Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Voglio essere profumo

Mercoledì 29 settembre - Ore 21:00 - Ingresso gratuito

Una proposta della Parrocchia di Casatenovo per l'ordinazione diaconale di
Alessandro Vismara
.

Andrea è un giovane seminarista profondamente legato alla natura. Susanna è un'adolescente ricca e insicura, apparentemente incapace di comprendere il suo posto nel mondo. Lorenzo è un affermato professionista che si trova a vivere una difficile situazione personale. Barbara vive in un monastero e ha scelto di prendere i voti. Davide sta invece per sposare la sua Viola.

I destini di queste cinque persone, sconosciute tra loro, con aspirazioni ed esistenze diverse, si incroceranno quando entreranno in contatto con Francesco, un giovane alle soglie del sacerdozio. Francesco, con il suo esempio e con la forza della sua fede riuscirà a incidere nelle coscienze degli altri cinque affievolendo i loro dubbi e dando loro una nuova consapevolezza.

In sala sarà presente il regista Filippo Grilli.

Voglio essere profumo

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema - ACEC)

Giudizio: consigliabile, poetico, dibattiti

Tematiche: Amicizia; Morte; Tematiche religiose.

Si propone come una storia di finzione, ma al contrario il film si ispira alla storia vera di Alessandro Galimberti, giovane seminarista di Lissone, scomparso per una grave malattia a 24 anni nel 2004. Il titolo, va precisato, si riferisce ad una sua poesia in cui chiede al Signore di essere il vasetto di olio di nardo, sparso sui piedi di Gesù, consumato per amore. "Un lavoro puramente amatoriale - dicono regista e produttore - con la pretesa di coniugare cinema e poesia, proporre cultura". Con il patrocinio delle diocesi di Milano e Como, e il sostegno dei comuni di Lissone e Biassono, il risultato è quello di un prodotto autentico e intenso, capace di commuovere e coinvolgere sul piano della semplicità e della serenità. Mettere in evidenza una eccessiva lunghezza narrativa e la mancanza di qualche taglio di montaggio è veramente superfluo di fronte allo sforzo compiuto di dare testimonianza, attraverso la figura di Alessandro, di una spiritualità bella e convinta, che non perde la concretezza con la quotidianità e si fa lievito di un rapporto speciale con la cultura e la ricchezza del territorio, della società, di un modo di vivere. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come consigliabile, poetico e adatto per dibattiti.

Utilizzazione: il film si indirizza ad una utilizzazione in profondità e in molte occasioni, per parlare e riflettere su argomenti forti e importanti: la vocazione, la religione, i giovani, i valori comuni, il lavoro, la natura, il territorio

Voglio essere profumo

Alcuni film vengono strutturati fin dal loro concepimento per soddisfare le aspettative di un settore di pubblico ben individuato; altri, definiti autoriali, hanno a priori un loro pubblico affezionato che apprezza lo stile personale del regista/sceneggiatore; "Voglio essere profumo" è nato perché Filippo Grilli e tutto il suo staff avevano qualcosa da dire, avevano qualcosa da comunicarci. Il baricentro della storia è sicuramente il seminarista Francesco, ma come tutti i veri sacerdoti o aspiranti ad esserlo non vive di se ma vive per gli altri: evita in particolare di parlare della sua malattia (che cerca sempre di minimizzare) ma è pronto ad ascoltare chi accetta di confidarsi con lui. Il film quindi non è solo la storia di un spirante sacerdote: ampio spazio viene lasciato alle vicende dei giovani che in modo più o meno occasionale lo hanno incontrato. Da questo punto di vista il film rompe alcuni rigidi schemi ai quali le produzioni cinematografiche o televisive ci hanno abituato: se si vuol parlare di fede sono ben accette le storie di santi, di papi, di importanti uomini religiosi; se si descrive una storia di amore fra giovani, sulla famiglia o qualche altro tema "laico", è severamente vietato abbinarvi il tema della fede.

Se guardiamo alla produzione recente, per trovare esclusivamente dei laici che parlano di fede dobbiamo far riferimento ad un unico film: 'Fireproof ' scritto da uno sceneggiatore di fede evangelica. 'Voglio essere profumo' si pone in mezzo: parla dell'interazione fra un seminarista e alcuni laici che rinforzano la loro fede grazie al suo esempio di amore per Gesù Cristo. Ci mostra inoltre una realtà per fortuna ancora diffusa nel nostro paese ma che è praticamente assente nella nostra produzione cinematografica: la vita di una comunità parrocchiale con giovani impegnati nell'animazione o nella catechesi. Il regista/sceneggiatore ha scelto correttamente un piglio realistico, mostrando la vita dei protagonisti all'interno della loro comunità, evitando di prolungarsi in passaggi riflessivi o frasi troppo dichiarative di fede. Le due ore di proiezione passano senza un'ombra di stanchezza: solo in poche occasioni si indulge al simbolismo (...). Il film non avrebbe comunque avuto successo, al di là della buona volontà e bravura di tutti, se la figura di Francesco non fosse emersa in tutta la sua potenza, come infatti è avvenuto. Grazie all'ottima interpretazione di Fabio Sironi e alla sceneggiatura, emerge un personaggio dove pensiero, parola ed azione sono coerenti. Alla fine del film si vorrebbe stare ancora con lui, sentirlo ancora parlare. Francesco mostra la gioia come espressione visibile dell'amicizia con Gesù e questa felicità la trasmette realmente agli altri. Utilizza un linguaggio semplice, non "pretesco" per intrattenersi con i suoi amici laici ma il suo non è uno "sconto" sulla verità per risultare più simpatico e meglio accettato: resta esigente con la sua fede e con quella degli altri ed anche dal suo letto di malato, negli ultimi giorni della sua vita saprà essere profumo, saprà emanare il "bonus odor Christi", come aveva sempre desiderato." (Franco Olearo, 'familycinematv')

I proventi ricavati dalle proiezioni cinematografiche e dalla vendita del DVD saranno devoluti alle missioni africane di Ferkessedougou in Costa d'Avorio e Lusaka in Zambia

Voglio essere profumo

Regia: Filippo Grilli

Sceneggiatura: Filippo Grilli

Soggetto: Davide Galimberti, Manuela Pallini, Giancarlo Grilli, Dario Perego, Filippo Grilli

Fotografia: Tommaso Vergani

Montaggio: Filippo Grilli

Musiche: Filippo Bentivoglio

Fabio Sironi, Marta Filippi , Lorenzo Pozzi, Simone Farina, Giulia Trabucco, Alberto Crippa, Veronica Marcelli, Francesca Salvatore

GPG Film - SERVIZI E SOLUZIONI PER LO SPETTACOLO

Gli altri film in programma

Somewhere-Toy Story 3 - La grande fuga-La solitudine dei numeri primi-Niente paura-14 ottobre| L'ultima estate - Ricordi di un'amicizia-Maschi contro femmine-Uomini di Dio

I film della stagione 2010 / 2011


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail