Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Mangia, prega, ama - Julia Roberts

Mangia, prega, ama

Mangia, prega, ama - Julia Roberts e James Franco

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Liz Gilbert ha tutto ciò che una donna moderna può sognare – un marito, una casa e una carriera di successo – ma come tante altre donne, è insoddisfatta, confusa ed è alla ricerca di cosa effettivamente desidera dalla vita. Appena divorziata, trovandosi ad un bivio, Liz decide di allontanarsi dal suo mondo rischiando tutto e, per dare un cambiamento radicale alla sua vita, intraprende un viaggio intorno al mondo, un percorso per ritrovare se stessa. Nel suo viaggio in Italia riscopre il piacere di mangiare, in India arricchisce la sua spiritualità e, inaspettatamente, a Bali ritrova il suo equilibrio interiore grazie al vero amore.

Regia: Ryan Murphy

Sceneggiatura: Ryan Murphy, Jennifer Salt

Fotografia: Robert Richardson

Montaggio: Bradley Buecker

Musiche: Dario Marianelli

Julia Roberts, James Franco, Billy Crudup, Javier Bardem, Richard Jenkins, Viola Davis, Luca Argentero, Arlene Tur, Tuva Novotny, Stephanie Danielson

 

Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare 

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema - ACEC)

Giudizio: futile, superficialità 

Tematiche: matrimonio - coppia

L'argomento forse non é nuovo, ma quando si parla dell'amore é difficile dire qualcosa di veramente originale. La differenza quindi la può fare solo il racconto. E qui ci troviamo di fronte ad una linea piatta e vuota, così insulsa da sorprendere ad ognuno dei 140' minuti di improvvida durata. Non é chiaro perché la Roberts abbia scelto il romanzo, né come abbia fatto ad accettare un copione affidato solo a stereotipi a valanga (non solo Roma, guardare per credere quella Bali da cartolina, e quel Bardem da fotoromanzo). Ne esce un racconto sconclusionato, affrettato e incapace di trasmettere la minima emozione, lungo il quale si muovono non personaggi ma caricature che vivono di artificio e mai di verità. Un'operazione mal riuscita per un film che, dal punto di vista pastorale, é da valutare come futile e del tutto superficiale.

Utilizzazione: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, ben tenendo conto di quanto detto sopra circa la modestia della confezione. Qualche attenzione per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di DVD e altri supporti tecnici. 

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Cascami, stereotipi, noia e stucchevolezza: di tutto e di peggio nell'adattamento da Elizabeth Gilbert. E Julia Roberts e Javier Bardem guardano ai Razzies...

Mangia Prega Ama. Parola e prassi di Julia Roberts, protagonista dell’adattamento del romanzo omonimo e autobiografico di Elizabeth Gilbert, un bestseller da 6,2 milioni di copie solo negli Usa. Nei panni della scrittrice di successo, abbandonerà prima il marito (Billy Crudup), incrocerà il cuore con il bello di turno (James Franco) e poi mollerà la patria per approdare a Roma con intenzioni culinarie e culturali - a farle da Cicerone il nostro Luca Argentero - e quindi in India per ritrovare se stessa, e infine a Bali per ritrovare l’amore (Javier Bardem).

Questa la scarna sinossi: scarna, perché il film, viceversa, è pieno zeppo di cascami, stereotipi, noia e stucchevolezza in formato panoramico. Non si salva nulla, a partire da Julia Roberts, vittima e carnefice – “innamorata pazza del libro”, ha ammesso – di un miscast da antologia: che c’azzecca l’ex Pretty Woman con questa scrittrice di Harmony di cattiva annata, che – udite, udite! – finisce in India per ritrovarsi, perdendo nel contempo l’attenzione di qualsiasi spettatore non afflitto da turbe autolesionistiche.

Comunque, c’è di peggio: la Roma decantata dal buon Argentero a uso e consumo straniero è un’accozzaglia di luoghi che più comuni non si può, apologia del dolce far niente, close-up su spaghetti fumanti, trasferte napoletane in chiave pizza, elucubrazioni risibili, moti d’animo pre bonifica pontina, cene che più sterilmente luculliane non si potrebbe, augustei più decrepiti del vero. Insomma, come sbottò Fanztozzi dopo la Corazzata Cotiomkin una (omissis) pazzesca. Ah, c’è pure Bardem, col cuore a pezzi per farne un puzzle a Bali, finché non ne troverà un muscolo cardiaco gemello e la capanna d’ordinanza. Ora lo aspetta Terrence Malick, ma Mangia Prega Ama mette di diritto lui, la Roberts e il film su in cima ai papabili per i Razzies Awards, i premi al peggio su grande schermo. Ecco, Mangia Prega Ama Pernacchia! (Federico Pontiggia)

Julia Roberts

The mexican - amore senza la sicura Ocean's eleven - Fate il vostro gioco Ocean's 12 - Locandina La guerra di Charlie Wilson - Poster Confessioni di una mente pericolosa - Poster Ama, prega, ama - Locandina I perfetti innamorati Se scappi ti sposo Biancaneve

I film della stagione 2010 / 2011 - Quello che... non abbiamo fatto


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail