Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Baciami ancora

Baciami ancora - La storia di tutte le storie d'amore

Sabato 20 febbraio Ore 21:00
Domenica 21 febbraio Ore 16:00 e 21:00

Che direzione avranno preso le vite di Carlo e di Giulia, indimenticabili protagonisti de "L'ultimo bacio"? Gabriele Muccino torna con l'attesissimo sequel del film che lo ha rivelato al grande pubblico. Tornano quindi gli ex trentenni protagonisti della storia di tutte le storie d'amore alle prese con gli intrecci di amore e amicizia che il destino ha loro riservato.

Sequel del film diretto da Gabriele Muccino "L'ultimo Bacio".

Regia Gabriele Muccino
Sceneggiatura Gabriele Muccino
Fotografia Arnaldo Catinari

Stefano Accorsi Vittoria Puccini
Sabrina Impacciatore Pierfrancesco Favino
Claudio Santamaria Giorgio Pasotti
Marco Cocci Daniela Piazza
Adriano Giannini Primo Reggiani

Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare 

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema - ACEC)

Giudizio: Consigliabile / superficialità

Tematiche: Famiglia, Famiglia - genitori figli, Matrimonio - coppia

I cinque ragazzi de "L'ultimo bacio" sono ora più che quarantenni e certo non stanno molto meglio di prima. Il problema non è il lavoro (né la posizione sociale) ma il (non) controllo della vita sentimentale. Qui c'è una generazione che, ubriacatasi di utopie, deve fare i conti con la propria incapacità di essere 'normale'. Questo è quanto si evince dallo sguardo che Muccino getta sui suoi coetanei: incerti, impauriti, indecisi quando si entra nel territorio degli affetti veri. Allora non si sa più distinguere tra giusto e sbagliato, tra vero e falso, tra valore e disvalore. Questa difficile materia é affrontata dal regista con molto coinvolgimento ma, forse, con troppa enfasi. In effetti l'eccessiva dilatazione narrativa (140') ingenera non pochi passaggi che sanno di ripetizione, appesantendo la fluidità del tono. Molti pianti, troppe grida, qualche personaggio 'costruito' (Adele): serviva più asciuttezza, mentre il suicidio finale resta in bilico su una conclusione che non c'é (che non si vuole trarre). Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come consigliabile sotto il profilo della visione d'insieme, segnalando tuttavia una certa superficialità rispetto alle problematiche affrontate.

Utilizzazione: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria, tenendo presente quanto accennato sopra circa gli argomenti importanti presenti nella trama (la generazione in esame, la famiglia, i figli, il lavoro...).

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Come siamo diventati, dieci anni dopo: disperato e sopra le righe, non convince il ritorno di Muccino

I sogni e le speranze dei trentenni di allora, il brutale "risveglio" dei quarantenni di oggi: Gabriele Muccino riprende in mano a quasi dieci anni di distanza le "vite" dei vari Carlo e Giulia (Stefano Accorsi e Giovanna Mezzogiorno, ora Vittoria Puccini), Marco e Veronica (Pierfrancesco Favino e Daniela Piazza), Alberto e Paolo (Marco Cocci e Claudio Santamaria), quest'ultimo da circa un anno "amante" di Livia (Sabrina Impacciatore), abbandonata molto prima da Adriano (Giorgio Pasotti), tornato oggi dopo la fuga di allora e due anni trascorsi in galera per incontrare finalmente il figlio mai visto, Matteo (Andrea Calligari), bambino di dieci anni.

Reunion attesa da nostalgici e fan de L'ultimo bacio, il ritorno in Italia di Gabriele Muccino coincide con un'opera tanto disperata e nichilista nelle premesse e nel primo sviluppo (disperazione che in più di un'occasione non riesce ad essere contenuta da interpretazioni ben oltre la soglia delle consuete "righe"), quanto consolatoria ed aperta ad inverosimili speranze nel finale, anticipato da una tragedia (semi)annunciata e da un lunghissimo percorso (2 ore e 20...) che, però, a conti fatti è il resoconto di una manciata di giorni.

Come sempre blindato da un innegabile gusto per la messa in scena e supportato dal buon lavoro di Arnaldo Catinari (che ritrova dai tempi di Come te nessuno mai), Muccino non riesce a svincolarsi dai consueti "marchi di fabbrica" che ne hanno sin qui caratterizzato la filmografia (scene madri a non finire, esasperazione vs. idilliache passeggiate in mezzo a campi di grano cari ad innumerevoli spot pubblicitari, furbissima colonna sonora di repertorio, con La chanson des vieux amants di Jacques Brel in prima fila), concedendosi ad omaggi forse nemmeno voluti (la casetta in campagna dove la moglie di Favino si spalanca ad un nuovo amore "sembra" la stessa in cui Tilda Swinton "rinasce" in Io sono l'amore di Guadagnino, così come il corridoio sotterraneo in cui gli amici si ritrovano per piangere il defunto "ricorda" da vicino il Saturno contro di Ozpetek) e a rimandi autoreferenziali simpaticamente discutibili (Accorsi e Pasotti che guardano il dvd di Io sono leggenda con Will Smith, inseparabile amico e collega della sua avventura a stelle e strisce). L'evoluzione di tutti i personaggi, come nel film precedente introdotta dalla voce over di Accorsi, rimane così intrappolata entro le spire di innumeri cerchi concentrici e situazioni ridondanti (la nuova compagna di Carlo, Anna, non è altro che un "grillo parlante" impegnato a ricordargli che non la amerà mai quanto amava la moglie, mentre la nuova fiamma di Veronica, fotografo e cantautore, suona il piano a torso nudo...), che nel "crescendo" finale - corse e rincorse da cardiopalma per il sospirato, ultimissimo bacio... - vengono annunciate e scandite da altrettante, infinite porte: la disillusione e l'amarezza degli ex trentenni falliti resta chiusa dietro, ma impossibile da cancellare. (Valerio Sammarco)

Gabriele Muccino

Sette anime La Ricerca della felicità  Baciami ancora - Locandina L'ultimo bacio - Poster Ricordati di me - Locandina Il mio miglior nemico Quello che so sull'amore - Gabriele Muccino - Poster L'estate addossso

I film della stagione 2009 / 2010


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail