Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

La prima cosa bella - Micaela Ramazzotti

La prima cosa bella

Sabato 30 gennaio Ore 21:00
Domenica 31 gennaio Ore 16:00 e 21:00

Anna Nigiotti nel Settantuno era una giovane e bellissima mamma proclamata Miss del più popolare stabilimento balneare di Livorno, ignara di suscitare le attenzioni maliziose della popolazione maschile, i sospetti rabbiosi del marito Mario e la vergogna del primogenito Bruno. Oggi, ricoverata alle cure palliative, Anna sbalordisce i medici con la sua irresistibile e contagiosa vitalità e fa innamorare i degenti terminali. Bruno invece, ha ormai tagliato i ponti con la sua città, la sua famiglia, il suo passato. Insegna senza entusiasmo in un Istituto Alberghiero e conduce un'esistenza cocciutamente anaffettiva. Ma la sorella Valeria lo convince a venire a salutare la madre per l'ultima volta, e Bruno torna malvolentieri a Livorno. L'incontro, dopo tanti anni, con quella mamma esplosiva, ancora bella e vivacissima, che a dispetto delle prognosi mediche sembra non aver nessuna intenzione di morire, costringe Bruno a rievocare le vicissitudini familiari che aveva voluto a tutti i costi dimenticare.

Regia Paolo Virzì
Sceneggiatura Francesco Bruni
  Francesco Piccolo
  Paolo Virzì
Fotografia Nicola Pecorini
Montaggio Simone Manetti
Musiche Paolo Virzì

Valerio Mastandrea Micaela Ramazzotti
Stefania Sandrelli Claudia Pandolfi
Dario Ballantini Marco Messeri
Aurora Frasca Giacomo Bibbiani
Giulia Burgalassi Francesco Rapalino
Isabella Cecchi Fabrizia Sacchi
Sergio Albelli Paolo Ruffini
Emanuele Barresi Fabrizio Brandi
Michele Crestacci Bobo Rondelli
Paolo Giommarelli Giorgio Algranti

Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema - ACEC)

Giudizio: consigliabile, problematico

Tematiche: Adolescenza; Bambini; Droga; Famiglia; Malattia; Matrimonio - coppia

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Il ritorno di Virzì nella sua Livorno. Che risplende grazie ad una "storia d'amore" d'altri tempi e interpreti in stato di grazia

Non l'amore tra due partner, ma lo splendido, difficile, doloroso rapporto tra una madre e i suoi due figli, fratello e sorella (gli esordienti Giacomo Bibbiani e Aurora Frasca, poi Francesco Rapalino e Giulia Burgalassi, infine Valerio Mastandrea e Claudia Pandolfi) che impareranno a ritrovarsi per stringersi intorno a quella donna, oggi malata, capace di donare il proprio amore anche solo con un sorriso. Dall’elezione a "mamma più bella" nell’estate del '71 ai giorni nostri, attraverso avventure e peripezie di ogni tipo, con Livorno a far da sfondo alle vicende di Anna Nigiotti in Michelucci (Micaela Ramazzotti / Stefania Sandrelli, perfette nel continuo andirivieni dei tempi e degli avvenimenti narrati), bellissima e vitale, ingenua e a tratti frivola al limite dell'imbarazzante. Il merito più grande di Paolo Virzì – tornato per l'occasione nella sua città natale – è proprio quello di saper raccontare questa donna (cacciata dal marito geloso, girovaga senza meta ma con i due bambini sempre con sé, per un attimo illusa dalle lusinghe del cinematografo, poi lettrice di varie riviste gossip e telespettatrice aggiornata) senza alcun tipo di spocchia snobistica o eccedendo nello scherno, ma semplicemente "amandola", allo stesso modo di tutti i vari personaggi del film (figli di un casting di primissimo livello), ognuno dei quali ricco di sfumature e spessore, con il ruolo forse più delicato affidato ad un Valerio Mastandrea "anaffettivo" e "tossico" che, da principio controvoglia, dovrà far ritorno da Milano per raggiungere l'odiata/amata città di un'infanzia/adolescenza trascorsa ad amare/odiare la propria mamma. Impreziosito dall’enorme lavoro sulla fotografia di Nicola Pecorini, dal montaggio dell'esordiente Simone Manetti, dalle musiche originali di Carlo Virzì (fratello di Paolo) intrecciate ad indimenticabili canzoni dell'epoca (da La prima cosa bella che dà il titolo al film a L'eternità, passando per L'ora dell'amore e L'immensità) e - come detto - dall’interpretazione corale di un gruppo di protagonisti straordinari, il film del regista toscano, capace di divertire e commuovere come non accadeva da tempo nel nostro cinema, è La prima cosa davvero bella made in Italy in questo 2010. Da non perdere. (Valerio Sammarco)

Francesco Bruni

Scialla! (Stai sereno) - Manifesto Matrimoni e altri disastri - Dal 22 maggio Tutta la vita davanti I vicerè La prima cosa bella, dal 30 gennaio Anche se è amore non si vede - Poster Il 7 e l'8 - Ficarra e Picone - Poster La matassa Il capitale umano - Poster

I film della stagione 2009 / 2010


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail