Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Il cuore grande delle ragazze

Il cuore grande delle ragazze

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Italia, prima metà degli anni 30. Carlino Vigetti, figlio di contadini molto ambito dalle ragazze, ottiene il permesso di corteggiare Maria e Amabile Osti, figlie dei proprietari terrieri Sisto e Rosalia e in età da marito, ma dall'aspetto tutt'altro che piacevole. Il ritorno a casa della terza figlia Osti, la bella e giovane Francesca, sconvolgerà i piani di tutti: infatti, tra lei e Carlino sarà colpo di fulmine...

Regia: Pupi Avati

Interpreti: Micaela Ramazzotti, Cesare Cremonini, Andrea Roncato, Gianni Cavina, Erica Blanc, Manuela Morabito, Marcello Caroli, Gisella Sofio, Sara Pastore, Massimo Bonetti, Sydne Rome, Alessandro Haber, Rita Carlini

Sceneggiatura: Pupi Avati

Fotografia: Pasquale Rachini

Montaggio: Amedeo Salfa

Musiche: Lucio Dalla

Durata: 1 ora e 25 minuti

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

Valutazione Pastorale (dal sito della CNVF della Conferenza Episcopale Italiana)

Giudizio: consigliabile, poetico *

Tematiche: Famiglia; Matrimonio - coppia; Storia

"Lo spunto -dice Avati- è arrivato da una perlustrazione che compio da tempo nei riguardi del mondo contadino di mia madre che fondava le sue radici nella cultura rurale in cui mi sono formato a Sasso Marconi, vicino a Bologna (...) Io col tempo ho fatto di tutto per NON LIBERARMI di quei ricordi, e se sono diventato regista lo devo a quell'universo in cui ho imparato a fantasticare(...)". Il cinema è fatto di emozioni, sensazioni, tremori, e quell'eredità dell'ispirazione è facilmente verificabile nella sua lunga filmografia. Più che scrivere storie nuove, Avati preferisce ogni volta aggiornare le precedenti, scoprendo personaggi, atmosfere, sfumature differenti: componendo, negli anni, una sorta di diario quotidiano, scritto con tremore e pudore. La cronaca di un 'piccolo mondo antico', un 'come eravamo' per aiutarci a capire meglio il nostro presente. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile e nell'insieme poetico.

Utilizzazione: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria, e in successive occasioni come proposta di film italiano sentito, sofferto, denso di emotività.

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Senza infamia né troppe lodi, il nonno di Pupi Avati approda in Concorso: bravi Cremonini e la Ramazzotti

Chissà che avrebbe detto la Nouvelle Vague di questo “cinema del nonno”? Quello di Pupi Avati, che in Concorso a Roma ricrea la Bologna che non è più a Fermo, riapre – non l’ha mai chiuso, a dire il vero – l’album dei ricordi e rispolvera il suo mix trademark di autobiografia e fantasia, memoria e immaginazione. In breve, Il cuore grande delle ragazze, ovvero la liaision varia ed eventuale del nonno di Pupi, Carlino, e della bella Francesca in anni ’30 di campagnolo retaggio.

Lui è il quasi deb (Un amore perfetto, 10 anni fa) Cesare Cremonini, latin lover ma senza darsi arie, anzi,tutto ingenuità genuina, robusti appetiti sessuali e il miraggio di una Moto Guzzi “matrimoniale”per salvare la mezzadria di papà (Andrea Roncato): tra le due promesse brutte spose, sceglierà la terza bella, ovvero Micaela Ramazzotti, romana, pardon, romanaccia, tosta, ma inguaribilmente romantica. L’amore scoppia subito, ma per perfezionare il matrimonio occorrerà tempo, lacrime, tradimenti e... il solito Avati, che gira senza colpo ferire, si concede battute e situazioni ilari e, soprattutto, dirige da dio gli attori. Promosso a pieni voti Cremonini, Ramazzotti sugli scudi e sulle tracce (ancora lontanissime, per carità) della Vitti, mentre il film? Senza infamia né (troppe) lodi, un prodotto medio, onesto e, perché no, piacevole. Giudizio di (buon) cuore... (Federico Pontiggia)

La critica

"Un super Avati torna, dopo due film seriosi, al piacere della commedia col suo copyright che acquista col tempo più cinismo pur trafficando con sentimenti anni 30 resi in parte attuali. La storia dei nonni, nella campagna marchigiana, del seduttore, della bellona e di una strana notte di nozze, si presta al gusto del racconto balzachiano e spesso grottesco, in cui il naturalismo si appoggia alla precisione della memoria e al contributo corale di un cast di eccellenze come la Ramazzotti e il formidabile Roncato." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 11 novembre 2011)

"Pupi Avati è uno degli ultimi cantastorie rimasti in Italia. Non importa, poi, se i suoi racconti siano reali o meno. Riescono, comunque, a tener viva la memoria di quei sapori nostalgici che sembrano fiorire da un passato che appare, purtroppo, sempre più lontano. Come un vecchio nonno, Avati fa sedere sulle sue gambe gli spettatori e, con rifiuto del presente, narra loro le atmosfere irripetibili di un piccolo mondo antico, a volte fiabesco, a volte crudele, maledettamente affascinante. Vicende semplici, come quella di suo nonno, dongiovanni del rione, sempre a caccia 'di una tacca sulla pistola', leggesi donzelle, cui la moglie finiva per perdonare i tradimenti pur di salvare il matrimonio «perché le donne avevano un cuore enorme, una grande capacità di sopportazione». Ed ecco che questa schermaglia sentimentale diventa un film che ti spiazza perché tra 3D spilla euro e 'Natali a vattelapesca' scopri che c'è bisogno di ossigenarsi anche con la visione di un cespuglio di biancospino dove il tombeur de femmes in salsa bolognese portava le sue prede. Un Avati crepuscolare che azzecca tutti gli ingredienti. A partire dalla scelta del protagonista, il positivamente sorprendente Cesare Cremonini, viso solare da bravo ragazzo con giusta cadenza bolognese, che appare disinvolto e naturale anche senza microfono in mano. Così come è perfetta Micaela Ramazzotti (nuova Monica Vitti?) nei panni della nonna (con accento romano per non snaturarne la recitazione), innamorata e tradita anche durante il viaggio di nozze. E che dire di Andrea Roncato, altra scommessa vinta da Avati, per la delicatezza con la quale presta il volto al suo bisnonno, maschera di dignità votata alla morte? Insomma, poche cose ma al posto giusto, senza strafare, quasi ingerendo una pillola di saggezza che, troppo spesso, i nostri cineasti, dimenticano di assumere." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 11 novembre 2011)

"Piacerà a chi ha un debole per il cinema nostalgico di Pupi Avati. Che per la prima volta mette al centro di uno dei suoi 'Amarcord' un personaggio femminile, le povere e indomite madri di famiglia di 90 anni fa che reggevano le famiglie nonostante le marcate condizioni di inferiorità (parità dei sessi? Diritto all'orgasmo? Non scherziamo)." (Giorgio Carbone, 'Libero', 11 novembre 2011)

"Avati torna alle origini per raccontare l'amore tra la bella e l'ingenuo. La formula per chi non milita incondizionatamente tra i fan di Avati è dire: Avati è Avati, prendere o lasciare. Per un non avatiano di ferro costa un piccolo sforzo dichiararsi convinto di 'II cuore grande delle ragazze'. Dopo alcune esperienze che si discostavano dall'habitat naturale e dal tono abituale del suo cinema, Pupi torna alla svagata saggezza della piccola gente di provincia (sia pur non emiliana) per imbastire la piccola storia d'amore contrastata tra Carlino e Francesca, figlio del mezzadro e figlia del padrone arricchito. (...) C'è un che di accorato e struggente, tra le pieghe di questo consueto orizzonte di mediocrità umana, che un po' commuove. Sempre audace nello sperimentare cast inattesi (la popstar Cremonini nel ruolo di Carlino), Avati però non ha fatto centro con Micaela Ramazzotti che non persuade nell'esportare il modello felicemente affermato nei film di Virzì." (Paolo D'Agostino, 'La Repubblica', 11 novembre 2011)

"Nel cinema di Pupi Avati, la memoria - in quanto depositaria non solo di esperienze individuali, ma familiari - ha ruolo fondamentale. Cosicché molti dei suoi film sono ascrivibili a un ideale filone Amarcord che, in luogo di basarsi sul modello felliniano, possiede una sua originale risonanza poetica. Rientra nella categoria 'Il cuore grande delle ragazze' che rievoca in maniera trasfigurata la storia del matrimonio fra i nonni del cineasta bolognese: l'inguaribile donnaiolo Carlo, modesto fittavolo, e la figlia del padrone delle terre, la bella Francesca educata dalle suore ma piena di sogni d'amore. Intorno ai due, sullo sfondo dell'Italia ancora contadina degli anni '30, si muove un teatrino di figurette più frammentario di altre volte, e tuttavia di accattivante e coerente ispirazione crepuscolare. Per un personaggio fanciullescamente in bilico fra eterno seduttore ed eterno sedotto, Cesare Cremonini è scelta felice; e Micaela Ramazzotti, con il suo misto di forca e fragilità, fa di Francesca uno dei più vibranti ritratti femminili della galleria avatiana." (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 11 novembre 2011)

Tutti i film di Pupi Avati

Il cuore grande delle ragazze - Locandina Il papà di Giovanna Una sconfinata giovinezza Il figlio più piccolo Ma quando arrivano le ragazze? Un ragazzo d'oro - Pupi Avati

I film della stagione 2011 / 2012


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail