Vai direttamente al contenuto [1] - Vai alla barra di navigazione [3] - Home page del sito [h] - Cinema e cineforum [c] - Teatro, musica e altri eventi [e]

Eldorado Road

Questo evento non è attualmente presente nella programmazione dell'auditorium

Per conoscere la nostra programmazione vai alla pagina con i film previsti oppure utilizza uno dei nostri canali informativi: newsletter, Facebook e twitter

Yvan, un collerico quarantenne che commercia in auto d'epoca, sorprende il giovane Elie mentre sta per rubare nel suo appartamento. Lo caccia con decisione ma, più tardi, lo rivede per strada intento all'autostop. Allora lo fa salire e accetta di accompagnarlo a casa dei genitori quasi al confine di Stato. Durante il viaggio si succedono alcuni strani incontri. A casa Elie, che in realtà si chiama Didier, subisce gli improperi del padre, così saluta la mamma e va via. Si fermano davanti ad una farmacia: Elie deve comprare una droga da somministrare ad un cane ormai in fin di vita. Yvan aspetta in macchina. Il giovane non fa più ritorno...

Regia Bouli Lanners
Sceneggiatura Bouli Lanners

Bouli Lanners Fabrice Adde
Philippe Nahon Didier Toupy
Françoise Chichéry Stefan Liberski
Baptiste Isaïa Jean-Jacques Rausin
Renaud Rutten Jean-Luc Meekers

Valutazione Pastorale (dal sito dell'Associazione Cattolica Esercenti Cinema ACEC)

Giudizio: Accettabile, realistico

Tematiche: Avventura; Famiglia - genitori figli

Si tratta di un piccolo 'road movie', cadenzato su alcuni episodi di pura finzione ma capaci di mescolare il reale con l'invenzione. Due protagonisti marginali si incontrano e restano insieme il tempo necessario a capire che non diventeranno amici. Si sorride amaramente di fronte alla peripezie di ostacoli che non finiscono mai. Potenzialmente carichi di comunicativa, i due restano nella solitudine dell'inizio, spersi nella loro paura di aprirsi. Ben descritto il momento dell'arrivo di Elie a casa dei genitori, con lui e il padre f.c. Delusione e tristezza del distacco, occhio comprensivo del regista. Sullo sfondo un Belgio quasi irriconoscibile, un Paese a sua volta in cerca di identità. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come accettabile, e in prevalenza realistico.

Il film é da utilizzare in programmazione ordinaria. Qualche attenzione é da tenere per i più piccoli in vista di passaggi televisivi o di uso di VHS e DVD.

Quello che... non abbiamo fatto

I film della stagione 2008 / 2009


HTML 4.01 Strict - WAI 1.0 - A - Facebook - twitter

auditorium di Casatenovo - Viale Parini, 1 - 23880 Casatenovo (Lecco)
Partita IVA: 01289690131 - Telefono e fax: 039 9202855

area riservata - informazioni legali - privacy policy - sponsor - web design - scrivici una e-mail