Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

La donna della mia vita

La donna della mia vita

Sabato 4 dicembre - Ore 21:00

Domenica 5 dicembre - Ore 16:00 e 21:00

Il film racconta la storia di due fratelli molto diversi tra loro, Leonardo e Giorgio. Tanto il primo è affidabile e sensibile, quanto il secondo è incostante e donnaiolo. E tuttavia i due sono sempre stati uniti. Almeno fino al giorno in cui Giorgio scopre che la nuova fidanzata del fratello non è altri che Sara, con la quale ha avuto una delle sue turbolenti relazioni extraconiugali. Spetterà, quindi, alla madre Alba ripristinare l’ordine familiare e lo farà non senza sorprese e colpi di scena che provocheranno un grande scompiglio.

Regia: Luca Lucini

Sceneggiatura: Giulia Calenda, Teresa Ciabatti

Fotografia: Alessandro Bolzoni

Montaggio: Fabrizio Rossetti

Musiche: Giuliano Taviani, Carmelo Travia

Durata: 1h 36'

Luca Argentero, Alessandro Gassman, Valentina Lodovini, Stefania Sandrelli, Giorgio Colangeli, Sonia Bergamasco, Lella Costa, Gaia Bermani Amaral, Franco Branciaroli

 Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema - ACEC)

Giudizio: complesso, superficialità

Tematiche: famiglia, matrimonio - coppia, sessualità

Nei suoi titoli precedenti, Lucini aveva mostrato toni più riflessivi e mano più leggera. Qui perde ogni capacità di misura, a (s)vantaggio di un accumulo di situazioni fintamente trasgressive inserite nella più vieta banalità. Sulla storia cala una coltre di snobismo dove tutti sono liberi, comprensivi, razionali e quindi 'moderni'. La Sandrelli tira la morale che suona "in fin dei conti così è la vita". E tutti sono giustificati e contenti. Una commedia stucchevole per un film che, dal punto di vista pastorale, é da valutare come complesso e pervaso da superficialità.

Utilizzazione: il film può essere utilizzato in programmazione ordinaria, tenendo presente quanto precisato sopra. Molta attenzione é da tenere per minori e piccoli da subito e in seguito, in vista di passaggi televisivi o di uso di DVD e di altri supporti tecnici.

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Né farsa né commedia: il nuovo Lucini si ferma nel mezzo e difetta di ritmo e originalità. Affidarsi alla simpatia di Argentero, Gassman e Sandrelli stavolta non basta...

Non ha il brio della farsa né la cattiveria della commedia La donna della mia vita: piuttosto l'ultimo film di Lucini si arena in un limbo, dove premesse e soluzioni sembrano cozzare, quasi dipendessero da intenzioni diverse. Chiara quella all'origine - il soggetto di Cristina Comencini - che strizza l'occhio senza dubbio alla commedia sofisticata americana, ai twist drammaturgici, alle scaramucce sentimentali, all'altalena di equivoci e rivelazioni. Meno netta è la scelta degli sceneggiatori - Giulia Calenda e Teresa Ciabatti - che rovistano nella scena teatrale del marivaudage pensando di adattarla all'italianissimo cote familiare, senza avere però la finezza psicologica della prima né la dovuta "familiarità" con il secondo. E poi c'è l'inedito imbarazzo di Lucini a maneggiare questo strano amalgama compositivo, mai trasceso in qualcosa di più personale, un guizzo, un'impronta che resti, anonimi e senza mordente entrambi.

Stranamente svogliato, il regista milanese pare appiattirsi sul copione, irretito forse dal surplus di tradizioni e istanze enunciative. Esageratamente timoroso, neanche avesse avuto in mano un lavoro di Coward. Non suscita allora il dovuto interesse questo triangolo amoroso tra consanguinei, dove due fratelli diversissimi (Alessandro Gassman e Luca Argentero) si scambiano donne (Valentina Lodovini) e ruoli - mascalzone e tenerone - con eccessiva nonchalance. Né convince il gioco al rispecchiamento che coinvolge i rispettivi genitori (Stefania Sandrelli e Giorgio Colangeli), alle prese anche loro con bugie, corna e camuffamenti.

Al di là della naturale empatia tra ruoli e interpreti - o se volete la condanna a rifare se stessi dei vari Argentero (timido, fragile e carino), Gassman (sciupafemmine e verace), Lodovini (oggetto del desiderio senza profondità), Sandrelli (madre un po' svampita) e Colangeli (al solito un po' troppo ruvido) - i personaggi soffrono della stessa sindrome del film, indecisi già in fase di scrittura tra la caricatura e la definizione a tutto tondo. Ovvero se partecipare a una farsa ben orchestrata o a una commedia corale. Non si tratta di ibridazione né di cortocircuito, ma di una mezza via che finisce per non andare da nessuna parte. E non basta più l'eleganza del brand Cattleya - nuovamente in collaborazione con Universal - a restiture dignità a un'operazione che, se pure evita la sciatteria e la volgarità di altri ben più beceri format, non ha il coraggio di osare, sazia di mutuare dal passato formule, storie e maschere popolari.

La grande commedia italiana - chiamata giustamente in causa da Riccardo Tozzi di Cattleya - non era un ricamo né un'astrazione da salotto, ma una formidabile equazione di punto di vista autoriale e immanenza sociale. A chi si rivolge, di cosa parla invece la nuova? Corna e famiglie sparite invece che di immigrati e disoccupazione? Va benissimo. A patto che si riconosca il vizio all'origine, lo sguardo biforcuto che da un lato vuole afferrare fenomeni collettivi e tendenze generazionali (qui divorzi, senso d'inadeguatezza e macchinazioni dentro una luccicante e posticcia cornice borghese), dall'altro però non vuole farsene carico preferendo rifugiarsi nel solito, deresponsabilizzato, esercizio di accomodante buonismo. Che è poi è la vera consuetudine a non tramontare mai in Italia. Il paese che tanto decanta la tradizione della commedia, non si è ancora accorto del suo dramma ereditario. (Gianluca Arnone)

Luca Argentero

Bianca come il latte rossa come il sangue Lezioni di cioccolato 2 Dal 28 maggio - C'è chi dice no Dal 4 dicembre | La donna della mia vita Ama, prega, ama - Locandina Il grande sogno Saturno contro - Poster Un boss in salotto - Poster Fratelli unici

I film della stagione 2010 / 2011


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail