Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Ceccho Zalone - Cado dalle nubi

Sabato 12 dicembre Ore 21:00
Domenica 13 dicembre Ore 16:00 e 21:00

Checco Zalone è un giovane pugliese che sogna di diventare cantante. Lasciato dalla ragazza perché insegue sogni irrealizzabili mentre lei vuole sistemarsi, Checco decide di partire da Polignano a Mare e raggiungere Milano, dove forse riuscirà a sbarcare il lunario. A Milano viene ospitato dal cugino Alfredo ma ovviamente fatica ad adattarsi alla mentalità milanese. Incontra Marika ed è un colpo di fulmine per entrambi, ma il padre di Marika è un leghista convinto, pieno di pregiudizi sui meridionali, figuriamoci poi quando vede Checco! Contemporaneamente comincia a partecipare a diversi provini, fino a quando d'improvviso il suo talento canoro, unito a quello comico, viene riconosciuto: Checco può diventare un fenomeno e il discografico che l'aveva inizialmente rifiutato prende a cercarlo per tutta la città. Checco sta per coronare il suo sogno, ma riuscirà ad avere l'amore di Marika o tornerà al suo paese da vincitore riconquistando l'ex fidanzata?

Regia Gennaro Nunziante
Sceneggiatura Gennaro Nunziante
  Luca Medici
Fotografia Lorenzo Adorisio

Checco Zalone Dino Abbrescia
Giulia Michelini Fabio Troiano
Raul Cremona Gigi Angelillo
Anna Ferruzzo Ludovica Modugno
Sereno Bukasa Stefano Chiodaroli
Ivano Marescotti Rocco Papaleo

Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema - ACEC)

Giudizio: consigliabile, brillante

Tematiche: il comico

Aggiungendosi al non piccolo elenco dei comici televisivi approdati al cinema, questo esordio di Zalone (protagonista a "Zelig") si segnala per scorrevolezza narrativa e efficacia delle battute. Confermando un tono pungente, un approccio corrosivo agli argomenti spesso preda del politicamente corretto, Zalone intreccia satira e messa a nudo di eccessi quotidiani, senza rinunciare a qualche genuina spruzzata di sentimento e di affettuosità. Ben sorretto dalla regia di Gennaro Nunziante, il film strappa risate genuine e non banali e, dal punto di vista pastorale, é da valutare come consigliabile e nell'insieme brillante.

Utilizzazione: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria e da proporre nell'ambito di rassegne sul rapporto tra comicità televisiva e cinematografica.

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Al microfono continua a graffiare, ma da attore perde la satira: tra luci e ombre, il comico Checco Zalone debutta al cinema

"Gli uomini sessuali non c'avranno gli assorbenti / ma però c'hanno le ali / per volare via con la fantasia / da questa loro atroce malattia".

Parole e musica di Luca Medici, al palco Checco Zalone, che esordisce al cinema con Cado dalle nubi, diretto dall'amico e co-sceneggiatore Gennaro Nunziante (sceneggiatore per D'Alatri e sacerdote nel suo Casomai), anche lui al debutto dietro la macchina da presa.

Protagonista, il cantante Checco, tamarro situazionista ("che cozzalone" in barese sta per "gran cafone") in trasferta dalla Puglia (Polignano a Mare, città natale di Modugno...) a Milano per inseguire il successo: viceversa, troverà la Lega, camuffata ma non troppo, per cui tramuterà l'acqua del Po in urina e Alberto da Giussano in Power Ranger; un cugino (Dino Abbrescia) omosessuale - appunto - non dichiarato (ai parenti); l'amore non ricambiato (Giulia Michelini) e il talent-show, in cui finalmente emergere forte della sua "meravigliosa mediocrità".

Rispetto alla consueta tristezza degli approdi comico-televisivi al cinema (si salvano solo Ficarra e Picone, qualcosa del trio Aldo, Giovanni e Giacomo e del primo Pieraccioni), Checco Zalone fa qualcosa di meglio, mettendo in cornice narrativa le storpiature grammaticali e politicamente scorrette, che ne hanno sancito il successo sul piccolo schermo e, ancor più, su YouTube, ma... C'è un ma: la cattiveria da nostrano Borat di provincia rimane per lo più confinata nelle canzoni (vedi l'incipit della recensione), per il resto il Checco attore non graffia e si trastulla un po', senza infierire. Cosicché dalle nubi cade anche la sua satira. (Federico Pontiggia)

La critica

"L'idea del terrone dall'italiano tutto suo era usata meglio da Abatantuono e Frassica. Il cantante pop scemo l'avevamo già visto con il Gino Ramaglia di Paolantoni ai tempi tv di 'Sportascus'. Checco è omofobo e maleducato (insulti, da vincitore, a un avversario dello show). Eppure risulterà nel film 'troglodita ma simpatico'. Quanto sono ruffiani i comici italiani." (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 27 novembre 2009)

"'Cado dalle nubi' di Gennaro Nunziante, con Checco Zalone, esce mentre in libreria arriva il libro-cd omonimo di Checco Zalone, consigli per l'aspirante cantante. Si sorride con l'uno e con l'altro, perché il suo personaggio di poeta cafone sprizza saggezza, mentre i lombardi trasudano l'ipocrisia e i lumbard non sanno ricondurre, come fa lui, 'terun', gli omosessuali ad anormali e i parroci in borghese a camaleonti. Zalone non disprezza, come fa villaggio, il suo Fantozzi. Prosegua così". (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 27 novembre 2009)

"Zalone si dichiara 'meravigliosamente mediocre' e ha meravigliosamente ragione. Riesce dove tanti suoi colleghi hanno fallito: allargare le proprie gag in film tenendo vivo il passo e lo spasso. Tra navigli cari a AldoGiovanniecc, lo affiancano la troppo bella per lui Giulia Michelini e uno strepitoso Ivano Marescotti con Alberto da Giussano sul comò. 'Costretto' a comparsate ovunque in tv per promuovere il suo 'atto osceno in luogo pubblico', ha sempre saputo essere simpatico, rapido e a disagio. Complimenti, acciminchia!."(Alessio Guzzano, 'City', 27 novembre 2009)

Checco Zalone

Sole a catinelle - Poster Dal 6 gennaio | Che bella giornata - Checco Zalone - Poster Dal 12 dicembre - Cado dalle nubi Quo vado - Checco Zalone - Poster

I film della stagione 2009 / 2010


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail