Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

L'amore all'improvviso - Larry Crowne

L'amore all'improvviso - Larry Crowne

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Prima di essere licenziato, l'affabile e cordiale Larry Crowne era un apprezzato responsabile per un'importante catena di negozi in franchising dove lavora dai tempi del suo congedo dalla marina. Sommerso dal mutuo e senza la più pallida idea su come impiegare l'improvviso tempo libero, Larry segue il consiglio dei suoi amici, e torna a scuola per un nuovo inizio. All'East Valley Community College si unisce a un variegato gruppo di studenti patiti per lo scooter, tutti alla ricerca di un futuro migliore. Con sua grande sorpresa, Larry si prende una sbandata per l'insegnate del corso su come parlare in pubblico, che ha perso tanto la passione per l'insegnamento quanto quella per il marito scroccone.

Regia: Tom Hanks

Interpreti: Tom Hanks, Julia Roberts, Rami Malek, Jon Seda, Taraji P. Henson, Bryan Cranston, George Takei, Wilmer Valderrama, Peter Scolari, Nia Vardalos, Cedric The Entertainer, Tom Budge, Malcolm Barrett, Holmes Osborne, Randall Park

Sceneggiatura: Tom Hanks, Nia Vardalos

Fotografia: Philippe Rousselot

Montaggio: Alan Cody

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Forrest Gump torna al college, ma non impara: è canaglia la nostalgia di Tom Hanks

Forrest Gump non è cresciuto. Al netto dei neuroni, qui sulla carta aumentati, Tom Hanks bamboccione è e bamboccione rimane: problema, ritardato è ancor più il film, che sin dall’intestazione ha le idee poco chiare. Si chiama Larry Crowne, il title-character dello zio Tom, ma viene ribattezzato Lance Corona, perché fa più cool: licenziato dal supermercato per un cursus honorum insufficiente, torna al college, va in giro con lo scooter, si veste da giovane e si invaghisce dell’insegnante Julia Roberts.

Ma non c’è riscossa al tramonto dell’American Dream, solo del sonnifero per dormirci su, che Hanks regista e sceneggiatore (con Nia Vardalos) dispensa a piene mani. Tra paturnie di mezza età e pulsioni depressive, tutto il resto è fall and rise con la sordina e incredula rivincita dei nerd. E pare strano che il nostalgico Hanks finisca per giocare un brutto tiro ai sempre cari anni ‘80, facendo dei Goonies in bicicletta dei gonzi in motoretta, con il suo Larry in testa. Negli Usa non è andato bene (35 milioni di dollari d’incasso, 30 di budget), forse perché Hanks non ricorda quel che diceva la mammina del suo Forrest Gump: “Devi gettare il passato dietro di te, prima di andare avanti”. (Federico Pontiggia)

La critica

"Tutto meno che all'improvviso. II flirt tra Tom Hanks, un operaio studente licenziato e la prof di dialettica Julia Roberts (ma meglio andare a lezioni private da Lavitola) è previsto dai titoli di testa di questa romantic comedy in tempi di crisi. Nell'opera seconda dello stesso Hanks tutti sono buoni, impotenti e ingenui, ma la sceneggiatura di Nia Vardalos va in panne e la storiella zoppica senza una sorpresa. Studenti in moto, altro che selvaggi, e un mercatino dell'usato vintage, per dare un'idea del film." (Maurizio Porro, "Il Corriere della Sera", 28 ottobre 2011)

"Crisi economica e disoccupazione entrano sempre più spesso nel cinema di un'America, ormai, costretta al risveglio dal vecchio e menzognero 'sogno'. All'inizio del suo secondo film da regista (dopo il non memorabile 'Music Graffiti'), anche Tom Hanks è licenziato in tronco dall'azienda cui, pure, offriva tutta la sua dedizione. (...)Come regista Hanks adotta uno stile rétro, benintenzionato ma povero di sorprese. Nel protagonista 'Larry Crowne', che interpreta, rifà un po' (troppo) l'indimenticabile 'Forrest Gump', in una versione 'adulta' e sottotono. Quanto a Julia Roberts, sovrarecita, esagera; tanto più quanto meno sembra convinta del ruolo che sta interpretando." (Roberto Nepoti, 'La Repubblica', 28 ottobre 2011)

"Chi meglio di Tom Hanks incarna gli ideali americani? Basta dare una ripassata alla sua filmografia per verificare come, da vent'anni a questa parte, molti dei sogni made in Usa siano stati coltivati dai suoi personaggi. E' così anche con questo 'Larry Crowne', ambientato in tempo di crisi, quando le sicurezze dei posti di lavoro vengono maciullate dal peso di uno 'stare a galla' che non fa sconti. (...) Una favoletta bella e buona, insomma, raccontata, da Hanks, alla Frank Capra ma senza averne le sue capacità narrative. Qui, poi, si esagera nel pensare positivo. Va bene infondere fiducia nell'American Dream ma non è questo il periodo per dire, con questi toni zuccherosi, che andrà tutto bene, Madama la Marchesa. La sceneggiatura, poi, firmata con Nia Vardalos ('Il mio grosso grasso matrimonio greco') non sostiene lo sforzo propositivo. Anzi, personaggi spesso al limite della caricatura e del grottesco finiscono per mettere in burletta le oneste intenzioni del Tom Hanks regista. Quanto all'attore, è sempre un bel vedere. Come le gambe, ripetutamente inquadrate, di Julia Roberts." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 28 ottobre 2011)

"Il solito bamboccione: Tom Hanks non cresce mai. Problema, ritardato è ancor più il suo nuovo film: 'Larry Crowne', per noi 'L'amore all'improvviso'. Larry è proprio lui, ma viene ribattezzato Lance Corona, che fa più figo. (...) Non è l'ottimistica riscossa alla fine dell'American Dream, bensì un sonnifero senza la prescrizione della realtà: tra paturnie di mezza età e inguaribile buonismo, lo schema è quello frusto del fall and rise, la rivincita quella non credibile dei nerd, mentre la nostalgia '80s baratta i 'Goonies' in bicicletta con dei gonzi in motoretta. Negli Usa non è andato bene (35 milioni d'incasso, 30 di budget), forse perché l'Hanks regista, protagonista e sceneggiatore non ricorda più quel che diceva la mammina del suo 'Forrest Gump': «Devi gettare il passato dietro di te, prima di andare avanti». (Federico Pontiggia, 'Il Fatto Quotidiano', 27 ottobre 2011)

Ton Hanks

Prova a prendermi The terminal Era mio padre Cast away Angeli e demoni Inferno Ladykillers - Locandina La guerra di Charlie Wilson Cloud Atlas - Manifesto L'amore all'improvviso - Larry Crowne Polar Express - Locandina Captain Phillips Saving Mr. Banks - Poster Il ponte delle spie

I film della stagione 2011 / 2012


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail