Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

The Social Network

Social Network

Sabato 27 novembre - Ore 21:00

Domenica 28 novembre - Ore 16:00 e 21:00

In una sera d'autunno del 2003, lo studente di Harvard Mark Zuckerberg, un genio dell'informatica, siede al suo computer e inizia con passione a lavorare ad una nuova idea. Passando con furore tra blog e linguaggi di programmazione, quello che prende vita nella sua stanza diventerà ben presto una rete sociale globale che rivoluzionerà la comunicazione. In soli sei anni e con 500 milioni di amici, Mark Zuckerberg è il più giovane miliardario della storia... ma per lui il successo porterà anche complicazioni sia personali, sia legali.

Regia: David Fincher

Sceneggiatura:  Aaron Sorkin

Fotografia: Jeff Cronenweth

Montaggio: Kirk Baxter, Angus Wall

Musiche: Trent Reznor, Atticus Ross

Jesse Eisenberg, Andrew Garfield, Brenda Song, Justin Timberlake, Armie Hammer, Max Minghella, Dustin Fitzsimons, Rooney Mara, Joseph Mazzello, Rashida Jones, Patrick Mapel, Douglas Urbanski, Malese Jow, Denise Grayson, Dakota Johnson, Trevor Wright, John Getz, Shelby Young

Durata: 2 ore

OscarOscarOscar

Migliore sceneggiatura non originale a Aaron Sorkin
Miglior montaggio a Kirk Baxter e Angus Wall
Miglior colonna sonora a Trent Reznor e Atticus Ross

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema - ACEC)

Giudizio: consigliabile, realistico

Tematiche: Amicizia; Denaro, avidità; Internet; Nuove tecnologie; Storia

Fatti e personaggi sono veri. Al pari delle sentenze emesse dal tribunale che vengono ricordate nei titoli di coda. Si tratta, per certi versi, di un copione che 'storicizza' avvenimenti in verità molto recenti e ricorda la nascita di uno 'strumento' che sta ancora cambiando la realtà di tanti rapporti umani. "Facebook" é una rete dentro la quale molti vivono nascondendosi e che sostituisce l'esistere vero con quello virtuale. Forse perché frenato da situazioni ancora in piena ebollizione e da un panorama tecnologico non del tutto chiarito, David Fincher non riesce ad essere distaccato né sereno, e il racconto risulta frenato, quasi ristagnante, poco vivace. In quelle tematiche però siamo tutti coinvolti, e l'occasione di capire come tutto è cominciato è interessante. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come consigliabile e certamente realistico.

Utilizzazione: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria e come spunto per parlare del 'fenomeno' facebook. Attenzione é da tenere per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di DVD e di altri supporti tecnici.

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Facebook secondo il Cinema: David Fincher dà un grandioso aggiornamento alla settima arte del Terzo Millennio

Ci sono film, pochi, se non pochissimi, in grado di riconciliare con il cinema. E con il mondo: non perché ne occultano le brutture, dando futili speranze, ma perché rendono con l’arte lo stato dell’arte di questi nostri giorni. The Social Network appartiene al ristretto novero, più esclusivo di un club di Harvard, di questi film-mondo: sotto questo punto di vista, il titolo non fa riferimento denotativo alla creatura di Mark Zuckerberg (et alii…), bensì è specchio fedele della sue riuscite ambizioni. David Fincher e lo sceneggiatore Aaron Sorkin prendono nella Rete la nostra realtà, e non c’è da esserne allegri: qual è la classe dirigente del futuro (e del presente)? Bastardi (non è la parola giusta), variamente declinati: Zuckerberg, nerd tagliente e indifferente, cinico e ambizioso, ma scarso con le donne; i gemelli Winklevoss, tutti Ivy League e canottaggio, muscoli ed elite; Eduardo Saverin, co-fondatore di Fb, estromesso e irrisolto, quasi villain perché – tremendo ammetterlo - perde; Sean Parker, il creatore di Napster, figo da manuale, geniale e astuto, ma inaffidabile.

A loro abbiamo affidato le nostre vite: pubblicamente, concedendo i nostri profili, le nostre foto, i nostri messaggi, il nostro status sentimentale a questi happy (?) few. Come ci siamo arrivati? Non importa, piuttosto da dove sono partiti loro: da Harvard, passando per Stanford e le altre università della upper class, chiamate a sancire quanto fosse cool lo strumento, il network sociale ma esclusivo. Poi, solo poi, in gioco entra il profitto e dunque il necessario allargamento: Facebook si concede a tutti, l’iperspazio dove guardare chi è il compagno di banco fa della classe mondo, di high class ogni ceto sociale. E’ successo planetario, che The Social Network riflette in campo medio per osmosi: non c’è il mondo in campo lungo, perché i primi piani di questi bravi ragazzi sono, essi stessi, il mondo.

Già questo, basterebbe per dare al film del capolavoro: poderosamente, intensamente e acutamente sceneggiato da Sorkin, che condensa nelle battute a effetto l’effetto planetario di questi demiurghi, ripassato dietro la macchina da presa da Fincher con la virtuosa eliminazione del superfluo che fa il genio e interpretato da Eisenberg con una vorace abulia, una differente indifferenza, una presenza totalizzante e insieme deprimente, può dare del tu qui e ora al Quarto potere di Orson Welles, almeno nella fotografia nitida e inquietante dell’informazione del potere e del potere dell’informazione. In questo caso, le informazioni che abbiamo volutamente concesso al potere, secondo le sue volontà, i suoi parametri, i suoi scopi: Facebook, questo libro delle facce, lo possiamo sfogliare, possiamo conoscerne anche il numero di pagine, il costo (25 miliardi di dollari) e quanti lo leggono (500milioni), ma non è nostro. Ha un autore e un editore che non possiamo padroneggiare e, forse, nemmeno conoscere. Zuckerberg & Co. li conosciamo in The Social Network?

Sì, nella misura in cui Fincher e Sorkin si astengono dal giudizio e dall’illustrazione, descrivendo non come sono davvero andate le cose (come saperlo?), ma – sapientemente – perché sono andate così: il focus, al netto della storia di Facebook e delle sue vicissitudini giudiziarie, è sul Zuckerberg prima e durante (e dopo) FB nel rapporto con l’altro sesso, attraverso le cartine di tornasole della fidanzata Erika e del suo avvocato donna.

A questo proposito: come dare del sessista al film? Se è letterale come tutto sia nato per fare sesso, Fincher non calca la mano al riguardo, descrivendo lucidamente i paradossi di Zuckerberg, il conflitto tra realtà virtuale e realtà reale: crea "l'amicizia" ma non ha amici, crea lo "status sentimentale" ma non ne ha uno, crea il "social network" ma non ha vita sociale, incapace com'è di relazioni vere, autentiche, affettive. Fb non è altro che la banale creazione di un maschio, dei maschi, a uso sessuale e consumo globale.

Normale, dunque, che a stigmatizzare tutto ciò siano le donne. Erika prima lo molla, e gli pronostica un futuro di insuccesso relazionale: non perché è un nerd, ma perché è un bastardo (non è la parola giusta). L’avvocato rettificherà: non è bastardo, ma si sforza di esserlo a ogni costo. Evidentemente, è anche peggio. Ed è il nucleo di verità di questo autore in cerca di personaggi (noi): un demiurgo (impotente), un dio (intristito), fin quando non passa dall’altra parte, servendosi della creatura da lui creata, facendosi utente da manutentore che era ed è. Ovvero? Chiede l’amicizia alla sua ex ragazza, e continua ad aggiornare il profilo sperando che venga accolta. Nel frattempo, Fincher ha dato un ineludibile, grandioso refresh al cinema del Terzo Millennio (Federico Pontiggia)

Gli altri film di questo mese

Da sabato 30 ottobre | Inception - Con Leonardo di Caprio-Figli delle stelle-Maschi contro femmine-Uomini di Dio-Dal 4 dicembre | La donna della mia vita-Harry Potter e i doni della morte (parte prima)-La banda dei Babbi Natale - Aldo, Giovanni e Giacomo

 Film da Oscar - I film della stagione 2010 / 2011


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail