Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Viola di mare

Viola di mare - Isabella Ragonese e Valeria Solarino

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

In una piccola isola immaginaria della Sicilia ottocentesca, durante lo sbarco dei Mille, la venticinquenne Angela cerca di sopravvivere allo scandalo della propria omosessualità, accettando di fingersi uomo. Rinchiusa in una grotta dal padre-padrone, dopo il suo rifiuto a sposare l'uomo scelto per lei, la donna viene salvata con uno stratagemma dalla madre, che convince il curato a cambiarle nome e sesso sulle carte dell'anagrafe. Angela diventa Angelo: coppola, sigaro in bocca, una famiglia benedetta dal Signore...

Soggetto di Pina Mandolfo liberamente tratto dal romanzo di Giacomo Pilati "Minchia di re".

In concorso al Festival Internazionale di Roma 2009.


Regia Donatella Maiorca
Sceneggiatura Mario Cristiani
  Donatella Diamanti
  Donatella Maiorca
  Pina Mandolfo
Fotografia Roberta Allegrini
Montaggio Marco Spoletini
Musiche Gianna Nannini

Valeria Solarino Isabella Ragonese
Ennio Fantastichini Giselda Volodi
Marco Foschi  Alessio Vassallo
Aurora Quattrocchi Maria Grazia Cucinotta

Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

 

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Ottima Valeria Solarino in un film tutt'altro che perfetto. In Concorso, con qualche picco d'intensità

Le premesse per il disastro c’erano tutte: una storia d’amore saffico ambientata nella Sicilia di fine ‘800, prodotta da Maria Grazia Cucinotta e diretta da una regista per lo più televisiva come Donatella Maiorca, rischiava seriamente di trasformarsi in una fiction buonista e scontata sull’accettazione dell’omosessualità. E in effetti l’inizio di Viola di mare, non lascia ben sperare. Non solo non viene sfruttata la ricchezza di suggestioni offerta dalla bellissima location naturalistica, ma tutta la messa in scena soffre di un senso generale di confusione in cui tutto si muove nervosamente, quasi a voler mettere in piedi uno stile pseudo documentaristico non congeniale al pathos richiesto da un racconto che si vorrebbe prima d’amore che di denuncia sociale. Molti degli interpreti sembrano poi insicuri e ingessati in ruoli che sfiorano la macchietta (vedi lo scontatissimo padre padrone di Ennio Fantastichini e la leggiadra pulzella di Isabella Ragonese), anche se il tutto viene compensato dalla buonissima prova d’attore di Valeria Solarino, sicuramente mai stata tanto convincente sul grande schermo.

Quando però la speranza riguardo all’esito del film è quasi perduta, il prologo si conclude e finalmente comincia l’azione, vale a dire il tormentato rapporto lesbico tra le due donne protagoniste, prima osteggiate dalle famiglie e poi costrette a una ridicola e orribile finzione: trasformare una delle due, Angela (Valeria Solarino) in Angelo, vestendola da uomo e cambiandole il nome con la complicità del parroco del paese. Da questo punto in poi le cose migliorano e cominciano a trovare un loro senso perfino gli stucchevoli montaggi alternati e la colonna sonora rock – bella, ma completamente fuori contesto - di Gianna Nannini. A tenere le redini del film, oltre alla sceneggiatura e al soggetto già di per sé molto forti, sono soprattutto Ragonese e Solarino, che danno ai loro personaggi quell’umanità e quel soverchiante senso di dolcezza e normalità che sono la forza dell’intera operazione.

Viola di mare, tratto dalla storia vera raccontata nel romanzo Minchia di re di Giacomo Pilati, è quindi tutt’altro che un film perfetto. Pur soffrendo di una regia dallo sguardo angusto, riesce però a raggiungere picchi di intensità insperati e, cosa più importante, non manca il suo obiettivo originario, cioè rompere molti tabù riguardo all’omosessualità e alla sua rappresentazione. (Laura Croce)

Quello che... non abbiamo fatto

I film della stagione 2009 / 2010


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail