Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

ACAB - All Cops Are Bastard

ACAB

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Il film racconta le vicende dei tre poliziotti Cobra, Negro e Mazinga, che hanno più di 40 anni e militano nel VII Nucleo di Polizia, un reparto speciale mobile in prima linea contro ultrà, black bloc, No Tav etc. Tratto da un libro di Carlo Bonini il film il cui titolo è l'acronimo di All cops are Bastards (tutti i poliziotti sono bastardi) racconta la storia di questo gruppo di poliziotti del reparto celere con toni duri e violenti, raccontando da un punto di vista diverso manifestazione ed eventi pubblici dentro il casco di un poliziotto.

Tratto dall'opera letteraria "A.C.A.B." di Carlo Bonini, edita da Giulio Einaudi Editore.

Regia: Stefano Sollima

Interpreti: Pierfrancesco Favino, Marco Giallini, Filippo Nigro, Domenico Diele, Andrea Sartoretti

Sceneggiatura: Daniele Cesarano, Barbara Petronio, Leonardo Valenti

Fotografia: Paolo Carnera

Montaggio: Patrizio Marone

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** In parte coraggioso, troppo spesso sopra le righe. Dal romanzo di Carlo Bonini, i celerini secondo Sollima

All Cops Are Bastards. 40 anni dopo, l’acronimo motto del movimento skinhead inglese è diventato richiamo universale per la guerriglia nelle città e negli stadi. Parte da qui, e dal romanzo di Carlo Bonini (Einaudi), il film di Stefano Sollima, per seguire da vicino l’esistenza di tre celerini di vecchia data (Favino, Nigro e Giallini) e di una nuova recluta (Domenico Diele). E prova ad interrogarsi su un mestiere che, per più di qualcuno, diventa ragione di vita: cameratismo e fratellanza le parole d’ordine, il rispetto delle regole “ad ogni costo” (anche contro la legge) la missione primaria. A discapito della vita privata, degli affetti, delle famiglie.

E’ un film, ACAB, che da fatti reali di cronaca (su tutti, la guerra scoppiata a Roma la sera che venne ucciso Gabriele Sandri, con tanto di finale a Piazzale Maresciallo Diaz, richiamo all’omonima scuola di Genova dove nel 2001 ci fu il massacro) cerca di tracciare una linea di congiunzione tra le molteplici ragioni d’odio che regolano i nostri tempi. E lo fa anche con discreto coraggio, ma perde più volte di vista la tenuta del racconto e dei personaggi, troppo spesso sopra le righe, talmente nella parte da diventare più bastardi del necessario.(Valerio Sammarco)

Marco Giallini

Se Dio vuole - poster Confusi e felici - Poster Tutta colpa di Freud - Poster Buongiorno papà - Poster Posti in piedi in Paradiso - Poster Giovedì 7 Marzo: Una famiglia perfetta - di Paolo Genovese ACAB - Locandina Tutti al mare di Matteo Cirami Io, loro e Lara Il nome del figlio - Poster

I film della stagione 2011 / 2012


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail