Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Harry Potter e il principe mezzosangue

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Mentre sta per iniziare il suo sesto anno alla Scuola di Magia di Hogwarts, Harry Potter entra in possesso di un vecchio libro con una misteriosa iscrizione: "Questo libro è di proprietà del Principe Mezzosangue"

Il capitolo più dark della saga di Harry Potter segna grossi cambiamenti nella vita del piccolo mago e dei suoi amici. Rufus Scrimgeour, "la persona giusta che ci vuole in questi tempi difficili", prende il posto di Cornelius Caramell a capo del Ministero della Magia e Harry Potter si ritrova in eredità la casa del padrino Sirius Black. Nel frattempo il maghetto dovrà anche convincere Horace Lumacorno a tornare a Hogwarts e prendere il posto di Severus Piton come insegnante di Pozioni e insieme ai suoi amici scoprirà che il suo acerrimo nemico Draco Malfoy sta tramando qualcosa di losco con Sinister, il proprietario del negozio in cui si vendono e comprano oggetti di magia oscura. Harry scopre inoltre di essere innamorato di Ginny Weasley, la sorella minore di Ron, e non sopporta di vederla in compagnia del fidanzato Dean Thomas. Anche Ron è infastidito della loro unione e le crescenti tensioni porteranno lui e Hermione a litigare. L'amicizia tra i tre verrà messa alla prova ancora una volta.

R. Grint, E. Watson e D. Radcliffe Harry Potter e il principe Mezzosangue I due protagonisti del film

Regia David Yates
Sceneggiatura Steve Kloves

Daniel Radcliffe Emma Watson
Rupert Grint Jim Broadbent
Tom Felton Helena Bonham Carter
Alan Rickman Michael Gambon
Maggie Smith Julie Walters
Timothy Spall Warwick Davis
Jessie Cave David Thewlis

Harry Potter e il principe Mezzosangue Harry Potter e il principe Mezzosangue Harry Potter e il principe Mezzosangue

Biglietti esselunga Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema - ACEC)

Giudizio: Consigliabile/semplice **

Tematiche: Amicizia; Avventura; Letteratura; Male;

A pensarci bene, quel primo incontro ("Harry Potter e la pietra filosofale") sembra lontanissimo, perché si era nel 2001 e il protagonista aveva 11 anni. Oggi Daniel Radcliffe e i due amici Hermione e Ron sono ventenni e le situazioni con cui si confrontano si sono adeguate. Se centrale resta il tema della scelta, ora le strade sulla direzione da prendere si fanno più tortuose, impervie, difficili. Anche la macchina narrativa si mette in moto un po' a fatica. Dopo che ogni ruolo è tornato al proprio posto, l'ingresso in scena del prof. Horace Lumacorno (nuovo personaggio) fa scattare la scintilla della grande favola, e lo scenario si fa incalzante, fluviale, visionario. Per Harry (e per tutti) districarsi tra le infide vie dove si muovono bene e male, tenebra e luce diventa rischioso, e la necessità di fronteggiare le enigmatiche storie d'amore aggrava la situazione. Ci sono direzioni piene di insidie, mostri con cui combattere, sogni che si spezzano. Racconto di formazione, luogo di esaltazione della fantasia che annulla la realtà, il sesto capitolo riannoda i fili di una saga che va al cuore dell'incontro tra ragione, finzione, filosofia, con quel gusto anglosassone che sa di tradizione, di invenzione, di mito nordeuropeo. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come consigliabile, e nell'insieme semplice, volendo intendere che le molte suggestioni anche simboliche non inficiano il taglio spettacolare, scorrevole, coinvolgente.

Utilizzazione: il film è da utilizzare in programmazione ordinaria, per i piccoli accompagnati dai genitori, che comunque non si annoieranno.

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo ***** Cupo e visionario: la saga si tinge di dark

L'età dell'innocenza è finita, si capisce fin dalle prime immagini. Il sole è oscurato da nuvole nere, la gente guarda fuori spaventata. La sensazione di déjà vu è fortissima, questa volta però siamo a Londra, non a New York. Tre Mangiamorte, i seguaci di Lord Voldemort, sbucano dal cielo plumbeo e attraversano la città, seminando terrore e distruzione. Si muovono a spirale attorno al Millennium Bridge, che ondeggia e poi crolla nel fiume. E' l'incipit del suggestivo, visionario e cupissimo Harry Potter e il Principe Mezzosangue, diretto di nuovo da David Yates (Harry Potter e l'ordine della Fenice). Siamo alla resa dei conti, manca un libro (I doni della morte che sarà diviso in due film), Hogwarts non è più un luogo accogliente e la magia sempre meno un gioco da ragazzi. E' vero i tre protagonisti sono cresciuti (Daniel Radcliffe ha compiuto 20 anni), ma non sono i turbamenti amorosi a occupare i loro pensieri, fatta eccezione per Hermione (la deliziosa Emma Watson), che sospira e piange di nascosto per l'amico di un tempo Ron (Rupert Grint). Nel sesto episodio scopriamo moltissime cose: il passato di Tom Riddle attraverso i ricordi di Albus Silente (Michael Gambon), il ruolo di Horace Lumacorno (Jim Broadbent, new entry) nella trasformazione di Riddle in Voldemort, che ha diviso l'anima in sette oggetti: solo trovandoli tutti Harry potrà sconfiggerlo. Nel frattempo c'è la discesa agli inferi di Silente accompagnato da Harry, la scena del lago sotterraneo in cui sono accerchiati da morti viventi, l'esercito dei dannati di Voldemort, sembra davvero uscita dalle pagine del Paradiso Perduto di John Milton. Ancora, i Mangiamorte attaccano e neppure Silente sfugge alla loro furia: Harry è costretto ad assistere alla morte dell’antico maestro e amico senza poter fare nulla. Nel susseguirsi di colpi di scena c’è quello amarissimo in cui Piton, il vero Principe Mezzosangue (bravissimo Alan Rickman), si sporca le mani al posto del sinistro Draco Malfoy (Tom Felton), ora al servizio di Voldemort. E Harry Potter sembra più il Cavaliere Oscuro che il giovane mago del passato. (Marina Sanna)

La critica

'Harry Potter e il principe mezzosangue' è il film - che il 12 luglio ha anche inaugurato il festival di Giffoni - meglio riuscito della serie. Il lato oscuro della vicenda assume consistenza, caratterizzando con tinte forti tutto il racconto. Si può dire che, cresciuti i personaggi - adolescenti alle soglie dell'età adulta - è cresciuto anche il tono della narrazione. E lo spettacolo ne guadagna. Ciò grazie anche al lavoro del regista David Yates che aveva diretto anche il quinto episodio, 'Harry Potter e l'ordine della fenice', e dello sceneggiatore Steve Kloves che aveva adattato i primi quattro capitoli. Tra l'altro in questa pellicola la miscela di suspance soprannaturale e romanticismo - Harry, Ron, Hermione e gli altri giovani studenti di Hogwarts cominciano a sentire il richiamo delle passioni - raggiunge il giusto equilibro, rendendo più credibili le vicende dei protagonisti, chiamati a confrontarsi anche con gli stessi problemi dei coetanei 'babbani'. Inoltre, le piccole, grandi storie d'amore che si intrecciano - tra attese e cocenti delusioni, e non poche situazioni umoristiche - stemperano la crescente tensione. E sottolineano che non esistono formule magiche per evitare i "pericoli" dell'adolescenza. In tal senso siamo di fronte a un percorso di formazione. Che però fa solo da contorno. (...)

In questo lungometraggio, più che nei precedenti, gli intrecci narrativi da seguire sono diversi. La psicologia dei personaggi prende una forma più precisa. Nel quinto capitolo Harry viveva un periodo difficile, tormentato da sogni e da demoni personali, nel ricordo dei genitori uccisi da Voldemort. Ed era alla ricerca di risposte. Ora sembra non averne bisogno. Non si fa troppe domande; sa che ha un compito importante da svolgere. (...) Tutto sembra preparare e portare allo scontro finale tra il bene e il male. Che poi restano i veri protagonisti dell'intera saga, attorno alla quale in passato si sono accesi non pochi dibattiti. È stata chiamata in causa la spiritualità new age; non è mancata l'accusa di istigare i giovani alla fuga dalla realtà e di instillare in loro l'illusione che esistano poteri soprannaturali con i quali poter controllare a proprio piacimento il mondo. (...) Al contrario sembra ben chiara la linea di demarcazione tra chi opera il bene e chi compie il male, e l'identificazione del lettore e dello spettatore non fa fatica a indirizzarsi verso i primi. In quest'ultimo film in particolare la distinzione si fa persino più netta. Si è certi che compiere il bene è la cosa giusta da fare. E si comprende anche come questo a volte costi fatica, sacrificio. Inoltre viene stigmatizzata la ricerca spasmodica dell'immortalità, di cui Voldemort è l'emblema. E per questo non serve il ricorso alla magia. C'è una saggezza atavica che suggerisce di non cedere ai richiami di una impossibile eterna felicità sulla terra e all'illusione che tutto sia possibile. Le metaletture di questa favola fantasy trascendono, a volte, le reali intenzioni dell'autrice, che cerca solo di voler smascherare - questo sì - il mito di una ragione che pretende di avere una risposta per tutto. Sicuramente vanno oltre le interpretazioni che possono darne un bambino o un adolescente. È più probabile che alla fine della visione o della lettura, più che il fascino della magia (che rimane solo un pretesto ammaliatore) restino le scene che richiamano valori come l'amicizia, l'altruismo, la lealtà, il dono di sé." (Gaetano Vallini, 'L'Osservatore Romano', 13-14 luglio 2009)

"Doveva essere il film della definitiva «umanizzazione» per gli aspiranti maghi di Hogwarts, la scoperta che Harry, Ron e Hermione (...) hanno un cuore e anche una sessualità (sempre nei limiti concessi a una produzione hollyrwoodiana per adolescenti), ma dopo due ore e mezza cli avventure stiracchiate e per niente esaltanti, anche la scoperta delle pene d'amore dei tre amici finisce per perdere ogni tipo di interesse. (...) Soprattutto si perdono completamente quelle notazioni gotiche e horror che avevano fatto la forza degli ultimi film della serie, mente i giochi di seduzione e di gelosia tra maghetti e maghette sono raccontati con una superficialità quasi farsesca (vedi le smorfie a cui costringono il povero Ron) e soprattutto dando la sensazione di non crederci mai davvero. Perché il difetto più grande di questo sesto film è proprio nella regia lasca e anodina di David Yates, che tratta ogni cosa divertente, inquietante o avventuroso, poco importa con la medesima, stanca oggettività." (Paolo Mereghetti, 'Corriere della Sera', 14 luglio 2009)

"Sei episodi cominciano a essere tanti. (...) Questa è la solita struttura, riproposta di puntata in puntata. Meno logico, anche stavolta, è il susseguirsi di eventi: incursioni dì spiriti che terrorizzano Londra senza un perché; studenti di magia che, per essere riconoscibili come cattivi, devono essere ossigenatissimi e in abito nero, simili a nazisti in erba; ragazzine che si dicono innamorate, ma esprimono solo infantile possessività; docenti che, interpretati da attori di prestigio, vagano per Hogwarts cercando di non ridere per come il costumista li ha conciati. ll resto sono effetti speciali. Sempre quelli." (Maurizio Cabona, 'Il Giornale', 14 luglio 2009)

"Nonostante una morte solenne (in stile ObiWan Kenobi), il Libro VI è il meno efficace della saga del maghetto. Il film del riconfermato ma inesploso David Yates ne segue il filo trascurando buoni spunti e amplificandone le pecche. Il consueto scippo di tutto quanto fa gustosa epica postmedievale - Shakespeare, Tolkien, Disney, Merlino, Ariosto, i Grimm, la casa stregata al luna park - stavolta fa melina/cilecca: il 'fantastico' si abbassa a piatto 'fantasy' e anche la vena gialla della Rowling si appanna. (...) Funzionano qualche balzo visivo e i giochetti di pomicioso amor geloso tra ragazzi, il resto è clessidra inceppata. Persa la magica vivacità degli inizi (ridateci Chris Columbus!), la cartapesta potteriana oggi si crede dark, ma è color babbano stinto." (Alessio Guzzano, 'City', 17 luglio 2009)

"Qualche scena azzeccata, ancora bravo Alan Rickman nei panni dell'imperscrutabile Severus Piton, pozioni più potenti dell'LSM ma pessima struttura con cambiamenti improvvisi di tono e di pathos nel giro di una inquadratura. Inizio misterioso, estenuante parte centrale da commedia romantica, velocissima chiusa drammatica. Sulla pagina funziona ma con tre ex bambini protagonisti non puoi permettertelo. Non sono abbastanza attori da assorbire con corpo e voce i brutali colpi di scena. Radcliffe poi è sempre più legnoso. Saga artisticamente mai decollata. Ne mancano solo due". (Francesco Alò, 'Il Messaggero', 17 luglio 2009)

"Di sicuro per addentrarsi nel cupissimo finale della storia ci sarebbe voluto un regista ben più immaginifico di David Yates, che invece concede troppo agli sdilinquimenti dei tre giovani protagonisti, annacquando il racconto fra indistinti amorazzi e amori. E la millenaria guerra tra bene e male rischia così di venire oscurata da una banale tempesta d'amore." (Piera Detassis, 'Panorama', 23 luglio 2009)

"'Harry Potter e il principe mezzosangue' si limita ad essere un momento interlocutorio dell'intera vicenda e della sempiterna lotta fra bene e male. Ma gli effetti speciali sono fantastici, danno al film intensa bellezza visiva. Soprattutto metereologica, perché le cose più affascinanti dipendono dal tempo atmosferico: vasti paesaggi immersi nella nebbia o sepolti sotto la neve come un dipinto fiammingo; un temporale in cui tra le nuvole grigie grevi di pioggia scivolano i neri pelosi tentacoli del male (...) Ma la creatività narrativa e la forza del ritmo, insomma la regia mancano. Al confronto sembra un po' ridicolo l'investimento produttivo e pubblicitario profuso a favore del film, ma pazienza: ci aspettavano altre due opere, e poi è finita." (Lietta Tornabuoni, 'La Stampa', 17 luglio 2009)

Harry Potter

Harry Potter e la pietra filosofale - Poster Harry Potter e la camera dei segreti - Poster Harry Potter e il prigioniero di Azkaban - Locandina Harry Potter e il Calice di Fuoco - Locandina Harry Potter e il principe mezzosangue - Manifesto Harry Potter e i doni della morte (parte prima) - Manifesto Harry Potter e i doni della morte (parte seconda) - Poster

Quello che... non abbiamo fatto - I film della stagione 2008 / 2009


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail