaum, André Nemec

Fotografia: Robert Elswit

Montaggio: Paul Hirsch

Musiche: Michael Giacchino

Mission: Impossible - Protocollo fantasma

Valutazione Pastorale (dal sito della CNVF della Conferenza Episcopale Italiana)

Giudizio: Consigliabile, semplice *

Tematiche: Spy-story

La prima volta di Ethan Hunt è stata nel 1996; la seconda nel 2000; la terza nel 2006. Siamo dunque al quarto incontro con la Impossible Mission Force e, consapevoli del rischio cui talvolta vanno incontro le 'serie', i produttori chiariscono di aver voluto fare una pellicola da seguire anche senza aver visto le precedenti. In effetti i rimandi interni sono inesistenti, e non ci sarebbe nemmeno il tempo per cercarli, tanto l'azione è fitta e incalzante. Le atmosfere della spy-story prendono subito il sopravvento e indirizzano il copione verso un crescendo di cambi di scena, doppiogiochi, rivelazioni. Il gioco di specchi tra verità e finzione si spezza in progressivi frammenti, lasciando l'idea di sorprese fino alla fine possibili. Naturalmente il ritmo avvolge il tutto in una giostra fin troppo accelerata che attraversa mezzo mondo, tra località belle a molto 'cinematografiche' (Budapest, Dubai, India...). Nell'intreccio frenetico, si coglie l'intenzione di tenere un certo equilibrio rispetto alla politica estera dell'amministrazione Obama. Spettacolo notevole e film che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come consigliabile e nell'insieme semplice (anche se la trama non è sempre chiarissima).

Utilizzazione: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria, e in seguito come prodotto di pregevole fattura commerciale.

 cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Protocollo fantasma per il redivivo Tom Cruise. Che, tra acciacchi e capricci della tecnologia, rilancia una saga ancora possibile

Mission accomplished! La quarta avventura di Ethan Hunt - Protocollo fantasma - è tra le più riuscite della saga, Tom Cruise una garanzia. E mentre quelli della sua generazione – lo star system degli anni ’80 - si sono ridotti ai dieci piccoli indiani (“Non ne rimase più nessuno”), lui ancora si batte e si dà, le prende e le dà.

La quarta "missione impossibile" di Tom si erge a metafora di una carriera sopravvissuta a se stessa, al pensionamento degli eroi e all’usura dei sex-symbol. Sapeva che riproporre al pubblico smaliziato di oggi l’eroe solo e senza macchia di ieri, sarebbe stato un azzardo. Così, affiancato in produzione dall’infallibile J.J. Abrams, tira dentro nel progetto Brad Bird, regista che sta al cinema d’azione come Walt Disney al porno, regalando alla saga nuova linfa. Bird, noto per aver firmato due dei più divertenti gioiellini della Pixar – Gli incredibili e Ratatouille – porta in dote leggerezza e ironia, ma se la cava alla grande anche quando deve spingere il pedale sull’action regalandoci alcune sequenze memorabili, come l’esplosione al Cremlino e l’inseguimento a Dubai in mezzo a una tempesta di sabbia. Inoltre, cavalcando la nostalgia da guerra fredda di Hollywood, il trio inscena una boutade da Dottor Stranamore, in cui americani e russi litigano mentre un pazzo (Michael Nyqvist, traghettato da Uomini che odiano le donne a “uomini che odiano e basta”) tenta di innescare un conflitto nucleare.

Sono altre però le buone nuove. Innanzitutto la demolizione gentile del mito: l’uomo che scalava montagna e grattacieli a mani nude, si riscopre acciaccato, segnato dagli anni e dalle botte che prende. Zoppica, mugola, finisce in ospedale e quasi fa male guardarlo mentre "offende" il suo vecchio corpo d'acciaio. Per non dire delle esitazioni a lanciarsi da un cornicione o le rimostranze ad arrampicarsi con ventose speciali sul Burj Khalifa, l’edificio più alto del mondo: insomma va bene mettere al sicuro il mondo, ma è meglio salvare prima la pellaccia.

D’altra parte questo senso di fragilità dipende dal malfunzionamento della tecnologia, che pure era stata il fiore all’occhiello di tutte le missioni di Ethan: messaggi segreti che non si autodistruggono, ventose che si scaricano lasciandoti penzolare nel vuoto, cellulari che non prendono, robot che vanno a sbattere ovunque. La tecnologia è tanto esibita come meraviglia – molte le invenzioni che lasciano a bocca a parte in questo episodio – quanto spernacchiata. Meglio affidarsi alla squadra, al guru dell’accessorio Benji Dunn (Simon Pegg), alla bella agente Jane Carter (Paula Patton, ottimo innesto) e al misterioso consulente William Brandt (Jeremy Renner). Tutti imperfetti, valorosi e al servizio del veterano Ethan, la cui trasformazione si compie proprio nell’assunzione di questo inedito ruolo da team leader, più consono all’era del dialogo democratico, e premessa a una futura successione (Renner?).

Unico neo? La durata. Mezz'ora di meno e sarebbe stata una Mission perfetta. (Gianluca Arnone)

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

Tom Cruise

Mission impossible 3 Mission: Impossible - Protocollo fantasma Innocenti bugie L'ultimo samurai Operazione Valchiria Leoni per agnelli Collateral Vanilla sky Jack Reacher - La prova decisiva - Poster Oblivion - Tom Cruise - Poster Edge of Tomorrow - Poster Mission: Impossible - Rogue Nation - Poster

I film della stagione 2011 / 2012


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail