Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Giù al nord

Giù al nord

Sabato 15 novembre Ore 21:00
Domenica 16 novembre Ore 16:00 e 21:00

Julie vive in una graziosa cittadina nel Sud della Francia e soffre di depressione. Suo marito Philippe, funzionario delle poste, per farla contenta, cerca di ottenere il trasferimento in Costa Azzurra, ma viene mandato in un villaggio al nord, Bergues, dove è costretto a confrontarsi con le tradizioni locali. Il Nord nell'immaginario collettivo dei sudisti è l'inferno... Ma sarà davvero così?

Da questo film sono tratti i due film con Claudio Bisio e Alessandro Siani Benvenuti al Sud e Benvenuti al Nord.

Regia Dany Boon
Sceneggiatura Dany Boon
  Alexandre Charlot
  Franck Magnier
Fotografia Pierre Aïm
Montaggio Luc Barnier
Musiche Philippe Rombi
Titolo originale Bienvenue chez les ch'tis

Kad Merad Dany Boon
Zoé Felix Lorenzo Ausilia-Foret
Anne Marivin Philippe Duquesne
Guy Lecluyse Line Renaud
Alexandre Carrière Patrick Bosso
Zinedine Soualem Michel Galabru
Stéphane Freiss Jérôme Commandeur

Vieni al cinema alla domenica sera - a Casatenovo costa meno - Prendi sei e paghi cinque - Tessere a scalare - Carta fidaty

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema - ACEC)

Giudizio: Accettabile, brillante **

Tematiche: Famiglia - genitori figli; Lavoro; Matrimonio - coppia; Rapporto tra culture

E' divertente, spigliata, simpatica questa commedia, campione d'incassi in Francia. Certo fuori dai contesti naturali, si fatica ad apprezzare esattamente i motivi di frizione, gli equivoci, le beffe. Se il ritmo tiene, e si resta coinvolti, è perché oltre alla comicità ci sono intelligenza e buon gusto, capacità di osservare problemi e difficoltà con occhio arguto e misurato. Un bel film che, dal punto di vista pastorale, è da valutare come accettabile, e nell'insieme brillante.

Utilizzazione: il film é da utilizzare in programmazione ordinaria e da proporre in altre circostanze come occasione di intrattenimento valido e ben riuscito.

cinematografo.it - Fondazione ente dello spettacolo Campione di incassi di ogni tempo in Francia, è la commedia di Dany Boon: gradevole, pulita, ma poco esportabile

Campione di incassi di tutti i tempi in Francia con 140 milioni di euro - a fronte di 11 milioni di budget - e oltre 21 milioni di spettatori, Giù al Nord (Bienvenue chez les Ch'tis) è ideato, scritto, diretto e interpretato da Dany Boon, comico poliedrico (teatro, tv, cinema) famosissimo in patria, e quasi sconosciuto da noi – a parte il duetto con Daniel Auteuil per Il mio migliore amico di Patrice Leconte.

Caso al botteghino e ancor più fenomeno sociale, Giù al Nord mette alla berlina i pregiudizi dei francesi del sud verso quelli del nord attraverso le avventure di Philippe Abrams (Kad Merad, ottimo), un funzionario della posta originario della Provenza, che per punizione viene trasferito al nord, nella cittadina di Bergues: scoprirà una popolazione accogliente e solare, e un dialetto complicato, lo Ch'ti.

Il doppiaggio italiano ha scelto condivisibilmente una "non lingua" anziché un dialetto nostrano, ma comunque si perde qualcosa. Rimane una commedia gradevole e pulita, ben scritta e interpretata, inedita in Francia ma vecchia per il nostro palato, almeno da Totò, Peppino e… la malafemmina del ’56. Arriverà, targato Medusa, anche un remake tricolore, ma non è detto sia una buona notizia. (Federico Pontiggia)

La critica

"A due anni dal furore che ha provocato in Francia, arriva anche sui nostri schermi 'Chez les Ch'tis' titolo correttamente - anche se non filologicamente - tradotto in italiano con 'Giù al nord'. (...) A guardare 'Chez les Ch'tis' i francesi si devono essere divertiti come gli italiani di fronte a Totò e Peppino (e la malafemmina...) che sbarcano a Milano col colbacco e la pelliccia di astrakan chiedendo al vigile: 'noio vulevan savuar l'indiris...'. L'effetto è lo stesso, almeno per i francesi. Per gli italiani sarà tutta una questione di doppiaggio, per il quale i curatori hanno scelto, non un dialetto già esistente, ma una sorta di "non lingua" inventata ex novo. Ispiratosi a Jacques Tati e a Dino Risi, il regista Dany Boon mette davanti all'obiettivo alcuni tra i migliori caratteristi d'oltralpe, capitanati da lui stesso, tra i comici cine-televisivi più amati in Francia. Tra i più felici del successo della pellicola, gli abitanti della zona protagonista, di solito ispiratori di storie tristissime di lavoro, miniere e suicidi. Finalmente anche loro potranno ridere dei cliché che sinora li hanno penalizzati. E intanto godersi dell'incremento di turismo (del 20 per cento) che ha felicemente colpito l'intera regione." (Roberta Ronconi, 'Liberazione', 24 ottobre 2008)

"Peccato che il doppiaggio non riesca a rendere i bisticci dell'originale (troppa grazia qualche copia sottotitolata?), e che il massimo campione d'incassi francese di sempre, in italiano resti una commediola. A riscoprire in chiave comico-sentimentale le piccole patrie, nella Francia si scoperchia il vaso di Pandora. Ma nel paese dei campanili è come sfondare una porta aperta." (Fabio Ferzetti, 'Il Messaggero', 7 novembre 2008)

Dany Boon

Supercondriaco - Ridere fa bene alla salute Giù al Nord Niente da dichiarare? - Manifesto Il mio migliore amico

I film della stagione 2008 / 2009


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail