Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Femmine contro maschi

Sabato 19 febbraio - Ore 21:00

Domenica 20 febbraio - Ore 16:00 e 21:00

In Femmine contro Maschi si intrecciano tre storie dedicate ai buffi difetti delle donne, intorno al tema generale della disperata ricerca dell'uomo ideale. Qui si ritrovano tutti i personaggi di Maschi contro femmine, insieme ad alcuni, importanti, nuovi acquisti. Nella prima, l'androloga Anna e il benzinaio Piero sono alle prese con il noioso tran-tran di un matrimonio ventennale. Lei colta e affettuosa, lui ignorante e traditore. Quando un provvidenziale incidente fa perdere a Piero la memoria, Anna lo riformatta, cercando di trasformarlo nell'uomo perfetto. Nella seconda storia, il bidello Rocco e l'impiegato Michele suonano in una cover band dei Beatles. Rocco è osteggiato dalla compagna, maestra nella stessa scuola, mentre Michele, grazie ad una sapiente bugia, riesce a tenere all'oscuro sua moglie, una donna manager che crede che abbia smesso con la musica. Nella terza storia, il chirurgo plastico Marcello e l'impiegata Paola sono una coppia divorziata da anni. I due fingono di essere una famiglia felice solo quando vanno a trovare la mamma di lui ottantenne e malata di cuore. Quando un cardiologo diagnostica pochi giorni di vita alla nonna, quest'ultima chiede di poterli passare con la sua famiglia a casa loro.

Regia: Fausto Brizzi

Sceneggiatura: Fausto Brizzi, Massimiliano Bruno, Marco Martani, Pulsatilla

Fotografia: Marcello Montarsi

Montaggio: Luciana Pandolfelli

Musiche: Bruno Zambrini

Salvatore Ficarra, Valentino Picone, Francesca Inaudi, Claudio Bisio, Serena Autieri, Luciana Littizzetto, Nancy Brilli, Emilio Solfrizzi, Luca Biagini, Roberto Angeletti, Wilma De Angelis, Armando De Razza, Edoardo Cesari, Rosabell Laurenti Sellers, Matteo Urzia, Hassani Shapi, Marta Zoffoli, Giuseppe Cederna, Paola Cortellesi, Fabio De Luigi

Durata: 1ore 36' 

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

 

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema - ACEC)

Giudizio: consigliabile, brillante

Tematiche: matrimonio - coppia

Si tratta del 'seguito ' di "Maschi contro femmine", ma per certi versi sembrano due film diversi. Tanto il primo era superficiale e sopra le righe, quanto questo appare misurato, attento, leggero. Funziona meglio la miscela tra lo sfondo realistico e il suo superamento in una buona dose di ironia, accompagnata da un umorismo piacevole e mai sguaiato. Il racconto é attraversato da atmosfere un po' antiche (non vecchie) nell'ottica della giusta ricerca di qualche punto di incontro tra le generazioni. Vale per tutti la lettera che scrivono Ficarra e Picone, aggiornamento ad oggi della simile,famosissima sequenza tra Totò e Peppino De Filippo in "Totò, Peppino e la malafemmina" (C.Mastrocinque, 1957). Forse non è più quella commedia italiana che sapeva coniugare pietà e cinismo, ma il tono é decisamente più valido e costruttivo. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come consigliabile e nell'insieme brillante.

Utilizzazione: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria. Qualche attenzione é da tenere per minori e piccoli in vista di passaggi televisivi e di uso di DVD e di altri supporti tecnici.

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Più organico del precedente, sempre zeppo di luoghi comuni: per Brizzi è arrivato il tempo di abbandonare la coralità e tentare altre strade

Luciana Littizzetto è un'androloga che tenta di "riformattare" il marito (Solfrizzi), ignorante e calcio-dipendente, dopo un "provvidenziale" incidente in cui perde la memoria; Wilma De Angelis, per la prima volta sul grande schermo, è una mamma anziana che "sfrutta" i suoi malanni di salute per provare a far ricongiungere il figlio (Bisio) con la ex moglie (Brilli); Francesca Inaudi è la compagna di un eterno Peter Pan (Ficarra) di cui non sopporta più le passioni e Serena Autieri la moglie in carriera di un altro bambinone (Picone), amico del primo, che invece è convinta lui sia effettivamente cresciuto.

Dopo aver messo alla berlina i difetti degli uomini in Maschi contro femmine Fausto Brizzi prende di mira le debolezze del gentil sesso e in quello che lo stesso regista definisce uno "spin-off" del precedente (pur realizzato contemporaneamente, con "pezzi" di cast spostati alla bisogna da protagonisti a comprimari, e viceversa), si concentra sull'atavico desiderio femminile di provare a cambiare in tutti i modi gli uomini della loro vita. L'operazione, forse meglio riuscita della volta scorsa per quello che riguarda organicità del racconto e verve degli interpreti (Ficarra e Picone, in questo senso, offrono come al solito ottime garanzie), non si svincola però dai soliti luoghi comuni che, ormai è quasi una prassi, affliggono i film di Brizzi.

Uno su tutti, il più eclatante e il più difficile da giustificare, è dato dalla rappresentazione stessa delle due sfere messe a (doppio) confronto: gli uomini fedifraghi, immaturi, incapaci di guardare più in là di qualche ora, le donne quadrate, determinate, capaci di portare avanti famiglia e lavoro ma prive di qualsiasi fantasia o passatempo, che non sia quello di vessare i propri compagni. Non a caso, ripensando al precedente episodio, le uniche ad avere delle passioni erano una lesbica, una bisex e una zitella fanatica ecologista. Categorie, che come tutte le altre, si perdono nella superficialità e nel mischione di una coralità mai abbandonata: al quinto film, con il sesto -Sex 3D - già in cantiere, Brizzi non si è ancora misurato con storie che non prevedano il "gruppo". Forse è ora di tentare. (Valerio Sammarco)

La critica

"Se 'Maschi contro femmine' mostrava come uomini e donne siano destinati a eterna incomprensione, 'Femmine contro maschi' è imprevedibilmente il capitolo della tregua: assodato che sotto le spoglie del partner rospo non si nasconde un principe, alla fin fine un rospo può anche andar bene. E' questa la morale della favola: si adegua a tale filosofia persino una Luciana Littizzetto di insolita vena romantica, quindi figuriamoci!" (Alessandra Levantesi Kezich, 'La Stampa', 4 febbraio 2011)

"E' tornato Brizzi, il re del blockbuster corale agrodolce. Girare due film in un colpo è una genialata e dopo 'Maschi contro femmine' arriva il gemello: un semplice viceversa. Ancora coppie litigarelle, battibecchi, guerra dei sessi dove i buoni sono maschietti infantili (ma va?) ed egoisti. Le femmine? Petulanti, rompiscatole o addirittura spregevoli (Littizzetto in versione Dr. Frankenstein 'riformatta' il marito bestia rendendolo suo schiavo). Gli scrittori misogini sopra la media Brizzi, Martani (...) e Bruno si scatenano nel citazionismo (...) e non esagerano nell'amato nudismo (...). Più simpatico dei 'Manuali', meno finto di 'Immaturi'. Ma già visto. Evviva fare soldi ma se il ricco trio firmasse ogni tanto qualcosa di più rischioso? Il talento c'è tutto. O sarebbe una scelta troppo femminile?" (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 4 febbraio 2011)

"Piacerà a chi ha mostrato, ben accogliendo la moda dei film a sketches di apprezzare la formula a episodi (ovvero la brevità va a braccetto col divertimento)." (Giorgio Carbone, 'Libero', 4 febbraio 2011)

"Se è vero, come sosteneva Charles Darwin, che «Il maschio scelto dalla femmina non è colui che le sembra più attraente, ma colui che la disgusta di meno», in questa pellicola se ne accorgono in pochi. Un peccato, perché Fausto Brizzi ha dimostrato, sia sceneggiando l'ottimo 'Oggi Sposi', sia, soprattutto, dirigendo in maniera impeccabile 'Ex' e 'Maschi contro femmine', di essere bravissimo interprete della commedia corale all'italiana. Si fatica, quindi, ad immaginare la presenza della stessa mano dietro questo deludente, banale e scontato 'Femmine contro Maschi'. Troppo evidente la disparità di risultato rispetto al capitolo precedente che ben illustrava l'ancestrale lotta tra uomini e donne. Qui, appare tutto al minimo sindacale: sceneggiatura, risate, interpretazione. (...) Ficarra, fuori parte, esagera, senza freni, con inutili smorfie; tutto sommato, il male minore." (Maurizio Acerbi, 'Il Giornale', 4 gennaio 2011)

"Gira la ruota ed ora nel dittico di Brizzi sono le donne, 'pazzarielle', a dettar legge: migliore è la Littizzetto che deve riformattare lo smemorato Solfrizzie i due riescono a costruire una storia. Le altre due sono pochade brevi, non allegre: Bisio-Brilly in ménage doppio con mamma De Angelis, e Ficarra e Picone sono i soliti Peter Pan che si rifugiano nei Beatles. Nominato invano Proust, alla ricerca della battuta perduta (sushi al posto di shiatsu!)." (Maurizio Porro, 'Il Corriere della Sera', 4 febbraio 2011)

"II cinema dà scacco alla matematica: basta scambiare l'ordine degli addendi e il risultato cambia. Il mistero è cabalisticamente racchiuso nella mente del regista/sceneggiatore Brizzi che ¿ dopo la deludente prima sfida tra sessi uscita lo scorso autunno ¿ sforna un 'sequel' come commedia comanda: dialoghi armoniosi con gli attori, situazioni divertenti senza surrealismi, quel tanto di pietas nei reciproci rapporti che permettono a ogni personaggio di evitare la figura del coglione e un miglior raccordo tra episodi, peraltro tutti abbastanza godibili. Perché la guerra tra donne e uomini, alla fine è un bluff, e vince solo chi ha più ironia in vena. Ottime le prove di Solfrizzi prima homo brutalis e poi damerino per una controllata Littizzetto, e della prodigiosa Wilma De Angelis, furba madre aggiusta-coppie. Mentre Ficarra & Picone ¿ comici per ogni schermo ¿ si rivelano dei Beatles da stracult. Visibile in 600 sale, per coppie e scoppiati." (Anna Maria Pasetti, 'Il Fatto Quotidiano', 03 febbraio 2011)

Fausto Brizzi

 Indovina chi viene a Natale? - Poster Maschi contro femmine Femmine contro maschi Notte prima degli esami Notte prima degli esami oggi

I film della stagione 2010 / 2011


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail