Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

L'apprendista stregone

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Nella New York dei nostri giorni, un giovane studente di college è costretto suo malgrado ad accettare un lavoro come assistente ed apprendista per uno stregone di nome Balthazar Blake. Presso di lui, il ragazzo sarà addestrato a combattere contro le forze del male che incombono sulla moderna Manhattan, orchestrate da un altro stregone, il perfido Horvath, aiutato dal più giovane illusionista Drake Stone.

Regia: Jon Turteltaub

Sceneggiatura: Lawrence Konner, Mark Rosenthal, Matt Lopez

Fotografia: Bojan Bazelli

Montaggio: William Goldenberg

Musiche: Trevor Rabin

Nicolas Cage, Jay Baruchel, Alfred Molina, Teresa Palmer, Toby Kebbel, Monica Bellucci, Peyton List, Jake Cherry, Omar Benson Miller, Alice Krige

Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema - ACEC)

Giudizio: consigliabile, semplice

Tematiche: amicizia, avventura

All'origine c'è quel segmento di "Fantasia", il bel cartoon Disney del 1940, nel quale Topolino si cimenta appunto come apprendista stregone su famosissime note musicali. Ambientata nella New York di oggi, la favola deve inevitabilmente fare i conti con un uso massiccio di effetti speciali: quasi sempre, va detto, in modo pertinente e divertente, qua e là con qualche insistenza. Tolta qualunque parvenza di realismo, la trama regge grazie ad una spettacolarità coerente e coinvolgente. Verrebbe da dire che il lato debole é proprio Nicholas Cage nel ruolo del protagonista. Ma il prodotto finale è per tutti. Dal punto di vista pastorale, il film è da valutare come consigliabile e del tutto semplice.

Utilizzazione: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria, e in seguito come proposta di passatempo di buon livello.

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Parte male, poi recupera l'omaggio disneyano a Fantasia, che sembra più un Harry Potter cialtrone e senza pretese. Privo di originalità, ma onesto

L'apprendista stregone è un film che parte male, si risolleva, finisce in modo ridicolo. E' frutto del sodalizio ritrovato tra il producer Jerry Bruckheimer, il regista Jon Turteltaub e Nicolas Cage, che si erano inventati qualche anno fa Il mistero dei templari, operazione molto simile a questa per la miscela di commedia, magia e avventura, e il risultato ibrido, un po' omaggio divertito e un po' balordo riciclo.

L'omonimia con il celebre episodio di Fantasia - il capolavoro Disney festeggia quest'anno 70 anni - non è puramente casuale: non bastasse la somiglianza col plot, ecco riproposta filologicamente la celebre "marcia dei manici di scopa", a segnare il pregio e il limite del progetto, che ricorda le delizie della creme brulè servendosi della panna cotta. Meglio comunque dei tanti fondi di magazzino che riparano in sala nella torrida estate italiana.

E dire che il prologo non promette niente di buono, con quell'accavallarsi di immagini arredate con gusto discutibile, e nomi leggendari - non manca proprio nessuno: Re Artù, il Mago Merlino, Morgana, Balthazar - trucchi da baraccone e parrucconi trucidi, che Nicolas Cage si premura di non togliere mai per tutto il film. Fuor di magia, il film racconta dell'eterno scontro tra bene e male: il primo nelle mani di Balthazar Blake (Cage), l'aiutante retto di Merlino che attraversa i secoli alla ricerca di un eletto (il Sommo Merliniano, ovvero l'erede del grande mago) che spazzi via i nemici dell'umanità. L'eletto è ovviamente un insospettabile sfigato (Jay Baruchel), nè atletico nè bello, che vive nella Manhattan dei giorni nostri, coltiva una passione smisurata per Tesla e l'altra per una biondina lavata a candeggina, di cui è innamorato fin dalle elementari. Suo malgrado, diventerà l'apprendista di Nicolas Cage e l'ultimo barlume di speranza per quelli della nostra specie che nemmeno immaginano quale terribile minaccia rappresenti quel signore elegante - Alfred Molina con bastone e bombetta - che da un po' di tempo si aggira sornione in città. Si chiama Maxim Horvath, come Balthazar è stato un fido servitore di Merlino, ma poi ha tradito come Giuda, quando cioè la fatona Veronica (Monica Bellucci) gli preferisce quel parruccone di Cage. Da allora si è venduto alla strega cattiva Morgana, imprigionata nel frattempo in una matrioska che Balthazar custodisce gelosamente e che Horvath dovrà recuperare.

La trama è questa. Sembra complicata ma non lo è, è poco originale ma ha il pregio di scivolare via lieve, e non disdegna l'ironia. La cosa migliore del film è che non si prende mai sul serio, le scaramucce tra Cage e Molina funzionano, Baruchel e la Palmer assicurano credibilità alla parte "commedia sentimentale" mentre gli effetti speciali, seppur poveri, hanno un non disprezzabile gusto retrò, da modernariato del fantasy. Riusciti anche i personaggi di contorno, come il morganiano Drake Stone (Toby Kebbell) che sfoggia un look alla Bowie ma fa il verso a una qualunque delle pop star vanesie di oggi.

Ci piacerebbe dire lo stesso della Bellucci - che gli autori hanno il buon gusto di utilizzare solo nei cinque minuti finali del film - ma sospettiamo che nella sua fugace apparizione non ci sia nulla di consapevole e autoironico. Non dell'Apprendista stregone avrebbe avuto bisogno la bella Monica, ma di un vero e proprio apprendistato attoriale. (Gianluca Arnone)

Nicolas Cage

Solo per vendetta L'apprendista stregone, con Nicolas Cage The Family Man Il mistero dei Templari Al di la della vita Il genio della truffa Fuori in 60 secondi World Trade Center The Frozen Ground - Poster

I film della stagione 2010 / 2011 - Quello che... non abbiamo fatto


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail